TV Scuola: video lezioni per il recupero scolastico a casa tua

tv_scuola

L’intraprendente Marco Gius, collega delle scuole superiori, autore di Educity, è l’artefice di un altro interessante progetto: TV Scuola.

Si tratta di un portale di video lezioni per il recupero scolastico da usufruire a casa propria con l’auto di un computer e di una connessione web, senza alcun costo.

Ecco il comunicato stampa:

Sei un professore delle superiori ? TVscuola.it registra in studio le tue lezioni con i video per il recupero dei debiti scolastici.

Sono in rete le prime sei lezioni di test su TVscuola.it, il contenitore di lezioni a video per il recupero dei debiti scolastici nelle medie superiori. I professori interessati a partecipare al progetto possono farlo gratuitamente e contribuire al successo scolastico delle nuove generazioni dei nativi digitali.

Chi ci crede batta un colpo! Ovvero la scuola italiana può uscire dallo spazio delle aule e presentare a tutti gli studenti delle superiori i video con gli argomenti principali che la mattina i professori insegnano in classe.

Dopo le polemiche dell’anno scorso sui video degli studenti su YouTube, i professori stanno preparando i video per rispondere agli studenti con le loro stesse armi.

Per ora sono in linea solo le prime sei lezioni di diritto relative alla prima classe del biennio delle superiori ma è previsto l’allargamento a matematica, italiano, fisica, chimica, scienze, storia e storia dell’arte, economia aziendale, latino e greco. Restano fuori solo le lingue straniere che possono già contare su numerose risorse nel Web.

A partire da oggi e fino all’inizio dell’anno scolastico 2009-2010 si attendono le risposte dei professori che vedono nell’iniziativa un ulteriore modalità per incrementare le chance di recuperare i propri studenti anche con i lezioni su Internet.

Con i primi mesi del 2010 è prevista la presentazione ufficiale del sito agli studenti e la sua messa a regime.

Le riprese sono realizzate con la tecnica delle previsioni del tempo ovvero davanti ad uno schermo neutro e poi ogni professore può accompagnare i suoi argomenti con immagini, suoni, filmati, materiale scritto, con il solo limite della creatività didattica.

Volete partecipare? Guardate le lezioni di prova e fatevi un idea delle possibilità che ci sono per le vostre lezioni preferite, poi scrivete una e-mail dalle pagine del sito.

Come Educity.it e Saladocenti.it, Tvscuola.it è ideato da Marco Gius, trentino trapiantato a Firenze, docente di Diritto con un passato da pioniere dell’editoria elettronica: vent’anni fa sviluppò la prima collana di libri del Sole 24 Ore con floppy disk allegato (tra cui la Guida Pratica ai Calcoli Finanziari), mentre negli anni Novanta lanciò la prima collana con ipertesti e immagini Pixel Art.

Adesso Gius è di nuovo in prima linea per il mondo dell’istruzione sfruttando la raggiunta disponibilità di sufficiente banda internet dalle case degli studenti e la loro abilità nell’uso dei video.

Il risultato, se molti professori che credono nel loro lavoro aderiranno al progetto, sarà un’interessante base di partenza per quell’integrazione di saperi e metodologie che costituisce il percorso in divenire dell’educazione.

Cari genitori, preparatevi a risparmiare energie e denaro, i vostri figli potranno disporre di uno strumento per recuperare i debiti scolastici sfruttando ciò che è a loro più congeniale: internet.

In bocca al lupo!

Post correlati

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


9 Risposte a “TV Scuola: video lezioni per il recupero scolastico a casa tua”

  1. Jasha dice:
    Pubblicato giovedì 4 giugno 2009 alle 16:39

    Ciao Maestro, grazie della segnalazione, iniziativa fantastica che seguirò attentamente. E tu parteciperai con qualche lezione???

  2. Gianluca Aiello dice:
    Pubblicato giovedì 4 giugno 2009 alle 22:59

    Iniziativa interessante che cerca di riportare nel WEB ciò che è stata la TV negli anni del boom e del recupero dall’analfabetismo.

  3. Alberto dice:
    Pubblicato venerdì 5 giugno 2009 alle 00:53

    non credo parteciperò e poi nessuno mi ha invitato…

  4. Stefano dice:
    Pubblicato domenica 7 giugno 2009 alle 17:43

    L’idea è carina e lodevole (peraltro avevo già trovato qualcosa di analogo, soprattutto in formato mp3).
    Ma non vi sembra che in questo modo si corra il rischio che l’alunno sia declassato a variabile insignificante nel processo di insegnamento-apprendimento?

  5. maria dice:
    Pubblicato venerdì 19 giugno 2009 alle 17:43

    ..Ottimo! e’ un elemento in più di aiuto…Servirebbero le lezioni di economia aziendale per il biennio…

  6. Carlo dice:
    Pubblicato martedì 9 novembre 2010 alle 13:32

    ……ho 40 anni e per supraggiunte esigenze familiari non ho potuto continuare gli studi. Ora, ovviamente, non mi interessa il titolo di studia, bensì l’accrescimento culturale. La vostra iniziativa è perfetta per le mie esigenze, pertanto vi ringrazio di vero cuore. Grazie veramente tanto.
    Sto seguendo, su un altro indirizzo, anche video lezioni di matematica.
    Quotidanamente traggo forza, sicurezza e coraggio dalle vostre lezioni.
    Mi viene quasi da piangere mentre vi scrivo, ma non potete immaginare di quanto voi siate importanti per me.
    Ciao
    Carlo

  7. Alberto dice:
    Pubblicato martedì 9 novembre 2010 alle 13:37

    Grazie a te, in bocca al lupo!

  8. Carlo dice:
    Pubblicato martedì 9 novembre 2010 alle 14:47

    ……..crepi il lupo…
    Carlo

  9. Stefano dice:
    Pubblicato martedì 29 marzo 2011 alle 13:56

    Sono ormai diversi anni che sento parlare di e-learning open source e di video di lezioni accessibili a tutti gli studenti italiani.

    Ma forse la cosa più importante è il Piano di Studi al quale ogni indirizzo scolastico deve attenersi.

    La Scuola con i Professori diverrebbe un ripasso delle lezioni viste a casa ed un approfondimento con riflessioni e spiegazioni mirate atte a chiarire le incertezze che riguardano l’argomento trattato.

    Tutto sempra logico ed attuabile a costo bassissimo.

    Ma perchè non si riesce ad attuare questo “Metodo Razionale”?

    -L’editoria di libri di testo si oppone perchè perde una fonte di reddito sicura;

    -gli Insegnanti si oppongono perchè sono costretti ad un percorso obbligato e facilmente misurabili nella loro capacità di insegnare;

    -I Dirigenti Scolastici sono resistenti al mutamento tecnologico;

    e molti Politici (ad eccezione di pochi) hanno paura di prendere posizioni di trasparenza.

    Personalmente credo che chi lavora, chi è disabile, chi fa l’atleta seriamente,

    troverebbe questo sistema di grande utilità!

    Trasmettiamo questi semplici concetti!

    La Conoscenza è alle base delle Scelte………e la Cultura è un Patrimonio da condividere con tutti i cittadini!!!!

Lascia un commento




Il tuo commento:




Seguimi su Pinterest

albertopiccini.it

Se stai cercando notizie e contenuti sul mondo della Scuola Primaria, clicca sul banner sopra.