Archivio per la tag 'network'

Mappa della diffusione delle reti sociali nel mondo

clicca sull’immagine per ingrandire



Questa mappa visualizza la popolarità dei cosiddetti social network nei vari paesi del mondo.

Salta subito agli occhi il grande successo di MySpace e Facebook nei paesi anglofoni.

Una raccolta di mappe altrettanto suggestive riguardanti internet su Digital Inspiration.


Veni, Vidi, Wixi



Prendiamo un po’ di rete sociale, un pizzico di sistema operativo online, una fetta di servizio hosting gratuito, una spruzzata di p2p, mescoliamo tutto assieme e otterremo Wixi.

Si tratta infatti di un’interessante applicazione ibrida che si presenta come un esplora risorse in cui è possibile immagazzinare contenuti personali e condividerli rendendoli pubblici: immagini, musica, video.

L’interfaccia del profilo di Wixi è del tutto personalizzabile (sfondo, avatar personale). Si possono ricercare ed invitare utenti ed esplorare le risorse pubbliche.

Ai nostri file personali (convertiti tutti in flash) è assegnato un codice HTML da usare per inserirli facilmente in un blog. Ottima opzione per creare una presentazione o una playlist. Essi possono essere aperti e riprodotti a seconda della tipologia.

La visualizzazione può essere in modalità preview, lista e miniatura e ci sono anche tante altre opzioni per la gestione dei file. I file possono essere spostati da una cartella all’altra semplicemente trascinandoli e la riproduzione di quelli multimediali tramite player può avvenire anche a tutto schermo.

L’upload è piuttosto rapido e può essere multiplo. In questa fase beta ad inviti il sistema di alloggiamento dei file è illimitato, in futuro si vedrà.

Insomma una rete sociale dove caricare e scaricare documenti, musica, video per averli a disposizione tramite un emulatore desktop ovunque, basta una semplice connessione internet. Tutto ciò assieme a quelli pubblici dei nostri amici.

Wixy funziona proprio bene, è immediato, facile da usare, rapido e la qualità audio e video è più che buona.

Grazie a Tommaso per l’invito.

Un occhio di riguardo perché si possono facilmente trovare foto e video porno o con contenuti inappropriati.


Jango: internet radio dal volto umano



Jango è una internet radio dal volto sociale.

Basta scrivere il nome degli artisti che si vogliono ascoltare e Jango comincia a suonare la musica desiderata e quella simile scelta da altri utenti, senza smettere mai!

Le stazioni possono essere personalizzate spuntando il nome degli artisti proposti e ne possiamo inventare quante se ne vuole senza limite.

Si possono fare amicizie, vedere chi sta ascoltando la nostra musica, condividere playlist e comunicare con gli altri utenti.

Una gran bella risorsa per gli amanti della musica.

Jango è ancora in fase beta ad invito. Se ne volete uno lasciate un commento, lo invierò alle prime 3 persone che me lo richiederanno.

Via | Go2Web2.net


Sketchcast: lavagna virtuale online



Ho letto circa una decina di recensioni su Sketchcast, in inglese, spagnolo e italiano, dove l’applicazione viene definita nei modi più disparati: strumento per disegnare e fare schizzi, registratore di disegni, strumento per creare presentazioni, per inserire disegni nei blog, per condividere idee e appunti in forma grafica, screencasting creativo, lo YouTube degli schizzi.

In effetti è un po’ di tutto questo. Si tratta infatti di un’applicazione web che ci fornisce un’area, una sorta di lavagna virtuale, in cui si può disegnare e scrivere con il mouse ciò che si vuole. Tutto il nostro lavoro viene registrato e si può anche aggiungere un commento audio.

Una volta terminato lo Sketchcast, possiamo salvarlo, pubblicarlo, condividerlo, inviarlo per posta elettronica ed inserirlo in una pagina web tramite codice.

L’utente registrato (come in tutte le reti sociali degne di tale nome) può valutare e votare i lavori degli altri, lasciare commenti e sottoscrivere i vari canali personali tramite rss.

Sketchcast (disponibile anche in italiano) è munito di alcuni semplici strumenti grafici (paletta colori, testo) e di un pulsante che consente di fermare la registrazione in modo da modificare la creazione o correggere un errore.

Non è difficile immaginare un suo utilizzo anche in campo didattico, non solo per l’apprendimento a distanza, ma anche per sostituire ed integrare l’ormai generalizzato uso di PowerPoint nelle lezioni multimediali via computer o via web.

Come ho già scritto nel titolo, Sketchcast potrebbe benissimo essere usato da insegnanti, uomini d’affari e formatori di vario genere come pura e semplice lavagna virtuale in cui il mouse sostituisce i classici gessetti.

Via | Google Blogoscoped


PuriCute: personalizzare immagini in modo divertente



PuriCute è un’applicazione web che permette di personalizzare al volo le nostre immagini in modo divertente.

Si può caricare un’immagine e aggiungere una cornice colorata dalla ricca galleria suddivisa per temi e inserire piccoli oggetti grafici animati molto graziosi.

Si dispone inoltre di un pannello dove selezionare alcuni controlli come la dimensione del pennello, i colori, gli strumenti per muovere, ingrandire e ridimensionare l’immagine e via dicendo.

Terminato il nostro capolavoro, possiamo salvarlo nel nostro account (qualora fossimo registrati) e inserirlo in una pagina web tramite codice embed (vedi esempi).



PuriCute coltiva anche l’aspetto sociale perché le immagini possono essere giudicate, commentate e condivise dalla comunità degli utenti, i quali dispongono di un proprio profilo personale.

Uno strumento pensato per gli adolescenti che vogliono personalizzare le foto nelle loro pagine delle reti sociali alla MySpace, ma capace di deliziare e divertire chiunque.

Via | Genbeta


LiveMocha: rete sociale per l’apprendimento delle lingue



Ho da poco recensito Mango ed ecco che arriva un altro strumento per apprendere le lingue online: LiveMocha.

Si tratta di una community dove si possono studiare molte lingue come l’Inglese, il Tedesco, lo Spagnolo, il Francese, l’Hindi, il Cinese, l’Arabo, il Portoghese, il Russo…

All’atto della registrazione si dovrà indicare la la lingua madre, la lingua (o le lingue) che vogliamo apprendere e il livello di conoscenza.

Scelto il corso (per livello di difficoltà e durata), avremo a disposizione una serie di strumenti interattivi che agevolano l’apprendimento: esercizi, letture, video, registrazioni da ascoltare, sezioni di studio sotto forma ludica.

A disposizione dell’utente anche un pannello dove registrare i progressi linguistici.

Si potranno aggiungere altri utenti alla nostra rete sociale che diventeranno veri e propri compagni di corso e ricercare le persone che fanno al caso nostro secondo alcuni parametri.

Si dispone anche di una chat room. Gli esercizi sono strutturati tramite dialoghi, pronuncia e scrittura. Oltre agli amici si potrà chiedere sostegno a tutor online (o meglio, etutor).

In definitiva Live Mocha è un modo di apprendere le lingue che privilegia l’aspetto sociale in puro stile web 2.0.

Via | Mashable



Pixel Art

Pixel Art

Coding

Coding

albertopiccini.it

Se stai cercando notizie e contenuti sul mondo della Scuola Primaria, clicca sul banner sopra.

Seguimi

Fanpage: