Archivio per la tag 'risorse'

Data Gif Maker: strumento di Google che trasforma dati in animazioni

Google ha lanciato Data Gif Maker, uno strumento in grado di trasformare dati in animazioni Gif.

Si inseriscono due termini da paragonare, uno a sinistra e uno a destra, con la possibilità di mostrare una percentuale,  un numero o altri valori separati da una virgola. Si può inserire anche una breve descrizione non più lunga di 30 caratteri.

E’ possibile paragonare fino a cinque serie di dati, scegliere i colori e lanciare l’animazione che si presenta come una vera e propria presentazione in una nuova pagina web oppure scaricare la relativa Gif animata, sia in alta che in bassa risoluzione.

Si tratta di un’applicazione minimalista ma molto efficace ed accattivante.

Si può prestare a vari usi: nelle pubblicazioni web per mostrare tendenze, per ottenere immagini da inserire in modo attrattivo nelle slide di una presentazione,  in uno studio statistico e molto altro ancora.

Potrebbe risultare utile agli insegnanti per preparare una lezione, per mostrare i dati di una relazione e agli studenti per le loro ricerche di studio.

theLearnia: lavagna virtuale per insegnanti dove creare e registrare video lezioni via internet

theLearnia è una lavagna virtuale per insegnanti dove creare e registrare video lezioni via internet.

Si possono inserire sfondi, immagini, linee, forme, disegnare, scrivere, aggiungere pagine, proprio come in una vera LIM, ma contemporaneamente si registra il filmato dell’attività svolta per ottenere una lezione video registrando anche la voce che sarà condivisibile con i propri studenti o nel web in generale. Il tutto avviene direttamente online senza dover installare alcun software.

In pratica tutto quello che si svolge nella lavagna e tutti i riferimenti audio saranno registrati proprio come avviene per gli strumenti di screencasting, anche con la possibilità di mettere in pausa la sessione.

L’applicazione inoltre consente di importare e di convertire presentazioni in Powerpoint trasformandole in video lezioni usando i tool della whiteboard.

Alla fine del lavoro si può visualizzare un’anteprima del filmato, editare eventuali parti e procedere alla pubblicazione nella piattaforma e alla condivisione tramite link o direttamente nei social.

Le video lezioni possono essere inserite in una pagina web tramite apposito codice, in un blog didattico o di classe per esempio.

Se realizzate anche dagli studenti esse si prestano anche per le flipped classroom, le classi capovolte tanto in voga al momento.

theLearnia è un servizio molto semplice ed intuitivo da usare, gratuito, che richiede registrazione anche tramite account Edmodo, Google, Facebook e Twitter.

Zeetings: presentazioni, sondaggi, questionari, lezioni interattive in forma collaborativa

Zeetings è un’applicazione web che permette di condividere presentazioni, sondaggi, questionari interattivi dove è possibile collaborare in tempo reale tra utenti, per esempio tra insegnanti e studenti, tramite una chat di gruppo o in presenza proiettando la presentazione su uno schermo.

Gli interventi possono essere richiesti anche attraverso la partecipazione a sondaggi e questionari, ovvero tramite vere e proprie verifiche online.

Durante la visualizzazione di una serie di slide in Powerpoint o in PDF si può commentare, fare domande, spiegare, partecipare ad una lezione interattiva a distanza.

Con Zeetings la didattica digitale a distanza rompe il tradizionale canale comunicativo monodirezionale tra professore e studenti e la comunicazione avviene in forma multidirezionale,  collaborativa appunto.

Al termine dello zeeting avremo a disposizione tutte le informazioni della lezione o dell’attività svolta in modo da estrarre i risultati ed assegnare punteggi.

Le sedute possono essere salvate per essere analizzate e discusse in un secondo momento.

Si può accedere a Zeetings con qualsiasi dispositivo, in pieno spirito BYOD, senza la necessità di essere registrati ma semplicemente condividendo un apposito link o tramite la scansione di un codice QR.

L’insegnate, per esempio, può inviare il link agli allievi o mostrare il QR sulla LIM di classe e gli allievi potranno accedere alla lezione direttamente con il proprio tablet o smartphone.

Vedi il video tutorial di App per Prof.

Alcuni modi per creare un sito in modo semplice e veloce

Ormai esistono un sacco di sistemi per creare siti web in modo semplice e veloce senza la necessità di conoscere complicati linguaggi di programmazione, l’HTML, il PHP e via dicendo.

Molte aziende del settore propongono strumenti già pronti all’uso con cui, tramite un’interfaccia amichevole e visuale, realizzare prodotti di una certa professionalità.

Spesso, a pagamento, vengono fornite indispensabili opzioni aggiuntive e viene offerta pure la possibilità di ottenere un domino di primo livello o l’opzione di dirottare i contenuti su un dominio che magari abbiamo già registrato.

I sistemi più diffusi per la pubblicazione di siti web sono sicuramente Blogger, Joomla, Drupal e WordPress.

Blogger, il sistema di creazione di blog di Google, è il più semplice da usare e offre la possibilità di ottenere un dominio di primo livello.

Gli altri sono CMS (content management system), vale a dire piattaforme per la gestione di contenuti in internet, che necessitano di una procedura di installazione all’interno di uno spazio acquistato tramite un hosting provider piuttosto complicata per chi non è dentro il mestiere e richiedono un minimo di conoscenza dei linguaggi di programmazione e del funzionamento dei database mySQL.

Di frequente, per paura di non riuscire a dominare queste funzionalità, ci si rivolge a professionisti del settore che si fanno pagare, anche lautamente.

Fortunatamente il più diffuso Wordpress, nella sua versione wordpress.com, offre anche un sistema di pubblicazione che non richiede la conoscenza di quanto appena detto. Basta registrarsi e procedere alla pubblicazione di un sito web in modo facile, con molti strumenti user friendly pronti da usare.

In passato ho recensito alcuni strumenti per creare siti web al volo senza troppe complicazioni.

Di sicuro uno dei migliori ed affidabili continua ad essere Wix.com, una validissima piattaforma con cui creare un sito web gratis dall’aspetto professionale e curato.

La suite di Wix è in continuo sviluppo, è disponibile in moltissime lingue tra le più diffuse ed anche in Italiano all’indirizzo it.wix.com è in continua evoluzione e offre sempre  nuovi validi strumenti di pubblicazione in grado di soddisfare le esigenze più disparate.

I punti di forza di Wix rimangono l’ottimo editor sviluppato in HTML5 con cui creare pagine web in modo intuitivo con la tecnica del drag and drop, sempre più ricco di funzioni; la cura con cui sono gestite le immagini in modo da ottenere grafiche accattivanti e moderne con foto prive di diritti d’autore e di vincoli di copyright già incluse nelle gallery; il completo sistema di gestione dei menù, delle pagine e dei contenuti personali; l’adattamento automatico alla visualizzazione tramite telefono cellulare, tablet e qualsiasi altro dispositivo mobile; i numerosissimi template dagli stili grafici più disparati in cui scegliere quello che si adatta meglio a un sito web in base ai gusti, alle esigenze personali o aziendali, alle tematiche pubblicate.

Tutto ciò, ripeto,  senza dover conoscere alcun complicato linguaggio di programmazione .

In particolare i nuovi tool messi a disposizione sono:

Come si capisce chiaramente dal nome Wix Music è un sistema dedicato ai musicisti che vogliono farsi conoscere sul web con accattivati template specifici allo scopo.

Offre le immancabili funzioni social per promuovere il proprio marchio e la cerchia dei fan; la possibilità di includere file audio nei formati più diffusi e di venderli tramite download diretto; le funzioni per distribuire la musica sui vari store come iTunes e Google Play e le piattaforme di streaming alla  Spotify e Deezer; la possibilità di promuovere il proprio merchandising senza commissioni di terze parti e molto altro ancora.

Allo stesso modo Wix Video permette di mostrare, promuovere e vendere  video personali (anche di alta qualità) direttamente da uno specifico sito web, dove creare e gestire canali, offrire film in streaming, corsi, guide, tutorial, attività professionali, educative, i sempre più diffusi filmati how to (come fare) e DIY (fai da te).

Si possono ovviamente condividere video su YouTube, Vimeo e Facebook, pubblicare eventi in live streaming, inserire video a 360°.

Wix Events, invece, si occupa di fornire tutti gli attrezzi necessari a creare un sito web specifico dedicato ad uno o più eventi da promuovere e pubblicizzare in internet.

C’è un layout per ogni tipo di evento, che sia una festa, una gara, una cerimonia, un meeting e via dicendo.

Gli inviti e i flussi delle persone coinvolte nell’evento possono essere gestiti comodamente da dentro la piattaforma e condivise nei social.

Wix Pro Gallery, infine, è un app utile a generare gallerie di immagini professionali, con tantissime impostazioni grafiche disponibili per la pubblicazione e la visualizzazione ottimizzata per qualsiasi dispositivo.

Insomma, in conclusione, Wix ancora una volta propone un ulteriore pacchetto di strumenti ideali per la pubblicazione di contenuti nel web, funzionali e semplici da usare, in grado di generare risultati di tipo professionale.

Si può trnquillamente consigliare Wix sia al principiante, sia a chi vuol migliorare la propria presenza in internet senza troppe complicazioni, senza l’aiuto degli specialisti del settore e senza dover pagare le agenzie che offrono tali servizi.

Wix offre un piano completamente gratuito ma anche pacchetti professionali premium a pagamento con sistemi di assistenza 24 ore su 24, sette giorni alla settimana.

Wix è ormai una realtà consolidata del web a livello mondiale ed è in continua evoluzione e miglioramento. Resta pertanto uno dei modi più semplici ed affidabili per creare un sito web gratis  o per intraprendere un percorso professionale di pubblicazione di contenuti online.

Loopy: uno strumento per spiegare concetti attraverso simulazioni animate interattive

Loopy è uno strumento per spiegare concetti attraverso simulazioni interattive animate.

Sembrerebbe un concetto complicato ma all’atto pratico non lo è.

Si presenta infatti come un semplice editor visuale, sebbene in lingua inglese, dove realizzare diagrammi per illustrare un concetto.

Il tutto avviene mostrando le relazioni tra due o più oggetti o tra le parti di un sistema. E’ ottimo per esempio per spiegare le relazioni di causa-efetto attraverso un grafico interattivo.

Nell’editor si possono aggiungere alcuni cerchi, ognuno identificativo di un concetto, e collegarli tra loro in base alle relazioni che hanno semplicemente disegnando e scrivendo.

Loopy ricorda quei grafici che spesso troviamo nei libri che esprimono concetti attraverso semplici astrazioni visive aiutando gli studenti a capirne il significato.

Potrebbe essere uno strumento valido soprattutto per gli insegnanti delle scuole superiori e delle università.

Zero Noise Classroom: ottenere il silenzio in classe con una divertente sfida

Zero Noise Classroom è un’app gratuita del browser Google Chrome che permette di ottenere il silenzio in classe con una divertente sfida.

Sfruttando i concetti di gamification e di cooperative learning, alla sua attivazione mostra un conto alla rovescia e un misuratore del rumore agli studenti che si attiva tramite il microfono del computer. L’applicazione può anche essere mostrata a schermo intero in una LIM per esempio.

E’ possibile stabilire facilmente la durata dell’intervallo di tempo da destinare al silenzio e il livello del rumore tollerato.

Una volta azionato il countdown Zero Noise Classroom calcolerà la percentuale dell’eccessivo volume e, conseguentemente, quella del silenzio ottenuto.

Gli stessi studenti potranno verificare l’esito dell’operazione in tempo reale.

In un era in cui il livello della concentrazione degli alunni si adegua ai tempi ristretti imposti dal web, dai giochi elettronici e dalla tv,  Zero Noise Classroom sfrutta proprio il concetto del trasferire lo stile del videogioco e dell’apprendimento collaborativo alle azioni da svolgere in classe.


albertopiccini.it

Se stai cercando notizie e contenuti sul mondo della Scuola Primaria, clicca sul banner sopra.

Seguimi

Fanpage: