Archivio per la tag 'filesharing'

Adobe Share, l’atteso servizio di condivisione di file online, apre al pubblico

Adobe Share



Adobe Share, l’atteso servizio di condivisione di file online di Adobe, è stato aperto ufficialmente al pubblico.

Il sito, realizzato in Flash, è facile da usare e gradevole alla vista. Basta caricare uno o più file, decidere se limitarne l’accesso o renderlo pubblico, indicare l’email della persona con cui vogliamo condividerlo e caricarlo.

I nostri amici riceveranno un’email con il link del file condiviso. I file possono essere condivisi anche tramite codice embed, da inserire in una pagina web (vedi sotto).



Lo spazio disponibile è di un giga. Non moltissimo, visto che servizi simili offrono più spazio di storage remoto. Tuttavia il nome di Adobe è una garanzia assoluta.

Purtroppo non si sa ancora quanto tempo i nostri file rimarranno attivi e se saranno cancellati dopo un certo periodo di tempo.

Un ottimo modo di condividere ed inviare file. Le premesse sono eccellenti: da monitorare.


PipeBytes: il postino online

PipeBytes



PipeBytes consente di inviare e condividere online file senza limite di grandezza (di solito i servizi di questo tipo hanno un limite massimo di 100 mb per file).

Non c’è alcun software da installare e la condivisione avviene in forma privata attraverso un codice da inviare tramite email al destinatario.

Tuttavia la caratteristica che lo rende unico è la possibilità di di cominciare il download prima ancora che finisca l’upload di chi invia il file.

In sostanza, Tizio invia un enorme file a Caio, appena inizia il caricamento gli manda un email con il codice e Caio comincia a scaricarlo godendosi pure un video di YouTube!

Molto interessante, da tenere in buona considerazione.

Via | Read/WriteWeb


ADrive: hard disk virtuale online da 50 giga

adrive

ADrive è un hard disk virtuale che offre la bellezza di 50 giga di spazio web gratuito per i nostri file.

Bisogna creare un account per poter accedere al servizio. Si possono creare tulle le directory e sotto directory che vogliamo per organizzare lo spazio al meglio e in cui caricare, anche simultaneamente, tutti i file desiderati.

L’upload è rapido e si può decidere se mantenere i file privati o condividerli pubblicamente. Essi possono essere spostati da cartella a cartella, rinominati ed eliminati. Ad ognuno corrisponde un link permanente per il download.

L’interfaccia di ADrive è spartana e somiglia vagamente a quella di esplora risorse. Presto ci sarà anche un account premium con opzioni maggiori, ma 50 giga sono davvero tanti!

Via | KillerStartUp

DocStoc: condividere documenti di qualsiasi tipo

docstoc



DocStoc (ancora in fase beta privata) si presenta come un concorrente di Scribd. Ho ottenuto un invito e l’ho provato.

Vi si possono trovare e condividere documenti da ufficio professionali di qualsiasi tipo (word, excel, powerpoint, pdf, illustrator… ) in questi campi: legge, affari, finanza, tecnologia, educazione, creatività.

Un enorme database gestito attraverso una rete sociale già nutrita (figurasi quando sarà aperto al pubblico).

Una via di mezzo tra quello che è Flickr per le foto e YouTube per i video, dove gli utenti caricano, indicizzano e votano migliaia di documenti che possono essere usati dagli altri per i più svariati propositi.

Sul proprio account si può caricare un documento singolo o un’intera cartella e i file possono essere condivisi anche per posta elettronica. Per ognuno viene mostrato il nome dell’uploader e il numero dei download.

L’anteprima è in Flash e si può prelevare un codice embed per inserirlo in una pagina web e prelevare il link diretto al documento.

La ricerca avviene ovviamente tramite categorie e parole chiave. Addirittura si possono richiedere un particolare documento inserendo un titolo particolare e aspettando di essere avvisati da DocStoc.

Il profilo utente è semplice ben strutturato tramite comode liste di file, i quali possono anche essere mantenuti privati e spediti ad personam. Gli utenti possono anche registrare i loro blog.

In definitiva una gran bella proposta. Utilissima in molte attività professionali e, naturalmente, anche in campo educativo.


Clip2net: cattura schermate e le mette online

clip2net



Clip2Net è uno strumento che consente rapide catture di una parte dello schermo che ospita al volo in rete per riutilizzarle successivamente come file jpg.

E’ un’applicazione gratuita da desktop che funziona soltanto in Windows (Xp e Vista) ma che si comporta come un’applicazione web.

Basta scaricare ed installare il software (meno di 1 mb) e cominciare a catturare con il mouse la regione dello schermo desiderata. Verranno generati i codici per poterla condividere ed inserire in una pagina web (vedi l’immagine sopra).

Se ci registriamo i nostri files saranno conservati in modo da richiamarli all’occorrenza. Le immagini sono fornite nella sua dimensione originale, a 150, 400 e 1000 pixel, con relativo codice e URL diretta.

Clip2net funziona anche come servizio di file sharing poiché consente anche di caricare file online semplicemente trascinandoli in un’apposita iconcina del desktop per poi renderli disponibili al download sempre attraverso un codice che consente di condividerli.

Si può anche caricare più di un’immagine alla volta e il servizio provvederà a compattarle in un archivio zip. Allo stesso modo sarà fornito codice e rispettiva URL. Da ricordare che è consentito l’upload soltanto di immagini, pena l’esclusione dal servizio.

Dal pannello di amministrazione di Clip2net si possono gestire i nostri file e vederli in preview, lo spazio di storage a disposizione e di 100 mb.

Clip2net è uno strumento interessante, senza troppe pretese, veloce ed immediato che può far comodo al blogger che desidera inserire un’immagine nel post al volo. Manca tuttavia di un editor interno e ho riscontrato un piccolo bug nel copia incolla dei codici forniti.

Da monitorare.

Prova a scaricare un set di wallpaper per Vista caricati con questo sistema: iAurora Perfect Wallpaper Vista.

Via | Webware


Sendago: ottimo servizio per spedire grandi file via web



Ieri ho inviato ad amici a Bologna e a Firenze alcune foto fatte in vacanza, due archivi zip da 60 e 70 mb. Ovviamente non potevo spedirli come allegato di posta elettronica.

Ho usato due servizi diversi: YouSendIt e Divshare. Ho testato il primo, mentre il secondo è una mia vecchia conoscenza.

YouSendIt è pensato specificamente per questo tipo di bisogno ed è uno dei più conosciuti e funzionali, mentre Divshare è più un servizio di hosting online che all’occorrenza può essere usato anche per il file sharing. Tutti è due molto buoni, hanno svolto bene il loro lavoro.

Sfortunatamente ho scoperto soltanto dopo Sendago. Si tratta di un’applicazione mista basata sul web ma che è gestita tramite un piccolo software (3 mb) da scaricare ed installare sul proprio computer.

Fatto ciò è necessario configurarlo inserendo i dati che abbiamo digitato al momento della registrazione, vale a dire email e password (da tools->options->account).

A questo punto Sendago è pronto per essere utilizzato. Si possono caricare file ed inviarli comodamente quando si vuole perché essi rimarranno online e si dispone nientemeno di uno spazio di 10 giga!

Si possono spedire al volo, cercandoli nel nostro hard disk e cliccandoci sopra con il tasto destro del mouse, nel nenù contestuale apparirà l’opzione specifica.

Si può gestire un link diretto al downoad ed inviarlo ai destinatari (sotto la finestra che appare a chi riceve il file) i qualli non devono installare nessun programma.



Dopo una settimana il link smette di funzionare per gli account gratuiti.

Sendago è perfettamente integrato con Outlook ma può essere usato anche con i servizi di posta elettronica basati sul web come Gmail.

Il desktop manager gestisce e tiene traccia dei file caricati e spediti, con chiarezza e facilità (vedi immagine in alto), cosi che lo stesso file può essere inviato anche a distanza di tempo più volte. Essi sono ben visualizzati tramite icone e thumbnail che ne identificano il tipo.

Tutti queste opzioni si possono gestire via software senza accedere al sito.

Sendago può essere usato anche come servizio di storage e lo spazio di 10 giga offerto è completamente gratuito. Non c’è restrizione alla dimensione dei files da condividere.

Sendago mi ha colpito molto favorevolmente. Nella giungla dei servizi di invio e condivisione di files via web che ho finora usato mi è sembrato decisamente il il migliore.

Killer StartUp!

Via | Digital Inspiration



Pixel Art

Pixel Art

Coding

Coding

albertopiccini.it

Se stai cercando notizie e contenuti sul mondo della Scuola Primaria, clicca sul banner sopra.

Seguimi

Fanpage: