Archivio per la tag 'storytelling'

Sutori: linee del tempo multimediali interattive

Sutori (conosciuta in passato come HSTRY) è uno strumento gratuito per la realizzazione di linee del tempo interattive multimediali.

La piattaforma include anche un’area EDU dedicata agli insegnanti dove creare e gestire classi virtuali e dove svolgere attività didattiche e ricerche, soprattutto storiche,  in forma collaborativa.

Gli studenti possono interagire nella timeline e i docenti correggere e moderare le loro attività.

Sutori è un servizio gratuito che offre anche un piano più completo a pagamento.

Video tutorial in italiano di App per Prof.

VideoScribe e TruScribe: creare video presentazioni che simulano l’effetto scrittura e il disegno a mano libera

VideoScribe TruScribe sono due software che permettono di creare video presentazioni che simulano la scrittura e il disegno a mano libera.

Il primo è disponibile in versine desktop (PC e MAC) e fornisce app per iPad e Android, mentre il secondo è fornito solamente come app iOS.

Purtroppo VideoScribe è a pagamento (anche se la versione per iPad non costa molto ed è abbastanza completa), mentre TruScribe fornisce anche una versione limitata gratuita con cui si possono realizzare presentazioni lunghe non più di 30 secondi.

Con entrambi i programmi si può simulare una whiteboard, una lavagna interattiva, su cui una mano simula la scrittura di un testo o il disegno di figure e oggetti con una penna.

In pratica si possono raccontare storie, preparare lezioni, guide e tutorial in modo molto accattivante e dinamico, focalizzando l’attenzione su elementi o scritte specifiche.

VideoScribe consente anche di inserire file e testi audio registrati o una colonna sonora alle animazioni video.

E’ facile intuire come filmati realizzati con queste applicazioni si prestano perfettamente alla didattica digitale e alla condivisione social di lezioni scolastiche.

Un esempio è la pagina YouTube di Francesca M.

L’effetto scrittura a mano libera è anche una caratteristica del più conosciuto PowToon, web application che offre anche una versione limitata gratuita e un ambiente EDU specifico.

Un altro software a pagamento per Windows simile ai precedenti è Easy Sketch Pro.

Buncee e Buncee EDU: creare e condividere avvincenti presentazioni multimediali

Buncee è qualcosa di più di un semplice strumento per creare e condividere avvincenti presentazioni multimediali: è anche e soprattutto uno strumento di storytelling digitale, ossia un efficiente sistema per raccontare e condividere storie tramite internet.

Buncee EDU è la versione educativa pensata per insegnanti, studenti e tutto il mondo della scuola che offre modelli, sfondi ed elementi grafici specifici per realizzare lezioni interattive da conservare e condividere online.

Con l’applicazione si possono produrre contenuti da condividere via email e nei social, cartoline elettroniche, presentazioni, animazioni, racconti digitali.

Il bello di Buncee è la sua semplicità d’uso in quanto si possono aggiungere ai lavori vari tipi di contenuto con un semplice drag and drop, inserire contenuti multimediali (foto, video, audio, link reperiti dalle rete sociali), titoli, scritte e organizzarli in fantastici template e sfondi ottenendo accattivanti effetti grafici con estrema facilità.

Buncee nella sua versione base è gratuita ma offre anche un piano professionale a pagamento.

L’app gratuita è disponibile anche per dispositivi mobili (iPhone e iPad).

Padlet: bacheca virtuale dove realizzare progetti collaborativi, ricerche di gruppo, appuntare contenuti multimediali

Padlet è un’applicazione web molto interessante e sempre più completa, diffusa principalmente nel mondo educativo, nella didattica e non solo.

Si tratta di una bacheca virtuale dove realizzare progetti collaborativi, ricerche di gruppo, appuntare contenuti multimediali, creare presentazioni, percorsi di storytelling e tutto quello che la nostra fantasia riesce ad produrre.

L’ambiente di lavoro mira alla condivisione di contenuti con altri utenti (colleghi e studenti) ed è pertanto disponibile all’ uso tramite diversi device: app gratuite per tablet e smartphone Android e iPad.

Una volta che ci siamo accreditati e creato un nuovo muro virtuale (wall), è possibile procedere alla configurazione iniziale del Padlet: immettere un titolo, una descrizione, inserire una miniatura, uno sfondo e modificare la struttura e il layout.

Tramite il menù principale si possono aggiungere contenuti, condividere il nostro Padlet, esplorare la galleria di quelli realizzati da altri utenti, duplicare e cancellare la bacheca.

Attraverso il menù della condivisione si può assegnare un link user friendly, più facile da ricordare per rendere più semplice l’accesso agli utenti invitati.

Possiamo inoltre decidere il grado di condivisione, se rendere il Padlet privato, protetto da password, pubblico, oppure condividerlo solo con chi avrà il link.

Questo è un aspetto molto importante e decisivo, che consente di stabilire il criterio del lavoro di un gruppo classe per esempio o di un equipe di colleghi collaboratori.

Si può infine pubblicare sui social network e copiare il codice embed per inserire il muro in una qualsiasi pagina web.

Sulla bacheca è possibile aggiungere qualsiasi tipo di contenuto, sia reperito nel web, sia caricato e prodotto con il nostro computer o dispositivo mobile: scritte, testi, immagini, video, audio,  Google map, link. Il tutto avviene anche grazie ad un semplice drag and drop.

Padlet, in definitiva, si presta alla perfezione per progetti didattici di ricerca-azione, storytelling, per realizzare timeline, per qualsiasi tipo di progetto collaborativo, per il lavoro di gruppo e di classe, per salvare contenuti e creare lezioni. Non a caso, come ho già detto, è sempre più diffuso nel mondo della scuola da chi intraprende percorsi di didattica digitale.

Ecco due video tutorial in Italiano per capire meglio il suo funzionamento:

Un’utile presentazione:

Padlet from Rosangela Mapelli

Un completo manuale d’istruzioni in italiano si trova a questo link.

Alcuni esempi di Padlet:

Story Wheel: visualizzare e commentare le foto di Instagram come in un vecchio proiettore di diapositive

StoryWheel è un’applicazione web che consente di visualizzare le foto di Instagram alla maniera dei vecchi proiettori di diapositive.

La presentazione delle immagini avviene se ci si connette tramite un account Instagram.

Fatto ciò, si selezionano alcune foto e si commentano registrando l’audio della nostra voce col microfono del computer.

Alla fine si può caricare e condividere il video dello slideshow “nostalgico” su SoundCloud.

StoryWheel, infatti, nasce proprio come applicazione di SoundCloud.

Si tratta di un servizio del tutto gratuito.

Stop Frame Animator: creare animazioni in stop motion simili a cartoni animati

Stop Frame Animator è un’interessante applicazione web che permette di realizzare animazioni in stop motion simili a cartoni animati.

Si può scegliere uno scenario, aggiungere figure, oggetti di scena ed elementi di vario tipo, dimensionarli, cliccarci sopra per animare i personaggi, muoverli nella location, aggiungere suoni, effetti speciali e musica ed altro ancora.

Il tutto viene impostato tramite una classica timeline, come possiede ogni applicazione per il video editing che si rispetti, e salvato direttamente online.

Stop Frame Animator è una proposta del tutto gratuita.


albertopiccini.it

Se stai cercando notizie e contenuti sul mondo della Scuola Primaria, clicca sul banner sopra.

Seguimi

Fanpage: