Archivio per la tag 'scuola'

SchoolTube: video educativi certificati



SchoolTubeè una sorta di versione colta di YouTube, diretta sia agli studenti, sia agli educatori.

I video caricati dagli studenti dovranno essere moderati e validati da un etutor, in modo da non lasciar passare in alcun modo contenuti inappropriati e quella spazzatura che ha alimentato le recenti polemiche sul bullismo. Essi verteranno su temi scientifici, educativi e culturali. Quelli inidonei saranno rimossi.

L’interfaccia è minimalista e non dispone di molte delle funzioni sociali dei servizi di condivisione video alla YouTube, in particolare il comodo codice HTML che consente l’inserimento (embed) in altre pagine web.

SchoolTube mira a diventare una potente fonte d’informazione e di apprendimento a distanza. Ci sono aree riservate per studenti e professori, i quali si trovano a disposizione uno strumento flessibile in grado di agevolare il loro compito.



Colgo l’occasione per citare anche SciVee, un servizio che consente esclusivamente la pubblicazione di video a contenuto scientifico in precedenza divulgati dalle riviste specializzate nel campo. I video sono suddivisi in sezioni e gli utenti possono votarli e commentarli.

Vedi anche TeacherTube, Dschola TV e ScienceHack.


Yahoo! Teachers: una rete sociale per insegnanti



Dopo Google con Educators, anche Yahoo! sta per lanciare una rete sociale per insegnanti, Yahoo! Teachers.

Sarà un social network, ma anche uno spazio collaborativo e progettuale dove gli insegnanti possono pianificare le loro lezioni.

Yahoo! Teachers consta di due sezioni. La prima, detta “Gobbler”, sarà una sorta di estensione del browser dove raccogliere le informazioni e salvare foto, testi e links scovati nel web (una vaga idea in questo video).

La seconda invece serve ad organizzare le informazioni e a programmare le lezioni che potranno essere contrassegnate con tags, salvate e condivise nella comunità.

Purtroppo è una risorsa concepita per i docenti d’oltre oceano e anche se il progetto è in costruzione, sarà sicuramente un’ottima opportunità educativa.

La speranza è di avere strumenti come questo un giorno anche per gli insegnanti italiani.


Google Maps permette di inserire mappe personalizzate in un sito


Visualizzazione ingrandita della mappa



Se ne palava da qualche giorno e da oggi è realtà. Google Maps annuncia e offre la possibilità di inserire le proprie mappe in un sito attraverso un codice embed in HTML, proprio come si fa con un video di YouTube o una fota di Flickr.

Finora era necessario usufruire di servizi terzi, di plugin o JavaScript, ora lo si fa direttamente da Google Maps.

Cliccate su “le mie mappe” e sul pulsante “crea una nuova mappa”, inserite titolo e descrizione, preparate la vostra mappa e salvate.

Cliccate in alto a destra su “collegamento a questa pagina” poi su “personalizza e visualizza in anteprima la mappa incorporata”, scegliete le varie opzioni, prelevate il codice da inserire e il gioco è fatto.

Le mappe sono in tre formati (piccola, media e grande) ma possono essere personalizzate a piacimento.

Davvero utile ed immediato. Le mappe da inserire e condividere si prestano ad usi molteplici: descrizione di eventi, percorsi, itinerari. Usi commerciali, didattici, divulgativi. Cartografie illustrative nell’ambito storico e scientifico o soltanto promozione di un blog, un negozio, una località turistica, una compagnia commerciale.

Ottimo, ne sentivamo la mancanza e la necessità.


MyAbodo: costruire una casa online e imparare a rispettare l’ambiente



My Abodo è un sito web inteattivo dove si può costruire una casa e migliorarla con alcune modifiche, evitando gli elementi dannosi per l’ambiente.

E’ un gioco educativo dove s’impara a migliorare il clima del pianeta e ad evitate l’inquinamento. Le opzioni sono molte ed è necessario conoscere un po’ d’inglese per capire a fondo il meccanismo per stabilire quali sono le soluzioni migliori per rispettare l’ambiente.

Terminata la nostra dimora, essa sarà collocata in un isolato e potrà essere visitata e vista da tutti. Addirittura può essere inserita in un sito web (come ho fatto io sopra) attraverso un codice embed e condivisa in rete.

My Abodo è gradevolissimo, divertente, dispone di una grafica eccellente e il suo aspetto educativo aiuta a rendersi di conto come le nostre decisioni possono influire nell’ambiente in cui viviamo.

Ideale per bambini ed adolescenti, perfetto da usare anche a scuola poiché possiamo sfruttarlo per far apprendere le nuove tecnologie di internet, per educare al rispetto della natura e per approfondire la conoscenza della lingua inglese.

Questa è l’occasione ideale per segnalare anche Electrocity, un altro semplice gioco online dove addirittura si può costruire una metropoli dal nulla.

Anch’esso ben disegnato e coinvolgente, ricco di suoni e relativamente facile da usare il cui obiettivo è la costruzione di una città ideale e prendere coscienza del costo dell’energia e del suo impatto con l’ambiente.

Il concetto è quello del famoso gioco per consolle e computer Simcity, di cui segnalo una versione classica giocabile online.


Più di 60 strumenti e risorse per il ritorno a scuola (la cassetta degli attrezzi per studenti)



E’ quasi un’impresa stare dietro alle super complete liste di links che elencano le migliori risorse reperibili in rete riguardo alcuni temi caldi del web che Mashable pubblica da un po’ di tempo con una frequenza quasi quotidiana.

Ora è la volta di + di 60 strumenti e risorse per il ritorno a scuola, la cassetta degli strumenti per gli studenti delle scuole superiori e delle università.

Non poteva certo mancare questa lista in un blog che ha sempre mostrato particolare attenzione al tema “scuola e web 2.0”. Ovviamente il target è la scuola dei college americani ma vi si possono trovare risorse utili ed adattabili alla realtà italiana.

Nel frattempo continuo ad aggiornare la mia “lista delle liste” di Mashable, tradotta in italiano e suddivisa per argomenti con centinaia e centinaia di ghiotti links.

Non mancate l’occasione di seguirla.

Link al post | Le cassette degli attrezzi di Mashable (la lista delle liste)

Vedi anche:



Motore Universitario: cerca nei siti web delle Università Italiane



Michele di Tuttosoftware mi segnala Motore Universitario, un motore di ricerca rivolto sopratutto agli studenti universitari.

E’ stato realizzato con Google-Coop CSE, il servizio fornito da Google per la creazione di motori di ricerca personalizzati.

Motore Universitario restringe i risultati di ricerca di Google ai soli siti web delle università italiane, ed è rivolto soprattutto agli studenti alla ricerca di tesi, appunti, dispense, ma in futuro c’è l’intenzione di allargarlo ad altre fonti.

A questo punto tutti gli ordini della scuola italiana sono ricoperti da 3 motori realizzati con Google Coop CSE:

  • Ricerche Maestre: il web per la Scuola Primaria (infanzia, elementare, media), mia orgogliosa realizzazione collaborativa
  • Educity: motore di ricerca per studenti e professori (superiore)
  • Motore Universitario (università)

Senza dubbio un bel risultato nel campo del Web 2.0 italiano.



Pixel Art

Pixel Art

Coding

Coding

albertopiccini.it

Se stai cercando notizie e contenuti sul mondo della Scuola Primaria, clicca sul banner sopra.

Seguimi

Fanpage: