Archivio per la tag 'howto'

Trucco: come creare una bacheca creativa in Pinterest

pinterest_hack

Seguendo alcuni semplici passi è possibile con un facile hack realizzare una fantasiosa board in Pinterest con le miniature di una singola foto.

Ecco come creare una bacheca creativa in Pinterest:

  • andate su PicSlice
  • caricate una foto personale
  • scegliete la funzione slice picture
  • inserite il valore 3 sia su Vertical Slice sia Horizontal Slice e cliccate sul pulsante Generate
  • andate in basso e scaricate i 9 thumbnail ottenuti in un file zip cliccando su Download ZIP (ALL SLICES)
  • scompattate il file ed avrete una cartella con le miniature
  • andate su Pintreset, cliccate su Add e poi su Create a Board
  • assegnate un nome alla bacheca
  • cliccate di nuovo su Add e su Upload a Pin
  • caricate le nove miniature nella board precedentemente creata dalla 9 alla 1 in sequenza inserendo sulla descrizione semplicemente i numeri corrispondenti (9, 8, 7, 6 e così via)
  • alla fine del processo otterrete una board come quella dell’immagine sopra

Le immagini dell’intera procedure possono essere viste in qui.

Come rendere uTorrent un software portabile che non richiede installazione

utorrent

Di sicuro uTorrent è il più famoso BitTorrent client P2P gratuito in circolazione.

Per tutti gli utenti Windows è disponibile come applicazione da installare sul proprio PC e, come portable software, è distribuito nella suite di PortableApps.

Per tutti gli utilizzatori Windows che lo vogliono usare al completo senza appesantire il sistema operativo e modificare il registro di sistema vediamo come rendere uTorrent un software portabile che non richiede installazione.

Questo trucco consentirà di inserire file e settaggi all’interno di una cartella appositamente creata. Ecco la procedura:

  1. scaricate µTorrent dal sito ufficiale e mettete il file EXE in una nuova cartella
  2. create un file vuoto, chiamatelo settings.dat e mettetelo all’interno della stessa cartella in modo che tutto sarà scritto al suo interno
  3. lanciate utorrent.exe

Il file DAT può essere creato con un normale text editor come Notepad o Notepad++.

Questo hack funziona in Windows XP, Vista, Windows 7.

Personalizzare la foto del profilo di FaceBook con fbCrop

fbcrop

fbCrop è un’altra delle tante applicazioni dedicate al semplice web design che permette di personalizzare la foto del profilo di FaceBook inserendo una panoramica nel profilo di FaceBook, o meglio, di mettere l’immagine del profilo a tutta pagina in un puzzle di miniature.

Questo servizio consente di scegliere e di caricare una foto da nostro computer e di adattarla al nuovo layout grafico in modo semplice ed intuitivo.

Una volta caricata un’immagine in fbCrop, infatti, la si accomoda allo schema grafico proposto semplicemente con un drag&drop.

Basterà poi procedere all’upload del mosaico su FaceBook oppure scaricare le miniature e provvedere alla personalizzazione manuale di un album fotografico contenente il nostro collage di foto già predisposte per il profilo panoramico.

fbCrop è uno strumento gratuito che non richiede registrazione.

Applicazioni simili: PicHacker, ProfileGen, Schweppes Profile, FB Photo Magic e PanoramaProfile.

Metti al sicuro i tuoi dati! Affidati ad buon software

Ormai, i computer sono parte integrante della nostra vita. Sono utilizzati in ogni frangente, e, naturalmente, svolgono un ruolo importante nelle aziende. In effetti, il buon funzionamento delle piccole, medie e grandi imprese dipende fortemente dai computer.
E qual è la paura più grande di un professionista che imposta tutto il suo lavoro su pc? Perdere i Dati salvati.

Questo significherebbe, infatti, la perdita di settimane o mesi di duro lavoro nel giro di pochi istanti.
Se non vi è sistema di recupero adeguato che dia sicurezza al professionista e al suo lavoro, ogni giorno l’attività è sempre in pericolo.

Proprio per questo motivo è consigliabile avere installato sul proprio computer un trovare software di data recovery. Questo tipo di software è in grado di recuperare i file cancellati e i file persi, così come formattati, danneggiati o corrotti.

In giro per la rete c’è ne sono tantissimi ma con piccoli consigli e accorgimenti è facile scegliere quello adatto alle proprie esigenze.
Per utilizzare un software di recupero dati non serve essere un esperto di sistemi informatici, quindi la caratteristica principale che deve avere è la semplicità. Un design intuitivo e funzionalità efficenti per il recupero dati.
Ecco qui sotto elencate le caratteristiche principali e i pregi che un buon software di recupero dati deve avere:

  1. Scegli sempre il programma che offre anche la compatibilità multi-file-system. I migliori software di recupero dati sono dotati di strumenti in grado di recuperare preziose informazioni perse da più di una sorgente e di fornire supporto per i drive e dispositivi di archiviazione. È preferibile optare per un programma che permette di recuperare i dati cancellati dal Cestino, dall’ hard disk o anche quei dati persi a causa di incidenti, come tagli di potenza.
  2. Scegli il software nel quale tutte le istruzioni sono chiaramente davanti agli occhi. Devi solo selezionare l’opzione desiderata e lasciare che il programma faccia il resto.
  3. Cerca il software di recupero di dati che non è solo facile da usare ma pure efficace. Dopo tutto, quello che veramente ti serve è recuperare i dati persi.
  4. Opta per un software che ti permette di cercare i dati in vari modi, per esempio, ordinandoli per nome, data, dimensione o parola chiave.
  5. È necessario selezionare il software che risponda a tutte le vostre domande e che abbia, nella sezione aiuto o FAQ, una grande varietà di risposte e chiarimenti.

Ultimo consiglio, ma certamente non meno importante: affidati ad un società rinomata, della quale ti fidi. Questo ti garantirà sicurezza e assistenza. Segui questi piccoli consigli e vedrai che i tuoi dati e il tuo lavoro saranno probabilmente molto più al sicuro.

Guest post a cura di Fabio Nicolosi: http://informatica.cerkalo.it/

Ritrovare la macchina fotografica rubata

stolencamerafinder

Avete per caso smarrito la macchina fotografica o ve l’hanno rubata? Oggi c’è una possibilità in più di ritrovarla grazie a Stolen Camera Finder.

Il procedimento è piuttosto semplice: è sufficiente caricare dalla home del sito delle vecchie foto scattate con la compianta macchina e aspettare.

Il sito procederà a una ricerca in rete di altre immagini che abbiano le stesso codice EXIF, ossia un numero identificativo utile ad individuare l’unica macchinetta che può aver scattato quella foto. Una volta che la ricerca avrà dato il suo esito, il sito vi darà ulteriori dettagli.

Le uniche raccomandazioni riguardano il formato, che deve essere rigorosamente in JPEG, e il fatto che le foto che caricate è preferibile che non siano state modificate con altri software, che potrebbero causare la cancellazione di parte dei dati EXIF.

Alla fine starà a voi decidere cosa farne con le informazioni: andrete a trovare il ladro a casa?

Guest post a cura di Michele Pallada: www.lacuriosita.it

Gmail: come inviare allegati pesanti in background

gmail

Il servizio di posta elettronica via web per eccellenza si chiama Gmail, creato nel 2004 da Google.

I motivi di tale affermazione sono da ritrovarsi prima di tutto nella sua semplicità d’uso, in uno spazio di archiviazione di ben 7.5 GB gratuiti e in un sistema efficace contro lo spam.

E non dimentichiamo l’ampia sezione Labs dove sono proposte numerose funzioni che vanno a migliorare l’uso della gestione della posta, come ad esempio l’ultima novità riguardante l’invio degli allegati pesanti.

Infatti, tramite l’attivazione della funzione “invio in background”, inviare allegati con Gmail diventerà ancora più facile ma soprattutto ancora più rapido.

Quante volte dopo aver allegato un file pesante ci è capitato di attendere diversi minuti fino al suo caricamento completo?

Con questa nuova funzione non dovremo attendere neanche un secondo perché una volta selezionato il file da allegare verrà caricato in background e nel frattempo potremo occuparci nella lettura o nella creazione di altre mail.

Un messaggio con la scritta “invio in background” comparirà nell’interfaccia di Gmail per tutto il tempo del caricamento così da farci capire quando avrà completato.

Per attivare la funzione “Invio in background” bisogna recarsi nel proprio account in Impostazioni, Labs, attivare la funzione e salvare le modifiche.

Guest post a cura di Fabrizio, blogger di SmartInternet.


Pixel Art

Pixel Art

Coding

Coding

albertopiccini.it

Se stai cercando notizie e contenuti sul mondo della Scuola Primaria, clicca sul banner sopra.

Seguimi

Fanpage: