Archivio per la tag 'p2p'

AirBnB: affittare stanze e appartamenti economici per le vacanze in tutto il mondo

airbnb

AirBnB è una community che sta riscuotendo un enorme successo in tutto il mondo dove è possibile dare in affitto o affittare stanze e appartamenti economici per le vacanze.

Si tratta di un sistema generato dal basso dalle persone che mettono a disposizione alcuni locali della propria casa in affitto con lo scopo di guadagnare un po’ di soldi. Non a caso il loro motto è “viaggia come un essere umano“.

Si potrebbe definire come un mercato P2P per viaggiatori, per gente stanca di sostare nei soliti alberghi e alla ricerca di sistemazioni a buon prezzo più a misura d’uomo.

L’affittuario può può promuovere il suo spazio inserendo foto, mappe geografiche, periodi di disponibilità e i prezzi ovviamente.

I turisti, invece, possono ricercare attraverso un apposito motore la sistemazione che fa al caso loro in base alla località, al numero di persone da ospitare, al periodo del soggiorno e pagare con carta di credito. Essi possono anche contattare di persona l’inserzionista dell’annuncio.

AirBnB è un sistema in forte espansione (al momento in cui scrivo conta 7.367 citta’ in 161 diversi paesi, circa 1.300 in Italia) e vi si può accedere gratuitamente registrandosi.

Libox: l’iPhone come telecomando per i video, le foto e la musica del tuo computer

Libox è un nuovo servizio che tramite un’applicazione gratuita (iTunes link), permette di usare l’iPhone come telecomando per i video, le foto e la musica del nostro computer.

Si tratta di un software per la sincronizzazione p2p ancora in fase beta disponibile per Windows e presto per Mac.

Permette di utilizzare l’iPhone come telecomado remoto del computer in wi-fi, senza dover usare ingombranti cavi e trasformando di fatto il vostro laptop (che funge da server) in un centro multimediale, un media box per la riproduzione delle vostre immagini, mp3 e filmati in streaming anche in HD senza limiti di spazio.

E’ necessario scaricare ed installare l’applicazione desktop, l’app per iPhone e procedere alla configurazione.

Il software troverà i media contenuti nel pc e avrà bisogno del tempo necessario in base alla quantità e alla dimensione dei file da reperire.

Terminata l’operazione si disporrà di un player simile a un browser da comandare dal nostro smartphone.

I nuovi file saranno aggiunti automaticamente alla collezione.

Se il computer server è acceso possiamo accedere alla riproduzione in the cloud via Libox anche da un altro computer. Ovviamente la riproduzione avviene anche sul nostro iPhone.

Libox è uno strumento davvero utile sebbene ancora non troppo stabile, gratuito e che necessita soltanto di registrazione obbligatoria.

Vista la diffusione di questi tool (vedi TubeMote) è probabile che Apple fornisca in futuro servizi simili per la sincronizzazione e lo streaming direttamente via iTunes.

Dushare: condividere file online in tempo reale senza limiti di grandezza

dushare

Dushare (Dubai shared) è un nuovo servizio che consente di condividere file online in tempo reale senza limiti di grandezza.

Si tratta di un servizio di filesharing P2P molto semplice da usare.

Dushare non richiede di caricare un file su un server internet per poi scaricarlo ma la condivisione avviene in modo instantaneo.

Nel momento in cui si condivide un file un’altra persona con cui ci mettiamo in contatto inviando un apposito link può iniziare il download proprio come avviene tramite client P2P alla Emule.

Non solo, si può anche comunicare via chat con il ricevente.

Durante il processo di condivisione nessuno può intromettersi nella chat e nell’operazione di trasferimento. Volendo si può anche proteggere il file transfer con una password.

Dushare è uno strumento gratuito, veloce e intuitivo che non richiede registrazione.

iSendr: P2P on demand, inviare file via internet

iSendr

iSendr è un servizio P2P on demand, ossia che permette di inviare e condividere file via internet.

Il suo funzionamento è molto semplice ed intuitivo. Si seleziona il file da spedire dal nostro computer, si stabilisce se proteggere l’operazione con una password o meno e si ottiene un apposito link da copiare ed inviare alla rete delle persone con cui si desidera condividere il file.

In pratica si tratta di uno strumento per il filesharing diretto che consente di creare una rete privata e non pubblica come quelle enormi accessibili tramite client alla Emule o uTorrent per esempio.

Basta soltanto condividere il link online via email, nei forum, nei social network o in qualsiasi altra maniera.

iSendr non imposta limiti di grandezza per il file e permette di risparmiare il tempo per l’upload dei file in internet.

Per funzionare, infatti, è necessario che il computer che invia il file e quelli che lo ricevono siano accesi e collegati ad internet: il trasferimento è diretto.

Un sistema intelligente e funzionale, del tutto gratuito e privo di registrazione obbligatoria.

TorrentsLib: ottimo motore di ricerca file torrent

torrentslib

TorrentsLib è un ottimo motore di ricerca file torrent.

Si tratta di un servizio davvero utile per gli appassionati di P2P, per reperire velocemente materiale da scaricare tramite un client alla uTorrent.

TorrentsLib permette di filtrare le ricerche in base ai contenuti (musica, video, giochi, software, tv show).

Non mancano ovviamente i link alle ricerche più popolari con i file con maggiore download.

Ad ogni torrent corrisponde una serie di informazioni: dimensione, data, seed, leech e tasso di reperibilità.

TorrentsLib è gratuito e non richiede registrazione ma se lo facciamo è possibile ricevere notifiche riguardo i file che vogliamo scaricare.

Nerrot: motore di ricerca torrent minimalista

nerrot

Nerrot è un ottimo motore di ricerca torrent minimalista e istantaneo.

Si auto definisce come un Instant Torrent Downloader. In effetti basta inserire un termine di ricerca per ottenere subito il relativo torrent da scaricare.

Niente lunghe liste, peer o seed da monitorare dunque.

In pratica Nerrot non offre nessuna opzione, fornisce un file torrent e basta. Prendere o lasciare.

Si tratta di un servizio gratuito che non richiede registrazione.

Via | lifehacker


Pixel Art

Pixel Art

Coding

Coding

albertopiccini.it

Se stai cercando notizie e contenuti sul mondo della Scuola Primaria, clicca sul banner sopra.

Seguimi

Fanpage: