Attenti al Google

google big brother



In poche ore leggo con curiosità ed un po’ di apprensione alcune notizie:

  • Google Blog Search sta per rimpiazzare Technorati come indicatore di link in entrata in WordPress;
  • Blogger (piattaforma blogging di Google) migliora ancora, aggiunge funzionalità e presenta l’upload diretto di video;
  • I nostri documenti di Google Docs potrebbero essere anche di proprietà di Google, per un cavillo riguardante il copyright sul contratto di licenza sottoscritto dagli utenti;
  • Gli altri servizi di Google offrono continuamente nuove possibilità sbaragliando la concorrenza (Maps, Reader, Gmail, Coop, Picasa);
  • Google Phone è sul punto di uscire sul mercato.

Nel frattempo Blogspot prima è andato in down, poi è stato anche hackerato. YouTube è ancora sotto i riflettori per pubblicare video che apologizzano il nazismo. Un importante blog italiano è stato pesantemente penalizzato (anche economicamente) da Adsense, senza alcuna giustificazione.

Io faccio un massiccio uso di Reader (che ha letteralmente sbaragliato Bloglines come lettore di feed, il quale si è modernizzato troppo tardi) e di Gmail e sono molto soddisfatto delle applicazioni online messe a disposizione dal gigante di Mountain View.

Non vorrei però alzarmi una mattina e scoprire che tutto quello di mio, che risiede nei server di Google, è scomparso o non mi appartiene più!

L’impero di Google assomiglia a quello fastoso e onnipresente degli antichi romani. Mi chiedo, chi saranno i nuovi barbari?


Post correlati

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


14 Risposte a “Attenti al Google”

  1. Gianmix dice:
    Pubblicato venerdì 31 agosto 2007 alle 13:30

    A mio avviso Google sta diventando un monopolio molto pericoloso!
    ti credo che si può permettere di proporre tutti i suoi servizi gratis…la sua forza nn sta nel guadagnare con i servizi che offre ma cn tutti i dati di utenti che possiede che a mio avviso nn vengono trattati secondo le disposizioni di legge!
    Personalmente, proprio cm te, sta situazione mi inquieta!

  2. Merlinox dice:
    Pubblicato venerdì 31 agosto 2007 alle 13:39

    – su blogger puoi aggiungere direttamente anche file allegati
    – potenziata la toolbar e l’integrazione con blogger
    – blogger integrato direttamente con feedburner
    – gemellaggio google earth e panoramio e futura condivisione completa del geoTagging

  3. Alberto dice:
    Pubblicato venerdì 31 agosto 2007 alle 13:46

    Grazie Merlinox, io mi sono limitato a generalizzare

    😉

  4. Merlinox dice:
    Pubblicato venerdì 31 agosto 2007 alle 13:48

    Ho esagerato? 🙂

  5. marco dice:
    Pubblicato venerdì 31 agosto 2007 alle 13:52

    google fa quello che farebbero le altre aziende se avessero raggiunto la potenza economica del gigante americano.

    ad oggi tutto (o quasi) è in mano alle multinazionali che possono arrogarsi il diritto di imporre regole e/o veti a proprio piacimento.

    in un mondo di questo tipo conta _vendere_ e per farlo bene bisogna sapere a chi, cosa vendere.

    questo discorso si può fare solo conoscendo il più possibile il probabile acquirente, quindi: google ti fornisce tutto quello che vuoi, gratis, ma in cambio logga, analizza, fa statistiche, incrocia dati delle tue azioni, dei tuoi movimenti, delle tue attitudini.

    d’altronde (per finire) se noi fossimo pubblicitari pagheremmo perchè la nostra pubblicità finisca in maniera casuale ovunque oppure perchè la stessa sia inserita in contesti mirati agli utenti potenzialmente interessati?
    [mi scuso per la lunghezza del commento]

  6. Alberto dice:
    Pubblicato venerdì 31 agosto 2007 alle 13:52

    @merlinox, niente affatto, ti ho pure votato come commento utile!

  7. Alberto dice:
    Pubblicato venerdì 31 agosto 2007 alle 13:58

    @marco, ciò che dici di fatto avviene con Adwords

  8. manica dice:
    Pubblicato venerdì 31 agosto 2007 alle 15:41

    i nuovi barbari saranno gli utenti con teste pensanti, forse!

  9. pietro dice:
    Pubblicato venerdì 31 agosto 2007 alle 16:41

    anche un mio sito a ferragosto 2006 è crollato da 20.000 a 4.000 unici al giorno, e non si è ripreso, mi spiace x masternewmedia, ma i monopoli sono così, un pò come le dittature, li puoi solo subire, windows e google sono il fascismo del terzo millennio.

  10. Stefano Brivio dice:
    Pubblicato venerdì 31 agosto 2007 alle 20:42

    Il gigante di Mountain View, non di Redmond 😛

    Se Brin e Page scoprono che hai scambiato Googleplex con il quartier generale di Microsoft ti mandano a zero il PageRank 😛 😛

  11. Alberto dice:
    Pubblicato venerdì 31 agosto 2007 alle 20:48

    ops…. Lapsus o subconscio? Provvedo a rettificare e pensa che avevo scritto bene e poi l’ho modificato!

  12. Stefano Brivio dice:
    Pubblicato sabato 1 settembre 2007 alle 14:49

    😉

  13. carla chi dice:
    Pubblicato lunedì 3 settembre 2007 alle 11:32

    Anche io ho avuto in un mio sito uno strano comportamento di Adsense.
    Improvvisamente, da un giorno all’altro, le mie visite sono dimezzate (e così i click su Adsense).
    Ho notato che il mio sito era stato declassato per alcune chiavi di ricerca, senza alcun motivo.
    L’ho fatto presente a Google e sono stata ripiazzata al primo posto.
    A quel punto pensavo che anche i click sarebbero tornati alla media avuta da anni ma così non è stato. Anzi, sembra che la situazione continui a peggiorare senza motivo.
    Ripeto che è successo da un giorno all’altro, all’inizio di Aprile di quest’anno.
    Finora non mi era mai capitato di sentire di qualcun’altro con lo stesso problema ma, a quanto pare, non sono l’unica.
    Grazie e scusate se sono andata lunga.

  14. Best of Week #12 | Gioxx's Wall dice:
    Pubblicato giovedì 22 luglio 2010 alle 13:35

    […] Attenti al Google […]

Lascia un commento




Il tuo commento:




Seguimi su Pinterest

albertopiccini.it

Se stai cercando notizie e contenuti sul mondo della Scuola Primaria, clicca sul banner sopra.