Archivio per la tag 'web2.0'

Aggie.io: potente app collaborativa per disegnare online

Aggie.io è un’applicazione completa e potente per disegnare online anche in forma collaborativa tra più persone via internet.

Si può per esempio disegnare insieme ad amici o colleghi in tempo reale direttamente nel  browser invitandoli tramite un link condiviso a creare una nuova opera e iniziare a lavorare insieme, oppure condividendo un disegno già svolto.

Aggie.io può essere usata in forma collaborativa per esempio per  un progetto di brainstorming che richiede un aiuto visivo ma anche semplicemente in forma individuale.

L’applicazione è ancora in fase di sviluppo e alcune funzionalità verranno aggiunte in futuro.

Lo strumento è programmato in TypeScript, un derivato di JavaScript e utilizza gli standard HTML5,  funziona senza bisogno di flash o altri plugin del browser.

Ovviamente rende al meglio in dispositivi touch dotati di penne capacitive.

Si tratta di un servizio gratuito che non richiede registrazione obbligatoria e potrebbe essere usato anche per progetti didattici o educativi.

Jamboard: app per la lavagna interattiva di Google che funziona in qualsiasi dispositivo

Quando si parla di Jamboard si intende sia lo schermo touch prodotto e venduto da Google con la partnership di BenQ, sia l’app pensata per la suddetta lavagna ma che può essere usata da tutti e che funziona in qualsiasi dispositivo: browser internet, app Android o Apple iOS.

Jamboard, infatti, è disponibile per chiunque disponga di un account Google ed è integrata come app direttamente in Google Suite for Education.

Le sue caratteristiche sono essenziali ma molto potenti ed intuitive. Tramite l’app per tablet e smartphone si possono ottenere funzionalità aggiuntive, salvare lezioni anche su più pagine e ritrovarsele pronte sul proprio account via browser internet (vedi link sopra).

Una delle funzioni più intriganti è sicuramente il disegno automatico, vale a dire l’implementazione di un esperimento di Google che permette di trasformare schizzi in disegni veri e di cui ho parlato qui: Auto Draw.

Per il resto si può ovviamente scrivere, cancellare, inserire note, schermate, immagini, un po’ come avviene su tutte le lavagne interattive disponibili online, ed è possibile invitare persone a collaborare e condividere i lavori sia in forma privata tramite link o pubblica addirittura pubblicandoli nei social.

Le lavagne possono essere anche rinominate, rimosse o scaricate in formato immagine o PDF e saranno salvate automaticamente all’interno del proprio account Google Drive.

Sicuramente Jamboard rende al meglio su dispositivi touch, magari muniti di penna digitale e quindi anche sulle LIM scolastiche.

Sotto un video tutorial di Alessandro Bencivenni, il Prof Digitale che spiega molto bene il funzionamento dell’app di Jamboard e l’uso che gli insegnanti possono farne sia a casa per preparare lezioni, sia in classe per proporle agli studenti.

Personas: un generatore di avatar molto semplice da usare

Personas è un generatore di avatar molto semplice da usare.

Si tratta di un progetto open source curato da Drafbit, una  piattaforma per lo sviluppo di applicazioni mobili, che offre anche questa applicazione web.

Si tratta di un’app molto intuitiva con cui chiunque può creare il proprio avatar da utilizzare nelle reti sociali ma anche in contesti e progetti diversi.

Per esempio per realizzare le figure del profilo degli studenti di una classe mantenendo la loro privacy senza pubblicare foto personali e via dicendo.

Lo strumento fornisce otto diverse funzionalità per creare l’avatar personalizzato: pelle, capelli, viso, corpo, occhi, bocca, naso e colore di sfondo dell’immagine della nostra reincarnazione immaginaria.

Una volta terminata la scelta di ciascun elemento e siamo soddisfatti del risultato, possiamo scaricare l’avatar in formato immagine PNG per utilizzarlo nei nostri progetti, nei social o in qualsiasi altro modo in cui abbiamo bisogno.

Molto comoda è la funzione randomize che permette di generare avatar a caso.

Su Github è anche possibile scaricare il codice per utilizzarlo all’interno di un sito web.

Follower Stat: tutte le statistiche di un profilo Instagram

Instagram è molto usato, soprattutto da giovani utenti, ma sempre di più anche da aziende e istituzioni ed è dunque un social in grado di intercettare una fascia ben precisa di utenza.

Monitorarne le statistiche, dunque, può servire per capire come stanno crescendo i follower e l’engagment ed avere una proiezione per il futuro.

Follower Stat è un sito sviluppato in Italia che offre tutte le statistiche di un profilo Instagram gratuitamente e senza doversi registrare obbligatoriamente.

Può servire non solamente per curiosare tra i dati delle celebrità ma può essere utile per monitorare il proprio profilo personale, aziendale o professionale in modo da curarne i vari aspetti, per aumentare il numero di follower, per farlo crescere e per strutturarlo al meglio.

Followerstat.it permette di avere statistiche in forma grafica di qualsiasi account, del proprio ma anche di terzi . Pertanto può essere una fonte di molte informazioni utili.

Vengono fornite analisi di crescita, proiezioni future e sono monitorati like, commenti, tag e hashtag. I dati possono essere esportati in PDF ed è possibile confrontare più profili.

YDNW: strumento per creare un sito web con Google Docs

YDNW è un interessantissimo strumento per creare un sito web con Google Docs, ossia con l’applicazione web di Google che consente di editare testi in stile Microsoft Word.

Il nome stesso è tutto un programma. YDNW, infatti, indica il nome esteso del tool, You Don’t Need WordPress, ossia non c’è bisogno di WordPress.

Come si sa WorPress è la piattaforma per il blogging più completa, più famosa e più diffusa al mondo con cui è anche editato questo blog per esempio (più del 30% dei siti internet esistenti sono costruiti con questo CMS).

YDNW si rivolge a chi ha bisogno di editare un blog in modo semplice e a costo zero:. Il tool si integra facilmente con Google Drive che quindi funziona come servizio di hosting dei file online con un conseguente risparmio dei costi per acquistare uno uno spazio di archiviazione e di pubblicazione di contenuti web.

In pratica, tramite un account Google e i suoi strumenti, possiamo realizzare un sito internet completo ed immediato: basta creare un documento con Google Docs per ogni pagina del nostro blog e archiviarlo in una cartella online.

Esattamente come con Documenti di Google si possono usare gli strumenti di formattazione del testo, cambiare i colori, inserire tabelle ed elenchi e via dicendo. Ma l’aspetto più interessante è la collaborazione e la condivisione dei contenuti con altri utenti, proprio come permette di fare Google Documenti.

YDNW è uno strumento open source gratuito per tutti ma che potrebbe tornare comodo specificamente anche agli insegnanti in alternativa a Google Sites, lo strumento per la creazione di siti aziendali ed educativi o di classe incluso in Google Suite For Education.

Schetch2Code: applicazione che trasforma uno schizzo o un disegno fatto a mano con testi scritti in codice HTML

Schetch2Code è un progetto interessante di Microsoft AI, sebbene ancora a livello sperimentale, in grado di utilizzare l’intelligenza artificiale per realizzare progetti da pubblicare via internet.

Si tratta di un’applicazione web che trasforma uno schizzo o un disegno fatto a mano con testi scritti in codice HTML.

Il sistema è un grado di scannerizzare la bozza di un qualsiasi design e fornire il codice per pubblicare il relativo frame in un sito web tale e quale come è stato realizzato lo schizzo.

In pratica lo strumento viene in soccorso alla stragrande maggioranza di persone che gestiscono siti web ma che non hanno una profonda conoscenza dei linguaggi di programmazione ed in particolare dell’HTML.

La procedura è molto semplice, si carica la bozza di un progetto o lo si fotografa con la webcam e il sistema elabora il codice HTML da scaricare e utilizzare per pubblicarlo in una pagina web.

È possibile anche verificare nel dettaglio il funzionamento dell’algoritmo di rielaborazione come si può vedere da queste immagini:

Si tratta dunque di uno strumento utile per blogger, webmaster e web designer in erba e che potrebbe tornare utile  a tutti coloro i quali gestiscono siti web ed hanno bisogno di grafiche particolari da pubblicare, insegnanti inclusi.


Pixel Art

Pixel Art

Coding

Coding

albertopiccini.it

Se stai cercando notizie e contenuti sul mondo della Scuola Primaria, clicca sul banner sopra.

Seguimi

Fanpage: