Archivio per la tag 'network'

Zoomorama: album fotografici zoomabili



Zoomorama è un servizio appena lanciato che consente di creare album fotografici in una sola pagina.

Gli utenti possono aggiungere immagini e video e montarli in forma in forma creativa. Ma l’aspetto che strabilia è la possibilità di zoomare nei dettagli fin quando la risoluzione lo consente.

L’applicazione è rapida e le immagini possono essere viste anche a pieno schermo. Lo zoom funziona anche con lo scroll del mouse e ci si può avvicinare e allontanare rapidamente.

I video partono al passaggio del puntatore.

Gli album disponibili e condivisi nella rete sociale di Zoomorama possono essere inseriti in una pagina web (vedi sopra), condivisi e inviati tramite email.

Lo spazio disponibile per l’account gratuito è di 2 giga, non pochi.

Una proposta innovativa e suggestiva nel campo dell’image sharing e delle presentazioni via web, da tenere nella giusta considerazione.

Via | Mashable


Pixoo: salone di bellezza digitale

Pixoo



Pixoo è un servizio web a pagamento, ancora in fase beta privata, che si occupa di ritoccare foto in modo da usarle nelle reti sociali. In pratica ci rende un po’ più belli eseguendo le nostre specifiche richieste.

Si può inviare una foto qualsiasi, addirittura con altre persone o con uno sfondo inadeguato che prontamente saranno rimossi. E’ il sistema stesso che suggerisce le possibili migliorie del volto e si può addirittura modificare l’abbigliamento.

Un team di artisti e di professionisti del fotoritocco digitale lavoreranno sulla foto che inviamo e ci restituiranno, entro 24 ore, un set di immagini elaborate di varia grandezza.

Tempo fa ho inviato una email per poter accedere al servizio, mi hanno invitato e così ho deciso di provarlo. Si paga tramite PayPal. Il trattamento ammonta a poco meno di 20$, ma mi hanno fatto lo sconto del 50% essendo uno dei primi partecipanti alla seconda fase beta privata, quindi ho pagato 9.90$ (6.75€ al cambio attuale).

Se l’utente non rimane soddisfatto del risultato, può comunicarlo alla squadra di Pixoo e la nostra foto sarà rielaborata finché non sarà del tutto soddisfatto.

Se non siete esperti di Photoshop e desiderate una bella foto per presentarvi in rete ad un prezzo decente, allora Pixoo fa per voi. In fondo, quanto spendete dal parrucchiere?

Oltre all’efficienza del servizio, mi ha colpito il nuovo modello di business collaborativo online che si basa sulla possibilità offerta dalla rete di poter lavorare in equipe anche trovandosi fisicamente molto distanti.

Pixoo



Nel post trovare le immagini del lavoro che hanno fatto con me, in alto l’immagine originale che ho spedito (molto estiva), poi il primo ritocco. Non essendo soddisfatto (la maglietta era orribile) ho richiesto un ulteriore ritocco (che vedete sotto) e ho fatto ripristinare il bellissimo sfondo originale.

Pixoo



Oltre all’immagine originale ce ne sono ben altre 49 già dimensionate e pronte da usare nelle principali reti sociali.

Un’esperienza da provare.


Boomshuffle: mix musicali da ascoltare e condividere



Boomshuffle è un sito che consente di creare un mix musicale a partire dalle canzoni presenti nel catalogo di Snocap, un servizio pensato soprattutto per gli utenti di MySpace.

I brani sono in prescolto di trenta secondi, ma se ne aggiungiamo più di 15 l’ascolto diviene completo.

Si possono invitare amici a collaborare e personalizzare il widget del nostro mix da inserire in una pagina web (vedi sopra).

La ricerca è rapida e ci aiuta a trovare gli artisti simili a quelli ricercati.

Insomma c’è proprio da divertirsi!

Sopra un mio mix intorno ala indie music che può essere copiato, condiviso e distribuito.

Per appassionati ed intenditori di buona musica. Buon ascolto!

Via | Mashable


Bloggino: il twitter per adolescenti



Essendo utente sia di Blastfeed sia rollSense, mi è arrivata una email per provare Bloggino, ennesimo servizio di microblogging alla Twitter della stessa compagnia.

Devo dire che sono subito rimasto colpito dalla sua grafica colorata e un po’ freak.

Bloggino è diretto ai più giovani, agli adolescenti, agli utenti di MySpace, per capirsi. A tutti quelli che amano la grafica animata e le immagini glitterate.

Per ora è disponibile in inglese, francese e spagnolo. Nell’uso assomiglia molto a Twitter: si può scrivere una blogginote (un post) e inviarlo tramite sms, mms, IM, posta eletronnica.

Le blogginote inviate via web possono essere scritte tramite un semplice editor WYSIWYG che consente di aggiungere link, modificare il carattere del testo, evidenziarlo, dimensionarlo, creare paragrafi.

Un aspetto molto interessante e funzionale è la possibilità di aggiungere un’immagine, un video e un file audio al post, in modo da condividere contenuti con gli amici

Si può scegliere un profilo pubblico e uno privato, decidere se ricevere i messaggi dei nostri amici tramite sms, email, IM.

Naturalmente si può invitare gente e costruirsi la propria rete sociale e, per fare questo, Bloggino può usare (sotto il nostro consenso) la rubrica dei contatti di Gmail.

Prossimamente il servizio sarà arricchito di nuove funzioni: bloggingroom, videoblogging via webcam, applicazione per telefoni cellulari.

Questo è il mio Bloggino.


Edocr: condivisione online di documenti di testo

Edocr è un’applicazione web (ancora in alpha) che consente di condividere documenti di testo in formato txt, doc, pdf e ps.

La dimensione massima del documento non deve superare i 10 mb. Le opzioni consentono di nominarlo, etichettarlo e descriverlo.

Una volta caricato sarà convertito in Flash. Gli utenti possono ricercare e navigare tra i contenuti, filtrare la ricerca e usare le tag.

Ogni documento può a sua volta essere visto tramite un navigatore che consente di muoversi al suo interno, cercare testo, vederlo ingrandito a tutta pagina e stamparlo.

Gli utenti possono valutare, commentare, scaricare e condividere i documenti, mettersi in contatto con l’autore ed inserirli in una pagina web (vedi sopra un esempio).

Applicazioni simili: Scribd e Docstoc.

Via | TechCrunch

Video Didattici: condivisione di video per la didattica in italiano



Mi segnalano tramite email Video Didattici, una rete sociale per la condivisione di video creata con Ning.

Il network ha l’obiettivo di selezionare e condividere materiali video in italiano finalizzati ad un uso didattico.

Gli utenti a cui si rivolge sono gli insegnanti, delle scuole e delle università, che usano video in classe nelle loro lezioni.

Lo scopo è quello di filtrare e selezionare, dai tanti siti in rete che si occupano di video, quelli che hanno un interesse didattico. Attraverso questo network si può:

  • inserire video presenti altrove in rete (o caricare i propri) e condividerli con tutta la comunità di insegnanti:
  • assegnare a ciascun video dei tag per catalogarli;
  • dare una valutazione dei video presenti;
  • commentare i video, per esempio con note sul loro uso didattico;
  • creare dei gruppi a seconda delle discipline insegnate;
  • discutere in un blog.

I video possono essere caricati dal proprio pc, dal telefonino cellulare, tramite email e da YouTube. Una volta approvati possono essere condivisi ed inseriti in una pagina web tramite codice.

Ogni utente dispone di una pagina personale e può creare o raggiungere un gruppo.

Insomma una sorta di YouTube che seleziona solamente video didattici ed educativi in italiano.

Sebbene ancora acerbo, Video Didattici è una proposta interessante ed intelligente che necessita del sostegno della comunità degli insegnati.



Pixel Art

Pixel Art

Coding

Coding

albertopiccini.it

Se stai cercando notizie e contenuti sul mondo della Scuola Primaria, clicca sul banner sopra.

Seguimi

Fanpage: