Archivio per la tag 'screen sharing'

LetsView: app per trasmettere lo schermo di qualsiasi smartphone e tablet a PC e Mac senza cavi e viceversa con lavagna virtuale integrata

LetsView è una comoda app con cui trasmettere lo schermo di qualsiasi smartphone e tablet a PC e Mac senza cavi e viceversa.

Ciò è possibile perché il mirroring tra device avviene via wi-fi e quindi non c’è bisogno di una connessione fisica cablata.

L’app è disponibile gratuitamente per Windows, Mac, Android, iOS e smart TV.

Sebbene siano disponibili vari metodi per usare un tablet o uno smartphone Android, un iPad o un iPhone come secondo schermo di un computer o di un Mac, anche semplici e integrati direttamente nei sistemi operativi (come Sidecar per Apple e le app Connetti e Il Mio Telefono per Windows), l’operazione inversa, ossia proiettare lo schermo di un dispositivo mobile su PC e Mac non è sempre immediata e a volte anche costosa se acquistiamo altre app specifiche similari.

LetsView può essere scaricata dal loro sito, dallo store di Apple e dal Play Store ed installata nei dispositivi che vogliamo interfacciare.

Una volta lanciata sarà la stessa app a guidarvi per connettere i device tramite una stessa rete wi-fi, requisito fondamentale affinché funzioni.

L’interfaccia grafica di LetsView presenta due sezioni: lo screen mirroring del telefono e lo screen mirroring del computer.

Ci si può interfacciare in vari modi a seconda di cosa stiamo usando semplicemente attraverso le impostazioni dei dispositivi o tramite codice QR e PIN.

La connessione funziona molto bene sebbene ci sia un inevitabile lag che dipende anche dalla velocità di banda della connessione wi-fi che utilizziamo.

È possibile selezionare nelle impostazioni vari parametri: la risoluzione dello schermo, la qualità del flusso, decidere se inviare anche l’audio del telefono al computer, selezionare la modalità risparmio energetico, stabilire se mostrare il cursore del computer o meno.

La funzione più interessante, tuttavia, è che LetsView integra nell’app una vera e propria lavagna digitale, molto minimale, composta essenzialmente da una matita.

In questo modo telefoni e tablet diventano una vera e propria mini lavagna portatile touch da usare nelle riunioni in video conferenza, per annotazioni, per avviare presentazioni, nelle lezioni a distanza ma anche in azienda o nelle aule scolastiche collegata a una LIM o un pannello touch.

Gli insegnanti dunque possono replicare lo schermo del telefono o del tablet su PC, Mac e TV per interagire con gli studenti in mobilità, senza cavi e di mostrare file, materiali didattici ed esercizi in modo semplice ed efficace.

In buona sostanza si può controllare il PC da dispositivi Android e iOS, proiettare video in streaming e visualizzare documenti contenuti nel telefono o tablet sul computer.

LetsView consente di trasmettere i giochi mobili su PC o TV in uno schermo più grande e, allo stesso modo, di trasmettere musica.

Il software, infine, permette di eseguire il mirroring dello schermo nelle sempre più diffuse applicazioni AR e VR (realtà aumentata e realtà virtuale).

LetsView offre un browser integrato e funziona anche come file manager in quanto consente di trasferire file tra un dispositivo mobile e un computer, così da poter condividere qualsiasi dato tramite lo screen mirroring.

Soprattutto il sito in Inglese di LetsView offre un sacco di guide e tutorial anche video su come usare l’app, sebbene siano operazioni piuttosto semplici ed intuitive.

Deskreen: trasformare un tablet o uno smartphone in un secondo schermo senza cavi via Wi-Fi

Deskreen è un software gratuito in grado di trasformare un tablet o uno smartphone in un secondo schermo senza cavi via Wi-Fi e browser internet in modo semplicissimo.

Si tratta di un’applicazione open source multi piattaforma disponibile per Windows, Mac e Linux

Lo strumento è in grado di trasformare qualsiasi dispositivo in un secondo schermo in pochi click, non solo tablet e smartphone ma anche un altro computer o addirittura una smart tv.

Una volta installato sul computer Deskreen fornirà un codice QR che possiamo scansionare e il secondo device si connetterà in pochi secondi al principale dopo aver autorizzato il collegamento tra dispositivi.

Il tutto funziona molto bene senza lag e la rapidità di esecuzione dipende anche dalla velocità della connessione.

È possibile addirittura connettere più dispositivi contemporaneamente come display virtuali.

Vedi il breve video tutorial sotto sul suo funzionamento:

Perfetto per la produttività in generale ed ottimo nella didattica a distanza quando spesso gli insegnanti hanno bisogno di un display secondario nelle video lezioni.

Loom: registrare lo schermo del computer per creare lezioni e video tutorial

Loom è uno strumento gratuito per lo screencasting con cui è possibile registrare facilmente tutto quello che avviene nello schermo del computer per creare lezioni e video tutorial.

Si tratta di una semplice estensione per il browser Chrome che va istallata direttamente dalla homepage, dopodiché è necessario effettuare il login tramite un account Google o Outlook.

Vi sarà chiesto infine di autorizzare l’uso del microfono e della webcam e sarete pronti ad usare l’applicativo.

Ciò significa che non sarà necessario installare alcun software e che lo strumento funzionerà via browser in qualsiasi sistema operativo, Windows, Mac o Linux che sia.

Vi sarà chiesto poi se proseguire con un account dedicato al lavoro, personale o educational e di concludere la registrazione esprimendo almeno tre motivi per cui userete l’applicazione.

Loom a questo punto è in grado di registrare lo schermo del computer e, in aggiunta, di includere l’opzione di usare la webcam per registrare la narrazione di chi spiega  lo screencast nel video.

Dovrete successivamente decidere se registrare sia lo schermo sia la webcam contemporaneamente o solo schermo o solo webcam e se attivare l’audio o meno.

È anche possibile decidere se registrare la singola finestra attiva, per esempio del browser, o tutte le attività che stiamo svolgendo nel computer. 

Dopo un breve countdowwn Loom sarà pronto a registrare.

Potrete spostare liberamente la bolla della webcam in ogni parte dello schermo e, conclusa la registrazione, basterà cliccare sull’icona del plugin in alto a destra su Chrome per interrompere e salvare il video ottenuto.

Si aprirà una nuova scheda del browser da dove si può condividere il filmato tramite un apposito link, nei social, oppure prelevare il codice per incorporarlo in una pagina web.

Loom consente pertanto anche l’invio via email dello screencast a colleghi o studenti.

Le video registrazioni saranno salvate sull’account Loom dell’utente e potranno essere riprese in qualsiasi momento. I filmati potranno anche essere scaricati in formato MP4.

Il video ottenuto durante una registrazione potrà essere anche parzialmente editato ed in particolare, con la nuova versione di Loom, sarà possibile effettuare tagli e aggiungere emoticon.

Si tratta, in conclusione, di uno strumento semplice ma allo stesso tempo potente, da usare in qualsiasi momento senza il bisogno di installare alcun software, che non presenta le funzioni professionali di altri strumenti dedicati allo screencasting, tipo Camtasia di Snagit per esempio, ma che può tornare molto utile per la sua immediatezza e la sua facilità d’uso.

Non dimentichiamo inoltre che Loom è uno strumento del tutto gratuito e in fase di sviluppo e miglioramento.

Screenleap: condividere lo schermo del computer con altre persone in tempo reale

Screenleap è un’applicazione web che consente di condividere lo schermo del computer con altre persone.

Il tutto avviene senza doversi registrare obbligatoriamente e senza installare niente sul pc (per funzionare richiede solo Java).

Basta cliccare sull’apposito bottone per ottenere un link da inviare agli amici con cui vogliamo condividere il nostro desktop.

Il servizio consente di condividere tutto lo schermo o una zona specifica.

Screenleap funziona in tutti i sitemi operativi, in tutti i browser aggiornati e fornisce una comoda estensione per Chrome con cui condividere il desktop in tempo reale via Gmail.

Gyazo: software gratuito per catturare schermate e condividere immagini online nei social network

gyazo

Gyazo è un funzionale software gratuito per catturare schermate e condividere immagini online nei social network.

E’ disponibile per Windows, Mac e Linux. Una volta installato e lanciato vi si possono catturare screenshot di pagine web selezionado con il mouse la porzione dello schermo da imprimere.

L’immagine ottenuta sarà salvata nella clipboard, la memoria del computer, e automaticamente anche in Gyazo.

Si potrà dunque condividerla online semplicemente incollando un apposito link, per esempio in un messaggio di Twitter, di FaceBook o in una email, in Tumblr, in Skype e via dicendo.

Gyazo è una applicazione minimalista, non fornisce alcun editor grafico e le immagini non possono essere modificate. Almeno per ora.

Da preferire per la facilità d’uso e l’immediatezza.

Mikogo: strumento per lo screen sharing


Mikogo è uno strumento per lo screen sharing, ossia per la condivisione remota dello schermo del computer.

Un’ottima risorsa per partecipare o organizzare riunioni in Internet, lezioni, conferenze, incontri di lavoro.

Mikogo è un software gratuito per Windows da installare nel proprio computer che consente di connettere fino a dieci utenti contemporaneamente, ognuno dei quali può vedere quello che stanno facendo gli altri sul desktop della propria macchina.

L’audio può essere gestito via Skype. Tra la caratteristiche principali spicca la possibilità di condividere file, funzione pausa, controllo remoto.

Un utility perfetta per offrire lezioni a distanza, assistenza tecnica, presentazioni di prodotti, tutorial in tempo reale, consulenze informatiche e di vario genere.

Sopra un video dimostrativo.

Via | killerstartups


Seguimi

Pixel Art

Pixel Art

Coding

Coding

Maestro Alberto Scuola Primaria

Maestro Alberto albertopiccini.it
Se cerchi notizie sulla Scuola Primaria clicca sopra