Archivio per la tag 'Italia'

Vision Of Humanity: immagini infografiche interattive sullo stato della pace nel mondo

visionofhumanity

Sulla base dei dati raccolti da un agenzia chiamata Institute for Economics & Peace, Vision Of Humanity, fornisce una splendida serie di immagini infografiche interattive sullo stato della pace nel mondo.

Le mappe riguardano vari indicatori di carattere economico, politico e sociale, come il livello del crimine, il numero delle armi, la popolazione carcerata, le relazioni con altri paesi vicini e altro ancora.

Esse sono realizzate in Flash e le mappe sono riproducibili nel suo divenire di dati con un player sotto forma di animazione.

Zoomando su una nazione è possibile visualizzare il flusso dei dati che lo riguardano in base al ranking mondiale e stampare le informazioni in un PDF. E’ anche possibile mettere in relazione e paragonare due o più stati.

Vision Of Humanity fornisce anche una classifica dei paesi più virtuosi in base ad un “indice di pace”.

Non so se il sistema è veritiero ma le statistiche che riguardano l’Italia non sono incoraggianti.

Spartoo: il più grande negozio per comprare scarpe online su internet

spartoo

Spartoo è la versione europea (disponibile anche in Italiano) di Zappos, il più grande negozio per comprare scarpe online su internet.

E’ stato recentemente acquistato da Amazon e questo la dice lunga sull’affidabilità del servizio di shopping, del resto comprovata dalle opinioni che si trovano nei forum e nei siti web in giro per la rete.

Al sito accedono circa cinque milioni di visitatori al giorno e più di 600.000 sono i clienti abituali a cui vengono spediti migliaia di pacchi quotidianamente.

Il suo successo si basa soprattutto su un eccellente servizio di consumer service (servizio clienti), sulla rapidità delle consegne, sul grande catalogo di marchi famosi e alla moda disponibili e, ovviamente, sui prezzi concorrenziali e sulla politica dei saldi e degli sconti.

Spartoo mantiene anche un blog informativo, pubblica una pagina fan su FaceBook e un account Twitter.

proprio l’uso dei social media, reso libero anche ai propri dipendenti, rappresenta un parte significativa del suo successo.

Dispone di quasi 400 marche suddivise in 15.000 modelli di scarpe (da uomo, donna e bambino anche in grandi misure), borse e accessori.

Spartoo Italia occupa più di 70 collaboratori e circa 60 persone lavorano in un deposito di logistica di 20.000 metri quadrati.

E’ disponibile in francese, inglese, italiano, spagnolo, portoghese, tedesco e altre lingue europee.

FourSquare: cos’è, come funziona, il perché di un successo

Senza dubbio FourSquare è il social network del momento, quello che richiama più curiosità e interesse negli smanettoni del web, il servizio tra i più discussi nei siti che si occupano di social media e di web 2.0.

Ma andiamo per gradi cercando di spiegare a chi non ancora lo sapesse quali sono le sue caratteristiche principali.

Cos’è, a cosa serve, come funziona.

FourSquare è una rete sociale fondata nel 2009 da Dennis Crowley e Naveen Selvadurai, che si basa sulla geolocalizzazione degli utenti, vale a dire sulla condivisione della propria posizione geografica via gps attraverso un dispositivo mobile, uno smartphone come un telefonino Android, un iPhone o un Blackberry, per i quali sono disponibili apposite applicazioni gratuite.

Gli utilizzatori di cellulari Symbian e di Pocket PC con Windows Mobile touchscreen possono usarlo via Waze, un navigatore satellitare gratuito.

Chi non disponesse di un simile device può comunque partecipare alla community semplicemente inviando messaggi sms.

Gli utenti possono effettuare il cosiddetto check in nei locali, nei negozi, nei musei, in qualsiasi posto di interesse pubblico. Essi sono suggeriti direttamente dall’applicazione e nel caso non lo fossero possiamo aggiungere un punto d’interesse direttamente noi stessi.

Tutto funziona come una specie di gioco. Maggiore sarà il numero dei check in e dei tip, i suggerimenti lasciati su un posto, e più punti otterremo per conquistare una lunga serie di badge, una sorta di “medaglia al merito” che indica la popolarità e l’influenza di un membro.

I commenti possono essere sincronizzati con un account Twitter e su FaceBook. Ciò significa che è possibile condividerli contemporaneamente anche nei due social network.

Allo stesso modo si possono cercare amici rovistando nella nostra sfera sociale di Twitter, FaceBook, nella rubrica di GMail o aggiungerli direttamente.

Le notifiche push consentono di trovare gli amici che sono nelle vicinanze o addirittura che si trovano contemporaneamente nello stesso locale.

In pratica più si usa FourSquare, maggiori saranno le informazioni a nostra disposizione e maggiore sarà l’incremento dei nostri meriti.

Uno degli obiettivi più ambiti è diventare major, vale a dire “il sindaco” di un posto. Tutto questo si consegue effettuando il maggior numero di ingressi nello stesso luogo entro due mesi, sempre se tale carica risulti ancora libera ovviamente…

Il perché di un successo.

FourSquare è utile per scoprire nuovi posti da esplorare e può essere usato a fini turistici. Di sicuro funzionano più le indicazioni lasciate direttamente dalle persone piuttosto che le spesso false informazioni per viaggiatori che si reperiscono normalmente.

Da questo punto di vista è destinato a crescere esponenzialmente man mano che la community italiana a sua volta sarà più numerosa e partecipativa.

La forza del suo esito straordinario e in continua crescita, tuttavia, è dovuta all’aspetto ludico. FourSquare, infatti, si presenta come un vero e proprio gioco sociale partecipativo.

Il meccanismo dei badge, favorisce la voglia di diventare superuser.

La condivisione della geolocalizzazione permette di incontrare la cerchia degli amici nelle vicinanze o addirittura di bluffare riguardo alla nostra posizione attuale…

Non è un caso che FaceBook, con la nuova funzione Places si metta in sua diretta concorrenza.

Ma FourSquare, a mio avviso, è destinato a vincere, un po’ come accedde in passato con Twitter. Tanto fu il successo del servizio di microblogging che moltissimi furono i cloni. Tuttavia, a distanza di tempo, solo Twitter si è imposto come il più influente e autorevole.

Lo stesso sta accadendo per FourSquare che sta sbaragliando la concorrenza, in primis quella di Gowalla.

Un altro aspetto da tenere in considerazione è quello del cosiddetto social marketing. FourSquare, infatti può essere utilizato, dalle aziende a scopo promozionale, per pubblicizzare il proprio brand.

C’è chi offre sconti, prezzi e tariffe speciali, inviti e agevolazioni ai clienti migliori in base al numero di check in o addirittura la possibilità di ottenere nuovi ambiti badge.

FourSquare in questo senso sta pensando ad incrementare il proprio piano di partnership con alcune importanti catene di negozi e di media americani.

Insomma, le sue possibilità di utilizzo sono ancora inesplorate e tra le persone nascono nuove forme di aggregazione e di gioco destinate ad avere più o meno fortuna.

I contro.

Molti sono i pro, ma ci sono anche le contro indicazioni. In primo luogo la privacy.

Chi usa FourSquare deve per forza di cose rinunciare ad una buona fetta della propria location privacy, oppure restringere la sfera delle amicizie e l’autorizzazione a visualizzare i check in a poche persone affidabili. Ma così facendo il gioco non varrebbe più la candela.

In ogni modo è sempre possibile usare il bluff di effettuare il check in in un posto non vero per depistare la gente correndo però il rischio di essere bannati, esclusi dal servizio. Oppure mantenere semplicemente i check in privati, in gergo off the grid (OTG), evitando di condividerli con gli amici.

Non è poi così ragionevole condividere la propria posizione geografica a centinaia di chilometri da casa quando siamo in viaggio o in vacanza lasciandola incustodita, alla mercé di possibili malintenzionati…

Tanto meno effettuare il check in in luoghi sensibili come la propria abitazione o il proprio posto di lavoro.

In pratica condividendo la propria posizione la renderemo nota anche a un possibile ladro, a un’autorità e magari al nostro datore di lavoro. Occhio dunque a non esagerare.

La affermazione definitiva di FourSquare in Italia, a mio avviso, dipenderà molto da alcuni fattori. Nello specifico sicuramente dalla diffusione delle reti wi-fi gratuite di cui il nostro paese è davvero carente e dalla recezione del potenziale commerciale da parte di aziende sponsor, spesso restie a confondere l’aspetto ludico con quello legato al business.

Detto ciò, se volete aggiungermi alla vostra community potete trovarmi a questo indirizzo.

Tatoeba: database di frasi di esempio tradotte in diverse lingue

tatoeba

Tatoeba (localizzato anche in Italiano qui) è un è un database di frasi di esempio tradotte in diverse lingue.

E’ possibile selezionare la lingua di partenza e la lingua con cui tradurre le frasi fatte e procedere alla ricerca attraverso un motore di ricerca interno.

Otterremo così la fraseologia disponibile e, talvolta, anche il pulsante per ascoltare l’esatta pronuncia online in vari idiomi.

Da registrati si può partecipare al progetto aggiungendo nuove frasi o correggendo quelle già incluse.

Concepito come rete sociale Tatoeba rappresenta un modo innovativo e partecipativo per imparare le lingue via internet.

CriticalPast: milioni di foto e migliaia di video storici del passato

criticalpast

CriticalPast è un fantastico sito che ospita milioni di foto e migliaia di video storici del passato.

L’archivio è formato per la precisione da più di sette milioni di foto e più di 57.000 filmati di grande valore educativo, storico e documentaristico.

I contenuti partono dal lontano 1890 ed arrivano fino agli anni ’90. Essi possono essere ricercati anche attraverso una comoda linea del tempo e tramite un motore di ricerca integrato.

La stragrande maggioranza dei video e delle immagini riguarda gli anni della seconda guerra mondiale, in particolare il 1945.

Ci sono moltissimi stupendi contenuti riguardanti anche l’Italia.

Il materiale (completo di accurata descrizione storica) può essere visto liberamente online, ma per scaricarlo è necessario sottoscrivere piani a pagamento.

CriticalPast è un sito da consigliare non soltanto agli appassionati di storia, ma anche agli studenti, ai professori di ogni ordine e grado di scuola e ai cattedratici universitari.

PhotoRem: funzionale servizio hosting immagini e video

photorem

Da Alberto Bulletti, sviluppatore italiano che lavora negli Stati Uniti, arriva PhotoRem, un funzionale servizio hosting immagini e video.

Accreditandosi gratuitamente è possibile caricare filmati, foto e documenti Office e PDF senza limitazioni, organizzarli in cartelle.

Supporta i formati video .flv, .mov, .mp4 e fornisce un comodo tool per il foto editing online.

Le immagini possono essere catturate direttamente anche con la webcam, condivise via email, nei blog e nelle reti sociali alla Twitter e Facebook tramite codice embed, anche come slideshow.

PhotoRem è un sistema per la condivisione di contenuti online flessibile, ben strutturato e del tutto gratuito.


Pixel Art

Pixel Art

Coding

Coding

albertopiccini.it

Se stai cercando notizie e contenuti sul mondo della Scuola Primaria, clicca sul banner sopra.

Seguimi

Fanpage: