Archivio per la tag 'pubblicità'

WhatsYourTweetWorth: calcola quanto vale il tuo Twitter


WhatsYourTweetWorth

Personalmente la ritengo una facezia, un giochino e nulla più. WhatsYourTweetWorth è un servizio proposto da TwitAd che permette di calcolare il valore della eventuale rendita mensile di un account Twitter.

Basta inserire un nome utente per ricavare il numero dei fellowers, del followings e la quantità degli update postati.

Il servizio fornisce anche una porzione di codice da copiare ed incollare in una pagina web con il badge che mostra il valore ottenuto.

Personalmente ritengo del tutto inutile e controproducente inserire annunci pubblicitari in un account Twitter.

Via | techcrunch


Splush: generatore di widget RSS con possibilità di guadagno


splush

Da registrati Splush consente di creare un widget tramite un indirizzo feed RSS da inserire in una pagina web tramite codice embed.

Il widget è personalizzabile ed è possibile associare un programma di advertising che sarà retribuito al 50% per clic.

Il servizio è stato appena lanciato e, personalmente, ho avuto problemi ad inserire il mio feed di Feedburner.


Pubblicità in Twitter: Twittad


twittad

Twittad è un sistema per guadagnare soldi in Twitter tramite l’inserimento di annunci pubblicitari.

Il bello (o il brutto) è che non proviene direttamente da Twitter ma dagli utenti stessi.

Twittad propone di vendere lo spazio della barra laterale sinistra del famoso servizio di microblogging che finora risulta inutilizzata.

Più sono i fellowers più, ipoteticamente, si potrebbe guadagnare.

Si può decidere di vendere lo spazio per una settimana o un mese e Twittad trattiene il 5% dei ricavi. Gli advertiser in cambio possono acquistare vari profili pubblicitari.

Il problema e che gli annunci non sono cliccabili, come accade con Adsense per esempio, e non è dato a conoscere il numero delle impressioni.

Inoltre, a mio per nulla modesto parere, sarebbe un modo perfetto per scoraggiare i seguaci.

Via | techcrunch


23 incredibili siti animati in Flash


siti-in-flash

Il blog argentino Diego Mattei propone una stupenda selezione 23 incredibili siti animati in Flash.

Straordinariamente curiosi e creativi. Eccola:

  1. Saizen Media
  2. Bacardi Original Mojito
  3. CocaCola Light
  4. The Secret Device
  5. Eleonora Zandri
  6. Sensi Soft
  7. 8×4 Live Your Style
  8. Mentos Kiss Fight
  9. Disney Tower of Terror
  10. CocaCola Zero
  11. Nokia
  12. Got Milk
  13. Ecco
  14. Labello
  15. Motorola City
  16. Intel Robobrawl
  17. Parramatta
  18. Lipton
  19. Errol Schwartz
  20. Crumpler Products
  21. The Spanish Quarter
  22. Prospect Denim
  23. Mercedez Benz Viano

Nel post originale gli screenshot dei siti.

Aggiornate il vostro browser e preparatevi ad un viaggio fantastico.


Generatore di medicine finte


getyourdrugon

Questo sinpatico generatore interattivo di medicine finte lo consiglierò al mio amico Psiche e Soma

Si tratta di un inutile per quanto divertente strumento in Inglese per creare medicine finte da somministrare per scherzo agli amici via email.

S’inserisce il nome dell’inventore, si sceglie tra i vari nomi del prodotto proposti, si definisce il tipo di medicina (sciroppo, gocce, pastiglie, crema), si stabiliscono tre rimedi tra i tanti sconclusionati proposti, si decidono alcune informazioni sullo slogan e infine si sceglie tra cinque immagini per la pubblicità.

Io ho creato l’Albertadol, efficaci gocce per curare chi soffre di manie di grandezza, eccesso di sudorazione e puzza di piedi…


Adsense per i feed


Adsense per i feed

Adsense per i feed è disponibile. Ciò significa che la pubblicità può essere inserite in qualsiasi feed.

Si possono inserire annunci grafici e di testo automaticamente di dimensione 468×60 e 300×250.

Il problema è che se il feed funziona con FeedBurner non c’è una procedura automatica per la migrazione all’account Google, non esiste dunque ancora integrazione tra Adsense e FeedBurner (nonostante siano entrambi servizi di Google).

Per utilizzare Adsense per i feed a tutti gli effetti per il momento i publisher dovranno far migrare FeedBurner verso un Account Google contattando il supporto di Google Adsense.

In FeedBurner non c’è per il momento alcun strumento per l’integrazione in Google Accounts del nuovo feed generato nella procedura di Adsense per i feed.

Via | GOS



Pixel Art

Pixel Art

Coding

Coding

albertopiccini.it

Se stai cercando notizie e contenuti sul mondo della Scuola Primaria, clicca sul banner sopra.

Seguimi

Fanpage: