Archivio per la tag 'plagio'

WatermarkV2: software gratuito per aggiungere watermark alle immagini


WatermarkV2 è un altro software che aiuta ad aggiungere facilmente un watermark, una filigrana digitale, alle immagini.

Come ho già avuto modo di dire i watermark sono usati da chi vuole conservare i diritti dell’immagine e dai blogger che vogliono evitare di essere copiati prevenendo fenomeni di plagio indicando la provenienza della foto o per proteggerla con un copyright.

Il programma in questione ha molti pregi e pochi difetti. Innanzitutto è gratuito e, nonostante sia solo in Inglese e Tedesco, è molto semplice da usare.

Si possono creare profili watermark con scritte e loghi, posizionarli in varie zone dell’immagine, sovrapporre filigrane digitali a gruppi di immagini in serie anche selezionando un’intera cartella.

WatermarkV2 funziona in Windows e necessita almeno di .NET Framework 2.0 installato.

Applicazioni simili:

Scarica | WatermarkV2

Via | Life Rocks 2.0


Software per aggiungere un watermark alle immagini: Bytescout Watermarking


Bytescout Watermarking

Bytescout Watermarking è un software che aiuta ad aggiungere facilmente un watermark, una filigrana digitale, alle immagini.

I watermark sono usati da chi vuole conservare i diritti dell’immagine e dai blogger che vogliono evitare di essere copiati prevenendo fenomeni di plagio per indicarne la provenienza o il copyright.

Bytescout Watermarking (nella sua versione gratuita) supporta immagini JPG, TIF, GIF e PNG, si integra con l’explorer di Windows consentendo di inserire il marchio al volo tramite il tasto destro del mouse, permette di scegliere tra nove posizioni all’interno dell’immagine.

Dispone inoltre di 12 diversi tipi di watermark, fornisce il preview e consente di inserire nome e data.

Le versioni a pagamento offrono altre non troppo utili funzioni.

Scarica | Bytescout Watermarking LITE

Applicazioni simili: PicMarkr.

Via | Visual Beta


PicMarkr: inserire un marchio alle nostre immagini

PicMarkr



Premetto che non mi piacciono affatto i watermark, ossia quella sorta di marchio o filigrana digitale che si aggiunge ad un’immagine per indicarne la provenienza o il copyright.

Sono usate da chi vuole conservare i diritti dell’immagine e dai blogger che vogliono evitare di essere copiati prevenendo fenomeni di plagio, ma ne snaturano il contenuto originale e alcuni marchi sono invadenti e di pessimo gusto.

Di solito i software per screenshot presentano la funzione watermark con cui è possibile aggiungerli molto agevolmente.

Ora è disponibile anche PicMarkr, uno strumento online con il quale caricare fino a cinque immagini e aggiungere scritte, loghi o nuvolette di marchi.

L’applicazione ridimensiona automaticamente l’immagine a 500, 800 e 1024 pixel di larghezza. Si può scegliere l’opacità della scritta o del marchio, la disposizione ma non la dimensione.

Una volta terminato il lavoro possiamo caricare l’immagine direttamente sul nostro account di Flickr, previa autorizzazione, dal quale è possibile anche caricare le nostre foto.

Devo riconoscere che i watermark sono piuttosto gradevoli e relativamente poco invasivi.

PicMarkr funziona bene, è pratico e ricco di opzioni.

Via | wwwhatsnew


Safe Creative: registro della proprietà intellettuale

Safe Creative



Safe Creative è un registro gratuito della proprietà intellettuale tramite internet, nato recentemente in Spagna, a Saragozza.

E’ un servizio in constate grande crescita, il cui spirito è la protezione dei diritti d’autore contro pratica deprecabile del plagio attraverso i mezzi digitali.

Si possono registrare opere con qualsiasi licenza (Creative Commons, GNU o sotto Copyright), in qualsiasi lingua, di qualsiasi formato.

Ciò colma certi vuoto delle Creative Commons in modo da tutelare maggiormente la proprietà intellettuale e si adatta ai tempi moderni della diffusione dei contenuti via web.

Safe Creative mantiene nel suo registro una copia dell’opera che gli utenti inviano e rilascia un certificato digitale da associare alla proprietà intellettuale (una canzone, un blog, un disegno, un video, un software).

In ogni momento la licenza può essere modificata. Il rigore giuridico è assicurato e il servizio garantisce il valore legale delle licenze, come se fosse una sorta di testimone che offre una prova dell’effettiva registrazione di un’opera in una data precisa.

Ciò consente e aiuta nell’eventuale ricorso davanti allo sfruttamento indebito e informa esattamente sul soggetto proprietario.

Dietro al progetto c’è anche una non celata volontà per sfruttare in futuro il registro per usi commerciali, non a caso Safe Creative è finanziata da investitori privati.

Il progetto mira a diventare globale e multilingue e presto sarà lanciato negli Stati Uniti.

Ho registrato questo blog sotto licenza Creative Commons. Peccato che Safe Creative non rilasci un codice, un bottone da inserire in una pagina web per esplicitare il tipo di licenza.

Sull’argomento Creative Commons, in relazione ad AdSense, consiglio di dare un occhiata anche ai video proposti da masternewmedia.

Fonte | El País


Stop al Plagio! Campagna virale antiplagio

Il plagio va sempre più di moda, non solo tra i blogger principianti, non solo per mancanza di idee, anche a scopo di lucro.

Si trova il contenuto adatto, lo si copia e lo si incolla sul proprio blog e magari lo si addobba di annunci pubblicitari.

­Basta! No ctr+c! Stop al plagio!



Partecipa anche tu alla campagna virale antiplagio inserendo uno di questi bottoni nel tuo blog e, se vuoi, dedica un post a questa pratica deprecabile.

Preleva il codice di quello che più ti piace qui, i bottoni punteranno a questo post che, con la collaborazione di tutti, vuole diventare punto di raccolta e d’incontro dei sostenitori e, contemporaneamente, black list del plagiatori.







Per le regole di comportamento di tutti coloro che curano un blog in un contesto che sia di buona educazione, rimando alla blotiquette, nella fattispecie soprattutto al principio n° 4.

Che fare davanti ad un evidente caso di plagio? Come proteggere il tuo contenuto? Mi permetto di dare qualche piccolo consiglio:

  1. contatta l’amministratore del blog tramite email e chiedi educatamente che elimini il contenuto che ha copiato senza la tua autorizzazione o che aggiunga un esplicito link alla fonte originale;
  2. se non risponde puoi contattare l’amministratore del provider dove è alloggiato il blog e comunicare che deve rimuovere il contenuto per violazione delle politiche di uso;
  3. nel caso non si risolva nulla è sempre possibile inviare una lettera a Google per fax o email, vedi DMCA Violation Removal Request
  4. si può anche segnalare un rapporto di spam sempre a Google;
  5. se il plagiatore è ospitato in Blogspot si può utilizzare la barra superiore dove c’è scritto “Flag this blog” o “contrassegna questo blog”;
  6. se ospitato in WordPress si può contattare il supporto tecnico

Non copiare mai completamente contenuti altrui, mettere il link alla fonte originale non serve a nulla perché i motori di ricerca lo considereranno un duplicato.

Ricorda sempre e comunque di controllare le licenze con cui viene pubblicato un sito web, nessuno mai concederà l’autorizzazione a copiare indiscriminatamente.

Riferimento: Dealing With Website Plagiarism: When Someone Copies Your Blog Content? | Digital Inspiration.

Ringrazio Gidibao e Manicalarga per i suggerimenti e soprattutto Jonicaweb per la realizzazione grafica dei bottoni e per il sostegno.

Stop al plagio: un cialtrone copia spudoratamente i miei post

stop_plagio



Mi capita di frequente che i miei post vengano ripresi integralmente da altri blog. Io non lo farei mai perché penso sia troppo comodo e che sia necessario mettere del proprio quando si scrive.

Tuttavia se si riporta la fonte non ho nulla da eccepire. Magari preciserei dicendo: “articolo interamente tratto da…”

Spesso ho la vaga sensazione che altri blog riprendano contenuti da me pur senza copiare, ma non ti regalano un link manco morti. Piuttosto si mette una fonte generica del tipo via delicius, che è quasi come dire via internet!

Posso comunque sbagliarmi e non voglio peccare di presunzione.

Tuttavia c’è un limite a tutto. Qualche giorno fa un amico mi segnala che un blog ha copiato integramente un mio post. Vado a vedere e constato che ci sono un paio di articoli ripresi di sana pianta.

Decido di inviare una email, pensando che magari un ragazzo inesperto non sa bene quello che sta facendo. Questo il contenuto.

Ho notato che stai copiando integralmente i mie post. La cosa non si può fare assolutamente e dovresti citare in modo cor­retto la fonte.

Non è carino sfruttare il lavoro degli altri e dire che è il proprio, è un atteggiamento molto scorretto che equivale a rubare!

Ti ricordo che il mio lavoro è protetto da licenza. Sei giovane e forse non hai l’esperienza per valutare certe cose, ma ti ricordo che hai commesso il reato di plagio.

Provvedi subito a citare la fonte in tutti i post ripresi da me e per cortesia e fammi sapere. Non dovrei essere costretto a dover manifestare pubblicamente il tuo atteggiamento scorretto.

Alberto Piccini

Non avendo ricevuto risposta ho mandato di nuovo una email, anch’essa senza esito. Non solo oggi scopro che un altro post è stato copiato!

Sono sconcertato da tanta arroganza. Vi prego ­­di aiutarmi in tutti i modi per screditare questo farabutto.

Come fare a fermare gentaglia come questa? Date pure un’occhiata, magari scoprirete che hanno copiato pure voi…

Le prove

I post originali:

http://www.maestroalberto.it/2007/11/25/gifup…
http://www.maestroalberto.it/2007/11/21/minimize…
http://www.maestroalberto.it/2007/11/21/fileurls…

Le schermate dei plagi:

furto n° 1
furto n° 2
furto n° 3

L’indirizzo del ladro:

http://todawn.blogspot.com/

Sarebbe bello lanciare una campagna virale dal titolo Stop al Plagio! Io butto là l’idea.

E ora copia pure questo Gorilla!



Pixel Art

Pixel Art

Coding

Coding

albertopiccini.it

Se stai cercando notizie e contenuti sul mondo della Scuola Primaria, clicca sul banner sopra.

Seguimi

Fanpage: