Qunto “pesano” i 100 più importanti siti della blogosfera?


top_blog_size

Ce lo dice Royal Pingdom che ha analizzato i primi cento blog nel ranking di Technorati.

Di ogni sito è stata misurato il peso in kb della homepage in modo di valutare i tempi di caricamento.

Emergono dati molto interessanti: 26 blog sono sotto 0.5 mb, 39 tra 0.5 e 1, 22 tra 1 e 1.5, 6 tra 1.5 e 2 e via dicendo.

Insomma la maggioranza pesa quasi un mb e soltanto uno su 4 meno di 500 kb.

Le immagini contribuiscono per il 61.3%, gli script per 17.2%, il codice HTML per il 15.3%, i CSS per 5.9%.

Il post prende in considerazione altre statistiche più dettagliate corredando i risultati con tanto di grafici (numero delle immagini, script, eccetera).

Royal Pingdom offre anche una serie di consigli per ottimizzare e alleggerire un sito web.

Per valutare il peso della vostra pagina consiglio di usare l’ottimo plugin per Firefox Web Developer che, tra la miriade di informazioni che include, fornisce anche il calcolo delle dimensioni di una pagina web (da Information, View Document Size).

Al momento questo blog pesa 397 kb, di cui 271 di immagini e 51 di script. Non c’è male direi.

maestroalberto_size

Via | Techcrunch


Post correlati

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


7 Risposte a “Qunto “pesano” i 100 più importanti siti della blogosfera?”

  1. Leonardi Paolo dice:
    Pubblicato giovedì 6 novembre 2008 alle 08:48

    Beh…. La dimensione e quindi il tempo di apertura di una pagina è importante indubbiamente! Ci sono siti/blog che hanno un’apertura talmente “pesante” che, soprattutto per i navigatori del web come me, non vedenti, utilizzatori di screen reader, diventano quasi delle scocciature e mi spiego: qualunque screen reader (lettore di schermo), di fronte ad una lentezza esagerata dovuta al caricamento di immagini, script eccc… Resta come “impallato”, non permettendo la lettura all’utente, almeno fino al completamento del caricamento; il punto è che secondo me se si deve aspettare parecchio per l’apertura di ogni pagina di un sito/blog, beh tantovale cercarne un altro sul web, tanto non ne mancano di certo!:)
    Non dico neanche che non si debbano inserire immagini ec…. Ma almeno fare le cose con criterio, considerando che QUALUNQUE utente potrebbe spazientirsi di fronte ad un’attesa ingiustificata di questo genere; ciao!

  2. k76 dice:
    Pubblicato giovedì 6 novembre 2008 alle 09:09

    eccoci, bravo Maestro, 300 Kb non sono tanti, considerando le tue sidebar

    però IMHO una pagina non dovrebbe mai superare i 50 Kb massimo 100 Kb

    @Leonardo… sempre pensato che è meglio il contenuto del fronzolo.

  3. Alberto dice:
    Pubblicato giovedì 6 novembre 2008 alle 15:15

    @Leonardo, condivido quello che dici

    @k76, è vero che si dovrebbe togliere ogni fronzolo e “limare” il più possibile. Bisogna però trovare un buon compromesso. Con 50 kb si fa un sito di solo testo e nell’era dell’immagine questo è improponibile.
    Del resto la tendenza ad inserire immagini ed altro è la filosofia del web 2.0. Royal Pingdom ha dedicato un articolo pure a questo mettendo in relazione celebri blog americani come sono adesso e come erano qualche hanno fa.

    Inoltre non tutti i blogger hanno le conoscenze tecniche per capire quale sia un tema leggero e funzionale privo di script e quali siano i plugin buoni e leggeri.

    Poi ci sono elementi indispensabili per molti: si può forse rinunciare ai sistemi di tracking per monitorare le visite di un blog o agli adsense?

    A mio avviso scrivere una pagina è sotto i 500 kb che carica rapidamente è già un buon risultato.

    In questo momento Techcrunch pesa 911 kb e Mashable 1.241, il che è tutto dire…

  4. k76 dice:
    Pubblicato giovedì 6 novembre 2008 alle 17:25

    non sono molto d’accordo che con 50Kb (e ripeto massimo 100kb) non si riesca ad entrare nell’era dell’immagine come dici tu.

    ad ogni modo, la mia non era una critica al tuo blog, anzi, considerando le tue barre laterali… 300 Kb sono pochi.

    techcrunch e mashable sono ammerigani, appartengono ad altre linee, altre idee, altri modi.

  5. Alberto dice:
    Pubblicato giovedì 6 novembre 2008 alle 17:43

    non l’ho presa certo come una critica, anzi, cercavo solo di indicare una tendenza consolidata non solo nella blogosfera americana ma un po’ ovunque

  6. k76 dice:
    Pubblicato venerdì 7 novembre 2008 alle 12:04

    😉 hehhe te sai come la penso

  7. Alberto dice:
    Pubblicato venerdì 7 novembre 2008 alle 12:56

    certo e infatti ho anche imparato molte cose da te 🙂

Lascia un commento




Il tuo commento:




Seguimi su Pinterest

albertopiccini.it

Se stai cercando notizie e contenuti sul mondo della Scuola Primaria, clicca sul banner sopra.