Archivio per la tag 'personale'

Piccole soddisfazioni



La mia galleria Vista Wallpaper Pack, dedicata ai più bei sfondi desktop per Windows Vista, in soli 5 giorni con più di 3000 click è diventata la più vista in Photorganizr, il nuovo servizio web che consente di creare e condividere gallerie di immagini in rete.

La galleria Vista Aero Wallpapers è terza con più di 2300 click.

Approfittatene se cercate un bel wallpaper.

Mi scuso per l’autoreferenzialità, ma sono piccole soddisfazioni…


Arcade Fire: video clip musicale interattivo di Neon Bible

Gli Arcade Fire sono un gruppo indie rock canadese tra i miei preferiti, tanto che la scorsa estate sono stato al loro unico magnifico concerto italiano a Ferrara.

Mi ha colpito questo clip interattivo tutto da ascoltare, da vedere e con cui giocare.

Il brano, Neon Bible, è tratto dall’ultimo lavoro auto prodotto dalla originalissima band di Montreal.

Il video si trova anche su YouTube. Il testo del brano invece qui.

ShinyStat apre (e chiude) il rubinetto

Tempo fa parlavo di ShinyStat, importante servizio di statistiche che uso in questo blog, compiacendomi per aver deciso di innalzare il limite delle visite al mio account Free.

Poi la fregatura (che mi aspettavo). Il limite è stato innalzato da 1000 a 3000 pagine viste giornaliere, rendendo le statistiche ancora una volta inattendibili.

Liberi di farlo, ma è un giochetto che non mi piace affatto. Calcolano il momento giusto per darti il contentino e poi chiudono di nuovo il rubinetto. Pensano forse che siamo così ingenui da cedere ai loro mezzucci?

Una politica aziendale lecita ma molto discutibile.

Maestro Alberto su Radio Rai 3 Scienza: una breve intervista



Oggi ho avuto il piacere di partecipare alla trasmissione di Radio Rai 3 Scienza Il Terzo Anello dedicata alla Scuola 2.0.

Abbiamo parlato, molto rapidamente di del.icio.us e del motore di ricerca per la scuola primaria Ricerche Maestre da me creato e gestito con altre tre bravissime insegnanti super qualificate.

Ero un po’ emozionato e quando parlavo della moda del momento della blogosfera mi riferivo a Twitter e non a del.icio.us.

Del resto non è semplice spiegare in due parole al grosso pubblico i meccanismi complessi del social bookmarking e e dei motori di ricerca personalizzati…

E’ stata comunque un’esperienza positiva anche se preferisco decisamente esprimermi scrivendo.

Ascolta il podcast.


ShinyStat apre il rubinetto



Ho ricevuto questo messaggio da ShinyStat, importante servizio di statistiche che uso in questo blog

Gent.mo maestroalberto, dopo avere visualizzato attentamente i contenuti del vs. sito web, avendo constatato l’unicità di tali contenuti e la popolarità del vostro sito web, nonché l’assenza di carattere commerciale dello stesso, abbiamo deciso, in via del tutto eccezionale, di innalzare il limite delle visite al vostro account Free.
Riteniamo in tal modo di avervi fatto cosa gradita e vi porgiamo i nostri più cordiali saluti.

Grazie! Dunque ShinyStat ha risposto al mio appello (non so quanto possa essere vero).

Peccato che da qualche mese il contatore si sia fermato sulle 1000 pagine giornaliere viste, rendendo il numero totale delle statistiche non più attendibile.


Blogosfera o endosfera?



Finalmente l’occasione per scrivere questo post, il cui titolo è stato fermo nelle mie bozze da qualche settimana: la pubblicazione dell’articolo sui blogger sul Corriere Magazine.

Nella blogosfera e nella twittersfera è tutto un pullulare di commenti e considerazioni: gli entusiasti celebrano e si auto celebrano, i critici sputano opinioni acide, alcune addirittura velenose, poi ci sono anche gli snob e gli indifferenti.

Calma ragazzi. E’ evidente: la blogosfera italiana è autoreferenziale. Facciamocene una ragione. Su questo argomento sono stati spesi fiumi di parole e io non voglio aggiungere troppo alla costatazione di dati di fatto.

Generalizzo. I grandi blogger si autocitano, si auto linkano, si promuovono l’un l’altro rafforzando la loro autorità. Tranne alcuni rari casi negano citazioni ai blogger minori per i quali è sempre più difficile emergere.

Pensano al ranking e alle classifiche? Non credo che tutti lo facciano, ma molti sono ormai coinvolti in una logica economicistica.

Credo che sia un fatto piuttosto naturale e li comprendo. Questo accade in Italia così come in altri Paesi. Se si dà un’occhiata alla blogbabel spagnola, per esempio, si nota che i primi posti sono occupati sempre da tempo dagli stessi blog.

Credo che ci sia molto da apprendere dai grandi blogger (non mi piace usare il termine blogstar): stile, contenuti, continuità, coerenza… Questo è quanto, il mio giudizio non è critico.

Io mi sento un po’ come un pesce fuor d’acqua, non solo perché non frequento i barcamp (anche se vorrei) e perché da qualche tempo soffro da sindrome da rigetto da Twitter.

Causa il fenomeno Grillo i blogger ormai sono sulla bocca di tutti e i media generalisti li stanno sdoganando, intravedendoci materia su cui scrivere e pubblicare e forse un po’ di linfa per nuovi contenuti.

Stamattina, quando sono sceso in edicola per comprare il Corriere, ho visto la locandina del Vernacoliere, autorevolissimo giornale satirico di Livorno il cui titolo recitava: “Dopo ‘r vaffanculo dèi MINACCIATO GRILLO, n’hanno caàto sur blogghe” e giù parolacce in toscanaccio.

Ho capito subito tutto…



Pixel Art

Pixel Art

Coding

Coding

albertopiccini.it

Se stai cercando notizie e contenuti sul mondo della Scuola Primaria, clicca sul banner sopra.

Seguimi

Fanpage: