Archivio per la tag 'opensource'

Scratch: ambiente di programmazione visuale per bambini



Il collega insegnante Roberto Marcolin (aka Nilocram), già autore della versione italiana di Didapages, un programma che permette di creare libri multimediali e interattivi soprattutto per usi educativi mi segnala Scartch, un software open source, più precisamente un ambiente di programmazione visuale, sviluppato da un gruppo di ricerca presso il Multimedia Lab del MIT di Boston.

Riporto integralmente la sua recensione.

“Scratch usa dei mattoncini simili al Lego o ai pezzi del puzzle per costruire progetti multimediali che mettono assieme immagini, suoni, video ecc.. Il suo nome deriva proprio dalla tecnica dei disk jockey hip-hop che mixano i dischi facendoli ruotare con le mani. L’obiettivo fondamentale è quello di sviluppare nei bambini anche le abilità creative nell’uso dei computer, seguendo le indicazioni del costruzionismo di Seymour Papert; si può considerare Scratch uno sviluppo multimediale del vecchio Logo.

La prima edizione ufficiale è uscita a gennaio ed è disponibile per Mac e Windows (lo sviluppo di una versione Linux è comunque in programma); è possibile scegliere tra diverse lingue per i nomi dei mattoncini (che poi servono a costruire gli script) e, incredibile a dirsi, c’è anche l’italiano (la traduzione dei mattoncini è di Mauro Di Blasi).

Il sito di Scartch è costruito sul modello del web 2.0: non solo è possibile scaricare il programma, ma la registrazione al sito permette di scaricare i progetti messi in condivisione dagli altri utenti, di inserire e condividere i propri progetti, di contattare gli altri utenti ecc.. Una volta scaricati in locale i progetti possono essere smontati e modificati con Scratch.

Il programma è basato su Java, per visualizzare i diversi progetti presenti nel sito occorre installare il runtime Java.

Seguivo da un po’ l’evolversi del progetto, così ho pensato di tradurre in italiano un tutorial introduttivo, lo trovi in rete a questo indirizzo, oppure puoi scaricarlo in formato .pdf insieme ad altri documenti di presentazione da qui.

I progetti di Scratch sono applet Java, perciò possono essere inseriti in pagine html, puoi vedere un piccolo esempio qui

Scratch è stato sviluppato dal gruppo di ricerca del Medialab sulla base di Squeak, un ambiente di sviluppo ancora più interessante, basti pensare che il programma è inserito nel “computer da 100 dollari”, il progetto One Laptop Per Child di Nicholas Negroponte , ma che al momento non ha un’interfaccia in italiano.

Scratch mi sembra un programma molto interessante e particolarmente adatto ai bambini, il problema è quello di trovare dei canali di diffusione nel mondo della scuola, forse anche tu può aiutarmi nell’impresa… ;-)”

Grazie Nilocam e in bocca al lupo!


RevokeBB: un forum tutto italiano



Ricevo tramite email la segnalazione dell’autore dello script RevokeBB e pubblico volentieri la recensione.

RevokeBB è uno script per bulletin boards scritto in PHP 4 sfruttando la programmazione ad oggetti.

RevokeBB permette la creazione di forums con sottoforum e posts illimitati, è multilingua, skinnabile e ha tutte le caratteristiche per affiancarsi ad altri famosi script come phpBB o Invision Power Board.

Lo script ha come punto di forza la velocità e la sicurezza (il pericolo di sql injection è quasi ridotto a zero).

RevokeBB fa molto uso di AJAX facilitando la navigazione del forum ma sopratutto dell’area amministativa del forum stesso.

Il progetto è rilasciato sotto licenza GPL 2.0 e lo sviluppo, il testing e l’utilizzo sono aperti a tutti.

In un breve futuro verrà aggiunto il pieno supporto a SQLite, Postgresql e Mssql.

Link | RevokeBB


Lynksee: il meglio del web 2.0 in un posto solo




Lynksee è una proposta spagnola (disponibile anche in lingua inglese) molto curiosa ed intelligente.

E’ un servizio che raggruppa alcune tra le migliori applicazioni web opensource esistenti e consente di utilizzarle in modo piuttosto semplice ed intuitivo.

Con un unico account si può disporre di un blog su WordPress, di una galleria di immagini con Gallery, di un wiki con MediaWiki, di un servizio di social bookmarking con Sabros.us, di un forum con con phpBB, di un servizio di statistiche con Awffull.

Come se non bastasse, Lynksee conta di implementare la propria offerta con altre webapps gratuite.

Quello che mi piace di questo progetto è il fatto che anche un utente poco esperto può impossessarsi in modo semplice di tutta una serie di servizi e non di uno solo, il classico blog.

Ad ogni applicazione corrispode una specifica URL (un sottodominio per il blog, uno per il forum e così via) e tutte hanno in comune il nome con cui ci si andrà a registrare. Una directory principale centralizzata le include tutte e diventa un vero e proprio punto di partenza.

Lynksee offre anche un consistente spazio web e quindi è anche un’alternativa ai sevizi internet di hosting gratuito. Tutti gli strumenti proposti sono offerti sotto licenza GNU/GPL a codice libero.

Il servizio, naturalmente, deve crescere e migliorarsi. Già ora, tuttavia, rappresenta un’idea innovativa, unica nel mondo un po’ stanco del web 2.0 che sempre più spesso sa offrire soltanto cloni di servizi esistenti.

Il mio account di prova su Lynksee | terminal


Sintesi vocale multilingua: Oddcast ed altri strumenti

Oddcast è un sinetizzatore vocale multilingua online. In pratica si digita o si incolla un testo da leggere nell’apposito campo, si sceglie la lingua (c’è anche l’italiano) e il lettore (vari personaggi maschili o femminili con un vero nome di persona) lo comincia a pronunciare.

I personaggi hanno tonalità e timbri vocali diversi, ma non è posibile intervenire sulla velocità della pronuncia. Inoltre non si possono salvare le nostre “letture” come files audio.

Esistono numerosi software di sintesi vocale con funzioni più complesse. In passato ho provato ReadPlease (c’è anche una versione gratuita) e l’opensource text2speech.

Questo tipo di software è spesso usato per l’accessibilità in rete e, in campo educativo, nel sostegno dei bambini diversamente abili. A questo proposito colgo l’occasione per segnalare l’esaltante esperienza di Chicco, che ci insegna come si può mantenere un podcast pur avendo la impossibilità di parlare con la propria voce.

Oddcast è stato visto su downloadblog

Software gratis per studenti “morti di fame”

SoftwareFor consente di scaricare un pacchetto di programmi chiamato “Software for Starving Students”, che mette insieme applicazioni Freware ed OpenSource per fornire agli studenti strumenti di tutti i tipi.

Ovviamente il nome ha un tono ironico ma si tratta di un ottimo cd per chi non può contare con tante risorse economiche, completo di molte famose applicazioni gratuite. L’immagine del cd può essere scaricata direttamente dal sito o attraverso un client torrent attraverso un link.

E’ disponibile una versiione per Windows e una per Mac OS (pagina download)

Un’iniziativa simile, in versione italiana, è The Open Cd 3.2. Si tratta di un CD che contiene una completa raccolta di ottimi software OpenSource per Windows, con bollino di qualità Indire (Istituto Nazionale di Documentazione per l’Innovazione e la Ricerca Educativa).

Facili da installare e rimuovere, corredati da documentazione. Il cd è scaricabile gratuitamente ed è liberamente ridistribuibile. Punto di riferimento per gli interessati è il sito Politecnico di Torino: linux@studenti. Il contenuto del cd è navigabile online.

Scarica (immagine iso, 604 mb)

Il computer nella chiavetta

PortableApps è una ricca suite di applicazioni “portatili”, ossia programmi che possono essere messi nella propria chiavetta USB (o su un altro tipo di supporto, come un hard drive esterno o un lettore mp3 p.e.).

In sostanza ci si può portare dietro ed utilizzare in qualsiasi macchina tutta una serie di programmi ma anche di dati personali: bookmarks, email, passwords, settaggi personalizzati di un software che usiamo spesso, agenda e calendario, documenti e programmi da ufficio da usare anche in macchine dove non ci sono. Non c’è bisogno di software d’intallazione, basta inserire la chiavetta ed è già pronta all’uso.

I programmi per Widows, sono gratuiti ed opensource. Alcuni esempi di quelli “storici” più conosciuti: Sudoku Portable, GIMP Portable, FileZilla Portable, Firefox Portable, Thunderbird Portable, Audacity Portable, VLC Media Player Portable, AbiWord Portable, OpenOffice Portable, Mac-on-Stick, 7-Zip Portable, ClamWin Portable (Antivirus), PStart (un menù di lancio dei programmi).

C’è una versione standard da 89,5 mb e una più leggera da 30,4 (pagina download). Le applicazioni possono essere scaricate anche separatamente.

Seguimi

Pixel Art

Pixel Art

Coding

Coding

albertopiccini.it

Se stai cercando notizie e contenuti sul mondo della Scuola Primaria, clicca sul banner sopra.