Archivio per la tag 'web2.0'

Google Office: come sarà la futura suite da ufficio di Google

Google presenta già 9 prodotti che potrebbero far parte della futura suite Google Web Office:

  1. Analytics
  2. Base
  3. Calendario
  4. Co-op
  5. Gmail (con GTalk)
  6. Page Creator
  7. Homepage Personalizzata
  8. Ricerca Personalizzata
  9. Spreadsheets

google page creator
Ancora questa suite non esiste, ma è molto probabile che venga presto realizzata. In grassetto i 6 più probabili candidati.
Naturalmente va aggiunto anche Writely, che diventerebbe la settima applicazione del pacchetto..

Via Red/Write Web, che offre anche una galleria di immagini dei prodotti di google.

Web radio e iPod virtuali

blogmusik
Musica ed internet un connubio perfetto. Molte ormai sono i servizi on line che consentono di ascoltare musica, alcuni ormai celebri come Pandora e Last.fm (il mio preferito in assoluto).

Ho provato di recente due web radio: Radio Blog Club e Blogmusik.

La prima è semplice e funzionale. Contiene un ricco archivio di brani musicali, consente di creare rapidamente le playlist dei brani preferiti, e di condividerle tramite un link che può anche essere inviato per posta elettronica (clicca qui per un esempio di playlist da me creata).
I nostri brani preferiti vergono riprodotti da un Juke Box personalizzabile e si possono ascoltare anche le playlists di altri utenti. Si può anche creare un player che consente lo stream direttamente all’interno del proprio blod, ma purtroppo è necessario caricare i brani nello spazio che abbiamo a disposizione per il nostro sito web (ciò determina il limite dell’applicazione).

Il secondo ha un’interfaccia grafica molto più accattivante, in stile web.2.0. Ci troviamo di fronte a un vero e proprio iPod virtuale, si può scegliere il colore (bianco o nero ovviamente) e si comanda direttamente attraveso i tasti del player. Anche in questo caso le playlists possono essere gestite agevolmente ma si possono condividere solo singoli brani (un esempio).
L’archivio dei brani disponibili è ricchissimo e di qualità (125.000 canzoni). Si può ricercare le nostre canzoni preferite direttamente dall’iPod, navigare attraverso stili musicali o ricercando gli artisti tramite la lettera dell’alfabeto.
Mi è piaciuto davvero un sacco!

La mia pagina su Last.fm
Il mio profilo su Pandora

Popurls: tutto il web in una pagina

Popurls

Aggregate in una sola pagina tutte le ultime dalle urls popolari (PopUrls) nel web e pure con uno stile grafico affascinante!

E’ un sito semplice, personalizzabile, che elenca le notizie più recenti da Deliciuos, Furl, Flickr YouTube e tanti altri in un sommario, senza alcuna sottoscrizione di feeds perché è lui stesso un’unica pagina di aggregazioni (a single page aggregator) e lo fa per noi.

Assolutamente perfetto…

Un nuovo sito simile molto buono è Original Signal.

Della stessa serie, un aggregatore di notizie su gadgets tecnologici, Gadgets Original Signals.

Quanto sei esperto di web2.0? Fai il test!

web2.0 test



How web2.0 aware are you? è un divertente test che determina quali siti web2.0 hai visitato recentemente.

Clicchi sul pulsante, un rullo tamburo, ed ecco la tua percentuale! Io la prima volta ho ottenuto un buon 57%.

Simpatico quanto inutile.

Via Micro Persuasion


MyDeathSpace, il lato macabro di MySpace

MyDeathSpace
Non ho mai amato MySpace, la comunità sociale recentemente acquistata dal magnate australiano Rupert Murdock.

Un po’ perché non mi somo mai piaciuti i luoghi troppo affollati, un po’ perché ho molto poco da condividere con la stragrande maggioranza degli utenti del sito: i teenager americani.

Inoltre, quando mi sono collegato per curiosare, la navigazione non è risultata troppo sicura.

Il suo risvolto macabro si chiama My Death Space, una specie di tributo e di epitaffio digitale dei membri deceduti appartenuti a MySpace nelle cui pagine mantenevano un diario on line.

Le persone, purtroppo di gran lunga giovanissime, sono decedute soprattutto per morte violenta: suicidio, omicidio, incidente stradale…

Quello che mi ha disgustato non è stato tanto la tipologia dei decessi, alla quale la cronaca quatidiana ci ha malinconicamente abituato, quanto il merchandising legato al sito, davvero di pessimo gusto.

Vi si intravede un quadro inquietante e spettrale della società americana, ma stranamente ancora palpitante e vivido. Dopo la vista di tre pagine ho chiuso definitivamente la navigazione. Il sito non figura tra i miei preferiti e nemmeno nel mio blogroll.

Ricerca di siti web2.0 attraverso i loro loghi

Web2Logo

Web2.0Logo consente la ricerca di siti web2.0 attraverso il loro logo.

Il sito mostra in una sola pagina 50,100 o 150 loghi. Cliccando su uno di essi si accede a Web2.0List, ossia alla lista delle descrizioni, che contiene alcune informazioni: url, gradimento, rank di Alexa, bookmark di Delicious, dati di Technorati e un’utile classifica di siti similari.

Ci sono addirittura anche alcune interviste ai responsabili dei servizi e, se registrati, si può raccomandare o sconsigliare un sito.

Dalla homepage si naviga anche con la tagcloud, cliccando su una tag vengono mostrati solamente i loghi corrispondenti. Un modo di ricercare, completo, efficace, intuitivo e rapido.


Pixel Art

Pixel Art

Coding

Coding

albertopiccini.it

Se stai cercando notizie e contenuti sul mondo della Scuola Primaria, clicca sul banner sopra.

Seguimi

Fanpage: