Archivio per la tag 'tecnologia'

Apple iPhone Statistics 2010 infographic: tutti i numeri del fenomeno iPhone (video)

Apple iPhone Statistics 2010 infographic è un video che mostra in una serie di immagini statistiche tutti i numeri del fenomeno iPhone.

Il filmato assomiglia ad un’infografia dinamica.

La grafica ci aiuta a capire l’enormità dei dati relativi al device di casa Apple.

Pubblicità vintage della tecnologia moderna

vintage_facebook

Vintage Advertisement Of Modern Technology, ovvero pubblicità vintage della tecnologia moderna, è una geniale raccolta di immagini realizzata da Hongkiat che illustano come potrebbero essere pubblicizzati marchi, servizi, social media, gadget tecnologici secondo secondo un’ottica old style.

I manifesti pubblicitari mostrano tra l’altro Twitter, FaceBook, YouTube, Nintendo, PlayStation, Xbox, computer, Mac, iPod, Nokia, Samsung, automobili, elettrodomestici e tanto altro.

Una galleria davvero stupenda ed originale. Da non perdere.

Libox: l’iPhone come telecomando per i video, le foto e la musica del tuo computer

Libox è un nuovo servizio che tramite un’applicazione gratuita (iTunes link), permette di usare l’iPhone come telecomando per i video, le foto e la musica del nostro computer.

Si tratta di un software per la sincronizzazione p2p ancora in fase beta disponibile per Windows e presto per Mac.

Permette di utilizzare l’iPhone come telecomado remoto del computer in wi-fi, senza dover usare ingombranti cavi e trasformando di fatto il vostro laptop (che funge da server) in un centro multimediale, un media box per la riproduzione delle vostre immagini, mp3 e filmati in streaming anche in HD senza limiti di spazio.

E’ necessario scaricare ed installare l’applicazione desktop, l’app per iPhone e procedere alla configurazione.

Il software troverà i media contenuti nel pc e avrà bisogno del tempo necessario in base alla quantità e alla dimensione dei file da reperire.

Terminata l’operazione si disporrà di un player simile a un browser da comandare dal nostro smartphone.

I nuovi file saranno aggiunti automaticamente alla collezione.

Se il computer server è acceso possiamo accedere alla riproduzione in the cloud via Libox anche da un altro computer. Ovviamente la riproduzione avviene anche sul nostro iPhone.

Libox è uno strumento davvero utile sebbene ancora non troppo stabile, gratuito e che necessita soltanto di registrazione obbligatoria.

Vista la diffusione di questi tool (vedi TubeMote) è probabile che Apple fornisca in futuro servizi simili per la sincronizzazione e lo streaming direttamente via iTunes.

TubeMote: usare un telefono cellulare come telecomando per i video di YouTube

tubemote

TubeMote è un nuovo servizio che permette di usare un telefono cellulare come telecomando per i video di YouTube.

In parole semplici con TubeMote (YouTube da remoto) è possibile guardare a pieno schermo i propri filmati preferiti in un computer o in TV munito di connessione internet usando per esempio un iPhone come comando a distanza.

Basta registrarsi al servizio, creare un canale personale assegnando un nome del tipo www.tubemote.com/nomeutente e usare uno smartphone come strumento di controllo, alzando e abbassando il volume, mandando avanti e indietro.

Ovviamente la visione può essere fatta direttamente dal computer anche con in mouse.

Il nostro canale sarà formato solo dai video che decidiamo di aggiungervi.

TubeMote è gratuito, non richiede l’installazione di nessun software e necessita di registrazione obbligatoria.

Condividere esperienze di viaggio con EveryTrail (GPS Travel Community)

Al ritorno dalle vacanze estive voglio spiegare come la tecnologia possa tornare utile per condividere esperienze di viaggio in internet.

Quello che serve è soltanto un GPS capace di esportare dati GPX e un po’ di voglia di avventura.

Non disponendo di dispositivi professionali ho usato il GPS del mio iPhone basandomi su EveryTrail, una GPS Travel Community, vale a dire una comunità di appassionati di viaggi, percorsi ed escursioni dove si può creare un itinerario e condividerlo online.

EveryTrail fornisce applicazioni anche per Android, Windows Mobile e Blackberry, sia a pagamento, sia gratuite.

Quella a pagamento per iPhone può essere acquistata qui (iTunes link) a 2.99 euro. Ne esiste tuttavia anche una gratuita e in alternativa si può usare Trailhead, altra app gratuita che s’interfaccia alla perfezione con EveryTrail e fornita da The North Face, nota azienda di abbigliamento tecnico e sportivo.

Insomma, all’inizio del nostro viaggio basta lanciare l’applicazione e partire. Il software lavora in background e raccoglie dati in continuazione tracciando l’intero percorso.

Si possono inserire foto scattandole direttamente da EveryTrail e video (solo nella versione pro), aggiungere POI e descrizioni, mettere in pausa durante le soste.

L’unica pecca è il gran consumo della batteria causato dal GPS che dura al massimo 6-7 ore.

Concluso il nostro viaggio lo si salva per poi caricarlo online nel nostro account EveryTrail quando si dispone di una connessione internet.

Il percorso è tracciato nella mappa geografica e sono forniti dati relativi ai chilometri percorsi, il dislivello del tracciato e la geolocalizzazione.

Esso può essere scaricato come file KLM per Google Earth e in GPX per altri navigatori satellitari, condiviso in Twitter, FaceBook e via email.

Ovviamente merita aggiustarlo in un secondo tempo con un computer con cui è possibile caricare altre foto, importarle da Flickr e Picasa e inserire video da YouTube.

In EveryTrail si possono trovare migliaia di viaggi e seguire quelli degli altri. C’è di tutto: trekking, alpinismo, sci, bici, attività sportive di vario genere ma anche semplici gite rilassanti e turistiche.

Per rendere l’idea lascio la proiezione di una bella camminata in alta quota svolta in famiglia con gli amici pochi giorni fa. Ecco anche il link per guardarla direttamente su EveryTrail.

Buon viaggio a tutti!

myGrid: caricabatterie universale senza fili per telefoni cellulari

Duracell tramite Digital PR mi offre la possibilità di provare in anteprima il nuovissimo myGrid.

Si tratta di un caricabatterie universale senza fili per telefoni cellulari.

La confezione che mi è stata fornita include un alimentatore di rete, un adattatore universale, un libretto illustrativo, quattro custodie in silicone: una per iPhone (3G, 3GS), una per iPod Touch, una per BlackBerry Pearl (8100, 8110, 8120), una per BlackBerry Curve (8300, 8310, 8320, 8330, 8350i), quattro adattatori per connettori USB, Micro USB e micro jack per cellulari Nokia e Motorola.

Come si può vedere dal video è un tappetino molto sottile e poco ingombrante su cui appoggiare i nostri dispositivi mobili da ricaricare con tecnologia wireless.

Può ricaricare fino a quattro dispositivi contemporaneamente disposti su tutta la superficie del pad. E’ sicuro, perché lo si può toccare senza prendere la scossa anche durante la fase di carica. Se accidentalmente viene versata dell’acqua sul tappetino, non non c’è pericolo che vada in corto circuito.

Molto probabilmente la confezione che andrà in commercio sarà diversa da quella che ho ricevuto in omaggio.

Una volta in commercio, infatti, i clip e le custodie saranno vendute separatamente in modo che ognuno possa acquistare quello o quelli di cui ha necessità.

myGrid utilizza la tecnologia a conduzione: quando un dispositivo viene posizionato sulla sua superficie la carica si avvia solo se necessario e si interrompe non appena il caricamento è completo.

Occupa poco spazio (misura 20 cm per 15 circa), è molto sottile e può essere collocato facilmente senza troppo ingombro sopra un mobile o sulla scrivania di casa o dell’ufficio.

L’ho testato con un iPhone e con un telefonino Nokia e devo dire che funziona molto bene. I tempi di ricarica sono del tutto uguali a quelli del caricamento tradizionale.

Le custodie in silicone (di colore nero) sono simili a molte di quelle che si vedono in commercio e potrebbero essere mantenute nel nostro smartphone, altrimenti saremo obbligati e a metterlae e toglierle ogni volta che si effettua una ricarica.

Si tratta in definitiva di un prodotto molto interessante e funzionale. A mio avviso il suo successo sarà decretato dalla gamma degli accessori che Duracell sarà in grado di offrire: più saranno maneggevoli e facili da usare, maggiore sarà il desiderio degli utenti di acquistare il myGrid.

Perché, inoltre, non pensare a fornire custodie colorate meno anonime, più vivaci e più adatte ad un pubblico giovanile?

C’è da sperare che Duracell provvederà a fornire connettori anche per le tanto diffuse consolle da gioco tipo Nintendo o PSP e per altre marche affermate (HTC, Samsung, LG e via dicendo).

Immaginate la possibilità di allestire una sorta di “stazione di ricarica” domestica senza fili su cui appoggiare i telefoni cellulari di tutta la famiglia e le consolle dei bambini? Sarebbe davvero un’ottima soluzione.

Non ci resta che attendere l’imminente lancio anche sul mercato italiano oppure acquistarlo da subito su Amazon (60 dollari circa).


Pixel Art

Pixel Art

Coding

Coding

albertopiccini.it

Se stai cercando notizie e contenuti sul mondo della Scuola Primaria, clicca sul banner sopra.

Seguimi

Fanpage: