Archivio per la tag 'sicurezza'

Cinque modi per guardare i video di YouTube senza distrazioni, pubblicità e pericoli

Ecco una rassegna di 5 web app e tool per guardare video di YouTube (e altri portali) senza distrazioni e pericoli.

Gli  strumento, infatti, sono in grado di rimuovere gran parte degli elementi di deconcentrazione dai filmati, inclusi i collegamenti ai video correlati, gli annunci pubblicitari inappropriati e le annotazioni, fornendo così un’esperienza di visione più sicura.

Si tratta, pertanto, di valide risorse da utilizzare in classe con gli studenti che con pochi click possono generare contenuti video puliti che gli studenti (e chiunque altro) possono guardare in un ambiente protetto.

Tutto questo preserva dalla visione di contenuti osceni, offensivi ed inappropriati, soprattutto quando si tratta di bambini piccoli e di minori in genere e facalizza i contenuti sullo studio.

Di solito basta copiare l’URL di un video originale ed incollalo nella casella di ricerca delle app per ottenere un filmato che viene riprodotto su una interfaccia ordinata e pulita.

–  WhatchKin, non limita il numero di link che si possono creare e non mostra pubblicità o link fastidiosi, è gratuito e non richiede registrazione.

SafeShare.tv, app gratuita ma è necessario registrare un account. In questo modo si ottiene anche il pieno controllo sulle impostazioni di video e playlist. I video generati tramite SafeShare possono essere condivisi utilizzando un URL univoco o un codice QR e possono anche essere condivisi direttamente su Google Classroom.

– ViewPure , vecchio filtro per YouTube (risale al 2010), obsoleto come interfaccia grafica ma ancora funzionale.

– QuieTube , si tratta di un bookmarklet da trascinare sulla toolbar del vostro browser per guardare i video di YouTube senza distrazioni. Quando si raggiunge il video che interessa basta cliccare sul bottone, tutto il contorno sarà eliminato e lo vedrete in una pagina bianca senza alcun orpello.

– DF Tube, una comoda estensione per il browser Chrome.

SafeShare TV: un’ottima web app per guardare video di YouTube senza distrazioni e pericoli anche su Google Crassroom

SafeShare TV è un’ottima web app per guardare video di YouTube e Vimeo senza distrazioni e pericoli.

Lo strumento, infatti, è in grado di rimuovere tutte gli elementi di deconcentrazione dai filmati, inclusi i collegamenti ai video correlati, gli annunci pubblicitari inappropriati e le annotazioni, fornendo così un’esperienza di visione più sicura.

Safeshare TV, pertanto, è sicuramente una valida risorsa da utilizzare in classe con gli studenti.

L’aspetto più interessante dell’applicazione è che con un solo clic si possono generare contenuti video puliti che gli studenti (e chiunque altro) può guardare in un ambiente sicuro.

Il suo funzionamento è semplicissimo: basta copiare l’URL di un video originale ed incollalo nella casella di ricerca di SafeShare per ottenere un filmato che viene riprodotto su una interfaccia ordinata e pulita.

Le versioni SafeView dei video, offrono inoltre anche la possibilità di ritagliare un pezzo dei video per mostrare solo le parti e i contenuti che desideriamo condividere in modo da ottenere video clip focalizzati per lo studio.

In questo modo l’insegnate, non solo risparmierà tempo, ma ridurrà di gran lunga anche le possibilità che gli studenti si distraggano e perdano la concentrazione, oltre ad evitare il pericolo di mostrare contenuti inappropriati.

Si può anche modificare il titolo e la descrizione del video direttamente in SafeShare. Modificando la descrizione è possibile condividere con gli studenti solo le istruzioni e le spiegazioni specifiche riguardanti il contenuto del video o inserire domande per una verifica.

Per utilizzare l’app gratuitamente è necessario registrare un account. In questo modo si ottiene anche il pieno controllo sulle impostazioni di video e playlist.

I video generati tramite SafeShare possono essere condivisi utilizzando un URL univoco o un codice QR. I link possono anche essere condivisi direttamente su Google Classroom.

PDF Unshare: software per creare documenti PDF protetti che non possono essere condivisi né stampati

PDF Unshare è un software per creare documenti PDF protetti che non possono essere condivisi né stampati.

Il formato PDF, infatti, si usa soprattutto per la distribuzione di documenti con l’intento che chiunque potrà leggerlo nel rispetto del formato originale, senza che qualcuno lo possa modificare.

L’invio di un documento DOC di Word o prodotto da altre applicazioni per ufficio comporta il fatto che esso non posa essere letto o che qualcuno lo possa modificare e condividere nel web.

La distribuzione non autorizzata di contenuti PDF è purtroppo ormai una consuetudine, soprattutto per aggirare i vincoli del copyright. Per evitare tutto questo si può creare un PDF che contenga la protezione dalla copia. 

PDF Unshare offre anche una versione gratuita del suo software in grado di crittografare e proteggere file PDF e UPDF con impostazioni di autorizzazione specifiche per vietare a chiunque di stampare e modificare i documenti e soprattutto di impedire a utenti non autorizzati di copiare informazioni riservate.

Il software è destinato a chi cerca soluzioni di crittografia di facile utilizzo per proteggere i dati sensibili. Il programma non utilizza password per proteggere i file PDF, dal momento che esse possono essere facilmente condivise o eliminate da programmi di decrittografia.

PDF Unshare protegge i file PDF con chiavi di crittografia individuali che sono trasmesse ai dispositivi autorizzati da un server web e crittografate sul dispositivo locale. 

Come si può facilmente intuire si tratta di un’applicazione non per tutti, ma specificamente utile per aziende o enti che hanno bisogno di condividere contenuti non modificabili con specifiche persone.

Le professioni più retribuite del settore informatico

Il mondo dell’informatica è ormai la chiave di volta di tutte le nostre attività: il lavoro, le relazioni sociali, il commercio si svolgono tutte, in gran parte, attraverso Internet e quindi il settore informatico. Se da una parte l’informatizzazione ha diminuito in diversi ambiti il numero dei posti di lavoro dal momento che molte funzioni vengono svolte attraverso un computer, dall’altro lato si è creato tutto un nuovo filone di professioni legate proprio al mondo della tecnologia e dell’informatica. Basti guardare a quanti esperti di computer, creatori di siti web e programmatori – per nominarne solo alcuni – sono oggi presenti.

Come in qualsiasi altro settore lavorativo, più una determinata professione è richiesta dal mercato, e maggiore è la sua remunerazione, soprattutto se la scelta in relazione ai professionisti non è molto ampia e la concorrenza non porta al ribasso i compensi. Un esempio è quello dei programmatori: anche chi non è un grande esperto di informatica può intuire l’importanza di questo ruolo. Basti pensare che senza di loro, il computer servirebbe a ben poco. Sul sito Aulab.it puoi trovare una panoramica completa su quale sia il compenso medio per chi svolge questa professione, anche in base alle diverse qualifiche (ad esempio se junior, senior o full stack).

Qual è il percorso per iniziare a lavorare nell’informatica? La strada tradizionale (che però non è sempre quella più seguita) è quella di conseguire una laurea in informatica. Da lì poi sono diverse le specializzazioni che possono essere aggiunte. Tuttavia molti professionisti che lavorano nel settore tecnologico non hanno seguito un percorso di studi ad hoc il più delle volte: la passione, unita alla possibilità di imparare da autodidatta grazie ai materiali formativi che si trovano su Internet o attraverso dei corsi, possono sostituire in gran parte un percorso universitario specifico.

I lavori più richiesti nel mondo del digitale

Man mano che la tecnologia è stata applicata ai diversi settori della nostra quotidianità, sono emerse professioni sempre più specializzate: un esempio su tutti è quello dell’e-commerce. Se all’inizio chi voleva offrire i propri servizi o aprire un negozio online si accontentava di un sito web, oggi c’è tutto un comparto legato al commercio online che si focalizza sulla promozione digitale delle attività. Esperti SEO e SEM sono ormai delle figure immancabili per il marketing digitale, e quindi per il successo stesso di un e-commerce.

 Il settore più remunerativo rimane quello relativo alla sicurezza informatica, e non è difficile capire il perché. Aziende piccole e grandi, ma anche governi e associazioni sanno quanto siano importanti le informazioni contenute nei loro sistemi informatici. Trovare degli esperti in grado di proteggere tali dati è di importanza cruciale, ed è proprio la delicatezza e la complessità della materia a rendere gli esperti di sicurezza informatica difficili da trovare. Lo stipendio medio negli Stati Uniti per chi si occupa di questo settore si aggira sugli 80.000 USD l’anno, una cifra che ripaga bene delle lunghe ore di lavoro spesso richieste quando si scoprono delle falle che devono essere riparate al più presto.

Un’altra figura che riceve una remunerazione di tutto rispetto è il Chief Digital Officer, ovvero colui che si occupa di tutto il settore digitale di un’azienda, supervisionando le varie divisioni più specifiche e coordinandole tra loro. Un altro dei ruoli emergenti degli ultimi anni, e ben retribuito, è quello del Digital Media Planner ovvero colui che si occupa di gestire l’attività di un’azienda attraverso i vari canali dei media, in primis ovviamente i social media.

Uno degli aspetti positivi del mondo dell’informatica è proprio la sua continua evoluzione: professioni che fino pochissimi anni fa erano impensabili, oggi sono tra le più richieste, e anche tra le più remunerative.

Post a cura di Aluab.it

Bitdefender Internet Security: uno dei migliori software antivirus

Bitdefender Internet Security è considerato uno dei migliori software antivirus in circolazione, basta fare una ricerca su internet e leggere le recensioni degli utenti o dei siti specializzati per rendersene conto.

Non a caso i punteggi di Bitdefender nei test di protezione dei laboratori indipendenti per questo genere di programma sono molto buoni.

L’antivirus della software house rumena offre un’ottima protezione contro i malware e i nuovi tipi di minacce internet come i cosiddetti ransomware, ossia quei tipi di malware che limitano l’accesso al dispositivo infettato e che richiedono un riscatto da pagare per rimuovere la limitazione, compromettendo così l’utilizzo dei nostri preziosi file.

Un’altra caratteristica importante di Bitdefender Internet Security, a mio avviso, è il basso impatto che esso ha sulle prestazioni del sistema operativo, mantenendolo fluido e privo dei rallentamenti riscontrati con altre suite di programmi antivirus. Tutto ciò è confermato ancora una volta dai test di laboratorio.

Sebbene i moderni PC integrino tale funzione Bitdefender offre anche la funzione di protezione della webcam, andando a tutelare sempre meglio la privacy degli utenti e le possibili intrusioni indesiderate di malintenzionati.

Ci sono tante altre caratteristiche importanti del software che si possono leggere sul sito, in particolare è interessante la funzione di crittografia e di protezione tramite password dei documenti presenti sulla nostra macchina.

Bitdefender è utile anche per chi ha bisogno di un VPN, ossia di una cosiddetta rete virtuale privata in modo da accedere a siti e contenuti online in incognito senza il rischio di essere spiati, come per esempio le reti torrent o i servizi di home banking.

Utile anche il parental control, ossia la possibilità da parte dei genitori di selezionare i contenuti a cui i figli possono accedere e visualizzare. Ovviamente tale funzione non è esclusiva dei rapportn famigliari ma di chiunque abbia la necessità di limitare l’utilizzo e la fruibilità di contenuti in un computer condiviso da più utenti.

Bitdefender Internet Security è un software a pagamento che offre uno sconto consistente a chi lo voglia acquistare ed installare per difendere i propri device.

Amazon Cloud Drive Italia

Amazon Cloud Drive arriva in Italia con i suo 5GB di storage online gratuiti e vari piani a pagamento molto convenienti.

Amazon Cloud Drive giunge accompagnato da MP3 Cloud Player che consente di salvare e riprodurre gratuitamente fino a 250 in streaaming canzoni via web.

Cloud Drive e Cloud Player, oltre ad una chiara interfaccia web, offono software gestionali per Windows e Mac e applicazioni per iOS (iPhone, iPod Touch, iPad), smartphone e tablet Android.

Amazon Cloud Drive è un’eccellente alternativa a DropBox e Google Drive.

Pixel Art

Pixel Art

Coding

Coding

Maestro Alberto Scuola Primaria

Maestro Alberto albertopiccini.it
Se cerchi notizie sulla Scuola Primaria clicca sopra

Seguimi nei social e metti un like :)