Archivio per la tag 'wiki'

WiseMapping e Mappio: due strumenti per le mappe mentali

wise mapping



WiseMapping è l’ultimo strumento per il mind mapping online con il quale creare facilmente mappe mentali e concettuali.

L’applicazione non offre nulla di nuovo rispetto agli strumenti già disponibili nel web ma è comunque ben fatto.

I diagrammi risultanti sono chiari, ci sono molte opzioni tra cui spicca la possibilità di trascinare e lasciare gli elementi.

Ci sono anche efficaci strumenti di editing: colori e fonts di tutti i tipi e ombreggiature. Purtroppo manca la funzione dell’inserimento delle immagini e delle icone.

Le mappe possono essere etichettate, salvate ed inserite in una pagina web. Si possono invitare persone a collaborare proprio come accade in Mind42 e Mindmeister.

Il servizio, al momento è in fase beta ad invito.

Segnalo anche Mappio, un sistema alla YouTube dove creare una mappa da un testo, condividere e pubblicare mappe mentali.

Ben fatto, vi si possono inserire immagini, icone e links. Si distingue per il pieno controllo delle opzioni di editing e per la flessibilità d’uso. C’è anche una guida articolata su come procedere alla creazione passo per passo.

Ad ogni mappa corrisponde una pagina con link diretto all’immagine e codice HTML per inserirla in una pagina web in vari formati.

Un servizio davvero ottimo (un esempio sotto).

mappio



A proposito di mindmapping, colgo l’occasione per segnalare anche WikiMindMap, un efficace sistema di ricerca per Wikipedia capace di visualizzare i risultati della ricerca attraverso una mappa mentale.

Il punto sui principali strumenti per la costruzione di mappe mentali online:

Mayomi, una delle prime proposte di questo genere, è ormai offline.


DisposableWebPage: pagine a scadenza… come lo yogurt!

Disposable Web Page



Con DisposableWebPage si può creare una pagina che scade e svanisce nel tempo in modo immediato.

Se si ha bisogno di lasciare in rete informazioni soltanto per un certo lasso di tempo per poi eliminarle questo strumento fa al caso nostro.

Ogni pagina creata è munita di un count down. La sua massima durata è di 90 giorni dal momento in cui è stata generata. Quando il conto alla rovescia arriva a 00:00:00:00 la pagina automaticamente svanisce.

Prima di essere distrutta definitivamente rimane in quarantena per due settimane.

L’interfaccia di Disposable Web Page è simile a quella di un wiki e le pagine possono essere coeditate da amici e colleghi. Ad ogni pagina viene assegnata una URL.

Al momento della creazione ci viene fornita una chiave da usare e da condividere con altri per collaborare nella costruzione. La storia dei cambiamenti è tracciata cronologicamente.

Non c’è bisogno di registrazione, si dispone di editor di testo e della possibilità di segnalare il link nei servizi di social bookmarking.

Uno strumento essenziale ed efficace.

La mia pagina di test (scadenza a 90 giorni da oggi).

Via | KillerStartUps


NamepediA: tutto sui nomi di persona

alberto



NamepediA è un enorme database che contiene tutte le informazioni reperibili riguardo i nomi di persona.

Digitando un nome potremo conoscere la sua storia, l’origine e il significato, la frequenza, la distribuzione geografica, le traduzioni in tutte le linge e la pronucia.

Le informazioni sono generate attraverso una mappa navigabile come quella che si vede sopra.

Dagli esiti di una ricerca si può partire per riscontrare i nomi in Wikipedia e in Google.

Si ottiene anche un lungo elenco delle persone famose che portano il nome ricercato, con tanto di link.

Per esempio io, digitando “Alberto”, ho trovato tra gli altri “Alberto Sordi“, ottenendo un grafico vettoriale con le persone che sono in relazione con lui: Claudia cardinale, Dino Risi, Vittorio De Sica, Ugo Tognazzi, Nino Manfredi…

In pieno stile wiki, il progetto è aperto e vi si può contribuire. Davvero una proposta curiosa e interessante.

Via | KillerStartUps


Se Wikipedia fosse di carta

wikipedia



Sarebbe come l’immagine che la rappresenta sopra.

Usando volumi di 25 cm di altezza e spessi 5 (circa 400 pagine). Ogni pagina di 2 colonne di 80 righe. Ogni riga di 50 caratteri (circa 6 mb per tomo).

Dati relativi alla versione inglese della famosa enciclopedia online, che nell’ottobre 2006 aveva 4.4 giga di testo (circa 750 volumi). Il tutto senza neppure considerare le immagini, tabelle, ecc.

Davvero un’opera sempre più monumentale e quanto risparmio di alberi e di spazio domestico!

Link


Animali 2.0



Le reti sociali sono un aspetto preponderante del web 2.0. Molti sono i social network dedicati agli animali domestici, in particolare cani e gatti.

Vi si può condividere soprattutto immagini e video (a volte molto divertenti) ma anche tante altre curiosità e sono uno spazio di incontro e di confronto per gli amanti degli animali.

Segnalo sotto quelle più diffuse e conosciute:

In spagnolo:

Vedi anche:

Mescolando il faceto con il serio colgo l’occasione per segnalare un importante progetto sul punto di essere lanciato. Si tratta di Encyclopedia of Life, una gigantesca enciclopedia online che conterrà tutte le specie animali e vegetali catalogate dall’uomo.

Sarà gestita sotto forma di wiki ed aggiornata costantemente da professionisti, studiosi ed esperti di tutto il mondo.

Vuol essere il più grande progetto mai realizzato in internet sul tema e sarà in grado di fornire un contributo importante allo sviluppo delle Scienze Naturali e al mondo della ricerca dell’educazione in generale.

Aspettando con trepidazione il suo lancio, si possono nel frattempo consultare alcuni esempi dimostrativi in pdf.

Un photo set del mio cagnolino Hugo 🙂


Come spiegare un Wiki alla mamma



Common Craft (Compagnia di Produzione e Consulenza Video) ha realizzato un ottimo video per spiegare i Wiki.

Il video tutorial è realizzato naturalmente in Inglese, è piuttosto semplice e comprensibile. Tuttavia ne esiste anche una versione sottotitolata in Italiano su DotSub.

Molto ben fatto come tutti i video tutorial di Common Craft, è realizzato con l’uso di foglietti di carta con disegni e ritagli di schermate.

Da non perdere.

Vedi anche:




Pixel Art

Pixel Art

Coding

Coding

albertopiccini.it

Se stai cercando notizie e contenuti sul mondo della Scuola Primaria, clicca sul banner sopra.

Seguimi

Fanpage: