Archivio per la tag 'streaming'

MiMedia offre 7 giga di spazio web gratuiti

MiMedia è un nuovo servizio di storage e backup on the cloud che offre 7 giga di spazio web gratuiti.

Il servizio, che si mette in concorrenza con DropBox e siti simili, propone caratteristiche interessanti:

  • 7 GB gratis
  • client per dispositivi mobili
  • condivisione dei file nelle reti sociali
  • backup in tempo reale dei dati caricati online
  • supporto di ogni tipo di file (archivi, documenti, video, immagini, musica)
  • visione e streaming dei file ospitati
  • caratteristiche di sicurezza degli account

MiMedia fornisce anche profili premium a pagamento. Da provare.

Grooveshark: ascoltare in streaming milioni di mp3

grooveshark

Grooveshark è un sito che sta raccogliendo un enorme successo tra gli appassionati di musica in internet.

Si tratta di un servizio interamente basato sul web dove ascoltare in streaming milioni di mp3 gratuitamente.

Funziona un po’ come motore di ricerca musicale, un po’ come social network, un po’ come web radio, ma soprattutto come player mp3.

La musica può essere ricercata, ascoltata rapidamente e organizzata in playlist.

Groveshark indicizza e propone all’ascolto libero in streaming decine di milioni di brani ogni mese e possiede già centinaia di migliaia di utenti.

Si può usare senza doversi registrare oppure ci si può connettere anche via Google o FaceBook.

Come in Last.fm si possano salvare i brani preferiti, organizzare scalette e creare playlist.

Volendo si può anche caricare i nostri mp3.

Pur essendo gratuito si possono acquistare piani premium a pagamento mensile.

Ultimamento è anche uscito un software gratuito per scaricare musica da Grooveshark. Il downloader si chiama Groovedown.

Color: creare e condividere album fotografici di un luogo o un evento collettivamente

Secondo molti autorevoli osservatori Color ha tutte le carte in regola per essere una rete sociale rivoluzionaria e per ottenere un successo paragonabile a quello che in passato fu di Twitter.

Si tratta di un’applicazione gratuita per iPhone e Android che permette di condividere album fotografici di un luogo o un evento collettivamente.

Bill Nguyen, il suo fondatore, ha ottenuto un’investimento di 41 milioni di dollari per la startup ed è anche il fautore di Lala, il servizio di musica in streaming recentemente comprato da Apple.

In buona sostanza Color è un social network che consente di associare ad un posto tutte le fotografie scattate nelle sue vicinanze. Esse saranno a disposizione automaticamente ed immediatamente per tutti gli utenti che si troveranno localizzati nei paraggi.

Pensate ad un concerto, un meeting, una conferenza, un posto di lavoro o di studio, un evento pubblico e sociale come un matrimonio o una qualsiasi altra ricorrenza. I partecipanti, tramite smartphone, potranno realizzarne in tempo reale l’album fotografico e scaricare le foto sul proprio tablet e telefono cellulare.

Si scatta una foto tramite l’applicazione, si carica online ed essa sarà disponibile per il download di tutti i partecipanti geolocalizzati all’istante e in futuro. L’immagine infatti, sarà associata indissolubilmente ad un luogo specifico. Non manca ovviamente l’integrazione nelle reti sociali e la totale libertà di condivizione (vedi video demo).

Sembra una cosa semplice ed intuitiva ma è proprio grazie alla semplicità che si riesce ad ottenere successo.

Color sfrutta quella che sarà la parola d’ordine delle nuove reti sociali: la prossimità. Non più soltanto amicizia, spesso fittizia, e geolocalizzazione ma la vicinanza delle persone che condividono immagini.

In più Color.com offre quel senso di ignoto e di morboso tipico di servizi come Chatroulette in grado di alimentare la curiosità e che risponde alla domanda: quali immagini troverò?

Quando si “colora un posto” le sue immagini saranno ad esso per sempre associate e rimarranno on the cloud per tutti i viaggiatori che lo visiteranno. Le persone che arriveranno lì, anche mesi ed anni dopo, potranno vederle, scaricarle, rintracciarle tramite tag come in un gioco basato sul concetto di realtà aumentata.

Quando si partecipa ad un gruppo potremo condividere i profili degli altri utenti ed allargare la sfera sociale, non in base all’amicizia ma grazie alla prossimità del luogo in questione.

Immaginiamo pertanto di usare una specie di Instagram che funzioni un po’ come FourSquare e che consenta, oltre alla localizzazione, di condividere foto di luoghi ed eventi e di stabilire relazioni con il gruppo partecipativo.

Credo proprio che funzionerà. Da non Perdere.

DropTunes: player musicale mp3 per ascoltare musica in streaming via DropBox

droptunes

DropTunes è un’applicazione che sfrutta lo spazio web on the cloud offerto da DropBox per mettere a disposizione un player musicale mp3 per ascoltare musica in streaming.

Il suo funzionamento è semplicissimo. Basta accreditarsi gratuitamente via DropBox e iniziare a riprodurre la collezione degli mp3 che abbiamo caricato nel nostro spazio remoto.

DropTunes, infatti, trasforma le directory contenenti musica in vere e proprie playlist da ascoltare.

Per facilitare ulteriormente l’utilizzo del servizio è disponibile anche un’apposita estensione per Chrome.

Con Spreaker crei la tua web radio

spreaker

Con la diffusione a livello globale di internet gli strumenti sono ormai alla portata di ognuno.

Se a metà degli anni ’70 la liberalizzazione della banda FM consentì una rivoluzione culturale permettendo a chiunque, con un trasmettitore, un’antenna, un microfono e un giradischi, di creare la propria radio, oggi quel passo potrebbe equivalere a un’apertura al semplice utente della stessa possibilità, ma per una web-radio.

Infatti oggi chiunque può creare la propria “Radiofreccia” attraverso Spreaker che premette di ascoltare e creare delle web radio. Attraverso l’applicazione totalmente basata sul web è possibile creare contenuti audio tramite un’interfaccia simile a una consolle e renderli disponibili live, in differita o scaricabili come podcast.

Sempre dal portale, ideato da un gruppo di giovani bolognesi, è possibile ascoltare in streaming gratuitamente sia gli show trasmessi dagli utenti che quelli dei canali ufficiali curati da artisti conosciuti e case discografiche indipendenti.

Nato nel 2010, Spreaker, lanciato queste settimane negli Usa, permette di ascoltare nuova musica su misura per i propri gusti e di dare voce a chiunque volesse condividere musica e idee.

Guest post a cura di Michele Pallada e Domenico Lamanna: www.lacuriosita.it

Amazon Cloud Drive: 5 giga di spazio web gratuito per immagazzinare musica, immagini e video

amazon_clouddrive

Amazon Cloud Drive è un nuovo servizio di storage di Amazon che offre 5 giga di spazio web gratuito per immagazzinare musica, immagini e video.

Il servizio è dedicato sia agli utenti internet tradizionali, sia a chi accede via dispositivo mobile Android con una specifica applicazione.

Lo storage on the cloud consente di riprodurre musica in streaming tramite Amazon Cloud Player e di alloggiare in internet fino a 5 gb di file gratuitamente.

Sono previsti anche piani a pagamento per ottenere uno spazio remoto maggiore.

Nella miriade di servizi similari alla DropBox Amazon Cloud Drive può essere scelto per un motivo principale: la sicurezza offerta dal marchio che rende minimi i rischi di perdita dei dati di backup.

Se si acquista un album musicale, inoltre, Amazon offrirà 20 giga di spazio per un anno dove alloggiare gli mp3.

Ciò significa che potremo avere una copia dei nostri dischi direttamente online accessibili sempre e ovunque via internet e via smartphone.


Pixel Art

Pixel Art

Coding

Coding

albertopiccini.it

Se stai cercando notizie e contenuti sul mondo della Scuola Primaria, clicca sul banner sopra.

Seguimi

Fanpage: