Archivio per la tag 'software'

LetsView: app per trasmettere lo schermo di qualsiasi smartphone e tablet a PC e Mac senza cavi e viceversa con lavagna virtuale integrata

LetsView è una comoda app con cui trasmettere lo schermo di qualsiasi smartphone e tablet a PC e Mac senza cavi e viceversa.

Ciò è possibile perché il mirroring tra device avviene via wi-fi e quindi non c’è bisogno di una connessione fisica cablata.

L’app è disponibile gratuitamente per Windows, Mac, Android, iOS e smart TV.

Sebbene siano disponibili vari metodi per usare un tablet o uno smartphone Android, un iPad o un iPhone come secondo schermo di un computer o di un Mac, anche semplici e integrati direttamente nei sistemi operativi (come Sidecar per Apple e le app Connetti e Il Mio Telefono per Windows), l’operazione inversa, ossia proiettare lo schermo di un dispositivo mobile su PC e Mac non è sempre immediata e a volte anche costosa se acquistiamo altre app specifiche similari.

LetsView può essere scaricata dal loro sito, dallo store di Apple e dal Play Store ed installata nei dispositivi che vogliamo interfacciare.

Una volta lanciata sarà la stessa app a guidarvi per connettere i device tramite una stessa rete wi-fi, requisito fondamentale affinché funzioni.

L’interfaccia grafica di LetsView presenta due sezioni: lo screen mirroring del telefono e lo screen mirroring del computer.

Ci si può interfacciare in vari modi a seconda di cosa stiamo usando semplicemente attraverso le impostazioni dei dispositivi o tramite codice QR e PIN.

La connessione funziona molto bene sebbene ci sia un inevitabile lag che dipende anche dalla velocità di banda della connessione wi-fi che utilizziamo.

È possibile selezionare nelle impostazioni vari parametri: la risoluzione dello schermo, la qualità del flusso, decidere se inviare anche l’audio del telefono al computer, selezionare la modalità risparmio energetico, stabilire se mostrare il cursore del computer o meno.

La funzione più interessante, tuttavia, è che LetsView integra nell’app una vera e propria lavagna digitale, molto minimale, composta essenzialmente da una matita.

In questo modo telefoni e tablet diventano una vera e propria mini lavagna portatile touch da usare nelle riunioni in video conferenza, per annotazioni, per avviare presentazioni, nelle lezioni a distanza ma anche in azienda o nelle aule scolastiche collegata a una LIM o un pannello touch.

Gli insegnanti dunque possono replicare lo schermo del telefono o del tablet su PC, Mac e TV per interagire con gli studenti in mobilità, senza cavi e di mostrare file, materiali didattici ed esercizi in modo semplice ed efficace.

In buona sostanza si può controllare il PC da dispositivi Android e iOS, proiettare video in streaming e visualizzare documenti contenuti nel telefono o tablet sul computer.

LetsView consente di trasmettere i giochi mobili su PC o TV in uno schermo più grande e, allo stesso modo, di trasmettere musica.

Il software, infine, permette di eseguire il mirroring dello schermo nelle sempre più diffuse applicazioni AR e VR (realtà aumentata e realtà virtuale).

LetsView offre un browser integrato e funziona anche come file manager in quanto consente di trasferire file tra un dispositivo mobile e un computer, così da poter condividere qualsiasi dato tramite lo screen mirroring.

Soprattutto il sito in Inglese di LetsView offre un sacco di guide e tutorial anche video su come usare l’app, sebbene siano operazioni piuttosto semplici ed intuitive.

Deskreen: trasformare un tablet o uno smartphone in un secondo schermo senza cavi via Wi-Fi

Deskreen è un software gratuito in grado di trasformare un tablet o uno smartphone in un secondo schermo senza cavi via Wi-Fi e browser internet in modo semplicissimo.

Si tratta di un’applicazione open source multi piattaforma disponibile per Windows, Mac e Linux

Lo strumento è in grado di trasformare qualsiasi dispositivo in un secondo schermo in pochi click, non solo tablet e smartphone ma anche un altro computer o addirittura una smart tv.

Una volta installato sul computer Deskreen fornirà un codice QR che possiamo scansionare e il secondo device si connetterà in pochi secondi al principale dopo aver autorizzato il collegamento tra dispositivi.

Il tutto funziona molto bene senza lag e la rapidità di esecuzione dipende anche dalla velocità della connessione.

È possibile addirittura connettere più dispositivi contemporaneamente come display virtuali.

Vedi il breve video tutorial sotto sul suo funzionamento:

Perfetto per la produttività in generale ed ottimo nella didattica a distanza quando spesso gli insegnanti hanno bisogno di un display secondario nelle video lezioni.

Image to Sketch: convertire immagini e foto in disegni grazie all’intelligenza artificiale

Image to Sketch è una web app in grado di convertire immagini e foto in disegni grazie all’intelligenza artificiale.

Rispetto ad altre applicazioni simili o filtri fotografici, i risultati che si possono ottenere con questa app sono davvero interessanti.

Senza la necessità di registrarsi, è sufficiente accedere al sito e trascinare sull’apposito riquadro un’immagine da elaborare, oppure caricare il file di una foto.

Image to Sketch consente l’upload di immagini di dimensioni fino 5000 X 5000 pixel in formato PNG o JPG.

Una volta caricata un’immagine, dopo una breve attesa, compariranno ben 10 risultati ricavati da diversi trattamenti dell’AI di questa piattaforma.

Tutte le illustrazioni ottenute possono essere scaricate separatamente come file JPG.

Si possono ottenere risultati di qualità anche se appariranno pure altre conversioni meno buone: tutto dipende dalla foto caricata.

Image to Sketch rispetta la privacy poiché il trasferimento delle immagini avviene tramite connessione crittografata. Le foto, infatti, dopo essere state elaborate sono rimosse dai loro server.

Il servizio è totalmente gratuito anche se  è prevista in futuro una versione pro a pagamento con funzionalità avanzate. Sono previste inoltre anche applicazioni per iOS e Android che sono già in fase di sviluppo.

Snippyly: estensione Chrome per catturare schermate, editarle, condividerle al volo e collaborare in tempo reale con chiunque

Snippyly è un’estensione di Chrome gratuita che permette di catturare screenshot di pagine web ed editarli al volo.

Si tratta di uno strumento incentrato sulla privacy non solo per acquisire schermate, ma anche per annotare e collaborare istantaneamente in tempo reale con chiunque in tutto il mondo.

Funziona su Windows, Mac, Chrome OS o qualsiasi piattaforma desktop in cui è disponibile Chrome.

L’estensione funziona su qualsiasi tipo di computer e con qualsiasi sistema operativo, anche datato, dal momento che avviene tutto via browser.

Snippyly è un tool in grado di semplificare la nostra vita e il nostro lavoro grazie alla sua immediatezza e facilità d’uso.

Per avviare lo strumento, una volta installato da qui, basta fare clic sulla sua icona a forma di forbice o utilizzare la scorciatoia di tastiera Ctrl-Maiusc-Y (Cmd-Maiusc-Y su Mac) per acquisire lo screenshot di una qualsiasi pagina web visualizzata in modo rapidissimo.

Si aprirà immediatamente lo strumento di modifica di Snippyly, in una nuova scheda del browser proprio accanto all’originale.

Tramite il semplice editor si può ritagliare l’immagine catturata, aggiungere rettangoli e frecce, inserire scritte di testo come e dove si vuole.

Si possono anche nascondere parti della pagina facendo clic sull’opzione “Hide” disegnando un riquadro sull’area che si desidera oscurare.

Si può anche scaricare la schermata ottenuta ed editata in formato PNG e salvare il nostro lavoro online ma solo se registriamo un account (anche tramite Google sign-in). L’estensione, tuttavia, funziona liberamente senza bisogno di nulla.  

Si può ovviamente ritagliare una parte dello screenshot e aggiungere commenti, che appaiono come punti esclamativi animati che si espandono in thread di discussione interattivi quando si fa clic sopra una volta condivisi.

Lo strumento può anche essere avviato dal menù contestuale di Chrome con un ritardo di 3 secondi tramite un clilc con il tasto destro del mouse o della trackpad.

La vera forza di Snippyly pertanto è il modo in cui consente di condividere qualsiasi screenshot salvato e la possibilità di trasformarlo in una scheda di condivisione e dialogo interattiva dall’impatto decisamente social.

Non c’è bisogno di download, di nessun allegato da caricare su Whatsapp, Gmail o mille altre applicazioni sim ili evitando confusione.

Invece di fare il tipico salvataggio e ricarica, basta semplicemente fare clic sul grande pulsante rosso “Share” nell’angolo in alto a destra di Snippyly, e poi condividere con altre persone un link di accesso e modifica o un semplice link di accesso limitato alla sola visualizzazione.

In buona sostanza l’estensione permette a più utenti da remoto di apportare modifiche contemporaneamente a una pagina web, proprio come accade per esempio in Google Docs e consente di spiegare facilmente le cose, fornire feedback e di semplificare la condivisione di contenuti con i colleghi o i clienti.

Snippyly, ovvero quando gli strumenti di cattura dello schermo e condivisione diventano social.

Wormhole: web app alternativa a WeTransfer per inviare grandi file in modo più veloce e sicuro

Se cercate un’alternativa a WeTransfer (o siti simili) Wormhole fa proprio al vostro caso.

Si tratta infatti di un servizio che consente di condividere file molto rapidamente e con crittografia end-to-end per impedire a chiunque di spiare i dati durante il trasferimento.

Per esempio, quando i file sono ospitati sui server Dropbox, sebbene siano crittografati, è possibile impadronirsi di una chiave che permette di decrittografarli, mentre Wormhole non ce l’ha e quindi nessuno può intromettersi.

Questo strumento gratuito, inoltre, ha un vantaggio significativo rispetto a WeTransfer, vale a dire la velocità di trasferimento dei file.

Con Wormhole, infatti, non è necessario attendere il completamento del caricamento del file per poter ottenere il link da condividere e la perdona che lo ottiene può avviare il download anche se l’upload non è completamente terminato.

Un altro grande vantaggio è che mentre WeTransfer richiede l’indirizzo email dell’utente e mostra anche annunci pubblicitari,  al momento con Wormhole non c’è bisogno di registrarsi.

La web app presenta un’interfaccia molto semplice attraverso la quale è possibile selezionare il file da trasferire cercandolo sul computer oppure trascinandolo direttamente nell’apposita casella.

È possibile trasferire file fino a 10 GB. I file grandi fino a 5 GB verranno archiviati sui loro server per 24 ore prima di essere completamente eliminati, mentre i file di dimensioni superiori a 5 GB, saranno trasferiti in modo diretto tramite p2p, quindi gli utenti dovrebbero mantenere la pagina web aperta fino a quando i file non sono stati completamente scaricati dai destinatari.

Wormhole offre anche applicazioni gratuite per Windows e Mac.

Registrare lo schermo del computer, una finestra, una scheda di Chrome senza installare nulla con RecordScreen.io

RecordScreen.io è una web app che permette di registrare lo schermo del computer, una singola finestra, una scheda di Chrome senza installare nessun software.

Lo strumento funziona direttamente sul browser e non processa i video generati su server esterni, ciò lo rende estremamente sicuro e tutela la privacy di chi lo usa.

Il suo funzionamento è semplicissimo, per avviare lo screencast basta accedere al sito e cliccare sul pulsante record.

A questo punto (come si vede dall’immagine sopra) ci sarà chiesto se registrare solo lo schermo oppure se inserire anche una bolla per registrare la webcam con noi che stiamo parlando e dove piazzarla. Dopodiché è sufficiente avviare la registrazione cliccando su start recording.

A questo punto dovremo concedere i permessi per abilitare microfono e fotocamera del computer e avviare la cattura.

Le opzioni sono tre: scegliere di registrare tutto quanto avviene sullo schermo del computer, decidere di registrare solo una finestra dell’applicazione aperta oppure una scheda di Chrome.

La registrazione può essere interrotta cliccando sull’avviso che appare sul computer oppure dalla scheda del browser da cui abbiamo lanciato ScreenRecord.io.

Allora potremo visualizzare l’anteprima del filmato realizzato e procedere al download.

Il formato video prodotto è WEBM, perfettamente compatibile con Google Drive e pertanto può essere facilmente condiviso nel web ed utilizzato in Google Workspace for Education.

Il video può anche essere riprodotto con un click proprio all’interno del browser senza usare un player apposito.

Non c’è la possibilità di modificare il filmato perché l’applicazione non fornisce strumenti di editing per cui, al bisogno, è necessario ricorrere a software appositi.

RecordScreen.io è un’app estremamente utile, gratuita e funzionale che non richiede nemmeno di creare un account.

Seguimi

Pixel Art

Pixel Art

Coding

Coding

albertopiccini.it

Se stai cercando notizie e contenuti sul mondo della Scuola Primaria, clicca sul banner sopra.