Archivio per la tag 'GPS'

Localstreamer: costruisce una pagina web piena di informazioni per ogni città del mondo

localstreamer

La maggior parte di noi geek ha ormai sempre con sé un dispositivo di geolocalizzazione, stiamo parlando dei sistemi GPS o dell’ultimo modello di cellulare.

La parola d’ordine anche in rete sembra ormai essere quella della geolocalizzazione, ovvero determinare la posizione di un utente e fornire dei contenuti locali in base al luogo dove ci si trova.

Tutti gli ultimi browser Chrome, Opera, Firefox e anche Internet Explorer presentano grazie al supporto di HTML5 la possibilità di rintracciare la vostra posizione e anche i grandi big del web. Facebook, Google, Microsoft e Twitter hanno da tempo già scommesso sull’importanta di offrire risultati di ricerca in base al luogo da dove la ricerca è scaturita.

Avendo in mente tutte queste considerazioni più di due mesi fa è nata l’idea di costruire un mashup, una webapplication che raccogliendo le informazioni da varie fonti sul web, riuscisse a offrire all’utente la possibilità di avere una istantanea di quello che sta succedendo in una data città, si va dalle notizie locali al sentire comune delle persone o alle semplici banalità (a tutti piace spiare il vicino).

Il nome del progetto è Local Streamer un sistema che in una unica pagina raccoglie il flusso (stream) di informazioni locali generate dalle persone che discutono degli eventi, notizie personali e non che accadono in città.

All’utilzzatore del sistema viene offerta anche la possibilità di instaurare un dibattito tra le persone che si trovano sul sito o la possibilità di lasciare un commento.

E’ inoltre possibile condividere l’indirizzo della pagina web relativa alla città selezionata sui vari socialnetwork e invitare un amico a partecipare anche ad una sessione di chat.

L’utente non è solo uno spettatore passivo del flusso di informazioni ma è in grado di inviare lui stesso altre informazioni tramite la voce del menù laterale “Publish News” è necessario semplicemente un account Twitter. Una volta aggiornato il vostro profilo con un tweet, il sistema sarà in grado di rintracciare quello che avete pubblicato e riproporlo nella pagina della città.

Non poteva poi mancare l’onnipresente YouTube, cliccando sul link “Multimedia” il sistema ricercherà per voi gli ultimi 6 video più popolari relativi al luogo che avete selezionato.

Più che le parole contano i fatti, vi invito quindi a provare voi stessi le funzionalità del sistema: Localstreamer.

Guest post a cura di Orfeo Morello, programmatore e creatore di Localstreamer.

Instagram Shuffle: roulette con le foto di Instagram

instagram_shuffle

Come ho già avuto modo di dire Instagram manca ancora di una valida interfaccia web.

Instagram Shuffle può parzialmente porre rimedio a questo limite.

Si tratta infatti di un’applicazione che funziona come roulette con le foto di Instagram.

Si accede al servzio e cliccando sul pulsante shuffle sarà caricata una nuova foto casualmente tra i milioni di scatti effettuati dagli utenti.

Le immagini possono essere condivise nelle reti sociali alla Twitter e FaceBook tramite appositi pulsanti.

Instagram Shuffle è gratuito e non richiede registrazione.

Path: social network a numero chiuso per la condivisione di immagini e foto con gli amici veri

path

C’è chi ne parla male, chi ne parla bene, chi ne è entusiasta e chi lo critica. Di certo Path è una nova forma di immaginare le reti sociali che sta facendo molto discutere.

In poche parole si tratta di un social network a numero chiuso per la condivisione di immagini e foto con gli amici veri.

Da questo punto di vista assomiglia nel funzionamento ad Instagram, un’altra applicazione per iPhone di grande successo, anche se manca del suo aspetto virale e dei filtri fotografici da applicare alle immagini.

In effetti, pur disponendo di un’interfaccia web, è disponibile al momento soltanto come app per il melafonino.

La peculiarità di Path è che permette la condivisione con un massimo di 50 altri utenti selezionati. Per questo si potrebbe definire come un anti social network o un personal social network.

S tratta in effetti dell’inaugurazione di una vera e propria contro tendenza rispetto a Twitter o FeceBook, dal momento che il numero dei contatti e delle amicizie che di solito aggiungiamo sono nella stragrande maggioranza fittizie, non corrispondenti al mondo reale, esagerate nel numero.

Recenti studi universitari, infatti, confermano che il numero massimo di amicizie autentiche che un individuo può coltivare si aggira intorno alle 150.

In Path, dunque, sarà indispensabile aggiungere soltanto una sfera di contatti scelti, personali, quelli veri con i quali s’intrattengono rapporti diretti e non esclusivamente telematici.

Con essi pertanto sarà più semplice condividere informazioni private e personali senza remore.

Al momento, anche collegandosi al sito via iPhone non è possibile scaricare l’applicazione dallo iTunes store italiano, ma di sicuro sarà presto disponibile gratuitamente.

C’è da aspettarsi in futuro anche apposite applicazioni per altri dispositivi mobili come Android, Blackberry, Symbian, Windows Mobile.

Instagram: cos’è, come funziona, il perché di un successo annunciato

instagram

Era da un bel po’ di tempo che non venivo così coinvolto, anche emotivamente, da un’applicazione e non sono l’unico visto che è stata scaricata in pochi giorni da centinaia di migliaia di utenti in tutto il mondo. Ecco perché voglio approfondire la mia breve recensione di pochi giorni fa.

Cos’è, a cosa serve, come funziona.

Instagram è un’applicazione per iPhone (iTunes link, gratis) che consente di scattare foto e di condividerle facilmente anche nei nostri account di Twitter, FaceBook, Tumblr e Flickr.

Si possono seguire altri utenti nel suo social network (aggiungendoli connettendo l’applicazione a FaceBook, Twitter, cercandoli nella rubrica dello smartphone o dal nome), votare le foto con il bottone i like, lasciare commenti, guardare le fotografie più popolari.

Instagram fornisce 11 splendidi filtri fotografici in grado di rendere spettacolari le immagini catturate con la fotocamera dell’iPhone (di solito decisamente mediocri e scarse in qualità).

I filtri ricordano quelli di Hipstamatic, un’altra magnifica applicazione per iPhone.

I miglioramenti della camera dell’iPhone 4 e la possibilità di usare la camera frontale di certo favoriscono lo sviluppo di applicazioni come questa, ma non avrei mai creduto che Instagram potesse farmi ritrovare la passione per la fotografia utilizzando un telefono cellulare.

Con un po’ di fantasia e di creatività, infatti, uno scatto convenzionale, o addirittura mal riuscito, può essere trasformato in una splendida foto.

La semplicità d’uso è la forza di questo strumento. Si scatta una foto (o la si carica dal rullino), si seleziona l’area dell’immagine da salvare, si sceglie il filtro e la si pubblica online scegliendo se condividerla anche in Twitter, FaceBook, Tumblr e Flickr. E’ anche possibile geolocalizzarla tramite FourSquare.

Il perché di un successo.

Instagram genera foto di alta qualità, consente un processo di upload molto veloce e, soprattutto, facilita il processo di condivisione via web.

Le immagini di tutti gli utenti del nostro network saranno visibili in un feed direttamente sul telefonino (manca ancora un’interfaccia web) ed è spesso un bel vedere.

Grazie ad Instagram possiamo condividere i nostri stati d’animo “visuali” pubblicandoli sul muro di FaceBook, le nostre foto nella timeline in Twitter (bypassando TwitPic e siti simili), salvarne una copia contemporaneamente nel nostro Flickr e trasformare il nostro Tumblr in uno stupendo foto blog.

Personalmente ho iniziato a usare nuovamente il mio Tumblr dopo averlo abbandonato da mesi grazie proprio ad Instagram.

Il successo virale di Instagram è già enorme ed è destinato ad aumentare per vari fattori: la diffusione sempre più massiccia degli iPhone e dell’uso dell’internet mobile, il futuro lancio di applicazioni per telefonini Android e Blackberry, il miglioramento delle funzioni di un’applicazione che è ancora giovanissima.

Per tutti questi motivi e per altri ancora Instagram è un’app assolutamente da non perdere.

Per chi volesse aggiungermi come amico io sono terminal.

Instagram: la vita di tutti i giorni in istantanea, la nuova mania del foto sharing in mobilità

instagram

Instagram, o Instagr.am che dir si voglia, è un’applicazione per iPhone che consente di condividere la vita di tutti i giorni in istantanea (iTunes link, gratis).

A giudicare dal successo ottenuto, più di 100.000 download in meno di una settimana, si può ben dire che rappresenti già la nuova mania del foto sharing in mobilità.

Si tratta di uno dei quei servizi che si differenziano dagli altri, innovativi, destinati ad avere un grandissimo riscontro e a diffondersi rapidamente nelle abitudini della gente che usa i dispositivi mobili e gli smartphone per collegarsi ad internet.

Mi riferisco a quello che è già successo per FourSquare per esempio nei mesi scorsi. Insomma, è destinato a fare tendenza.

Con questa applicazione si possono scattare foto, catturare momenti di vita ed organizzarli in un flusso continuo proprio come fa Twitter nella timeline o come il muro di FaceBook.

Tale flusso è disponibile come feed e può essere condiviso da altri utenti come in tutte le reti sociali degne di tale nome.

Invece di condividere link o messaggi di 140 caratteri si condividono immagini di vita quotidiana, si racconta noi stessi con le foto.

L’applicazione fornisce alcuni filtri fotografici che permettono di dare alle foto un tocco più istantaneo, casuale, artistico, vagamente retrò.

Le immagini possono essere geolocalizzate grazie all’integrazione con FourSquare, e condivise in altri social media come FaceBook, Twitter, Tumblr, Flickr.

Il potenziale di Instagram è enorme dunque e presto saranno di sicuro lanciate applicazioni per telefonini Android e Blackberry.

Must have.

Google Latitude: ora è possibile effettuare il check in dal computer via desktop

latitude

Google Latitude ora è disponibile anche al nuovo indirizzo http://google.com/latitude raggiungibile con qualsiasi computer via browser.

Ciò significa che è possibile aggiornare o effettuare il check in assenza di GPS anche via desktop dal computer di casa, dell’ufficio o con il nostro portatile e non solo in mobilità, trascinando semplicemente l’icona utente sul punto preciso della mappa dove ci troviamo.

Google offre anche tutta una serie di gadget da utilizzare sul navigatore su iGoogle.

Latitude segue dunque la moda della condivisione della geolocalizzazione tanto di moda in servizi come FourSquare, Gowalla, FaceBook Places.


Pixel Art

Pixel Art

Coding

Coding

albertopiccini.it

Se stai cercando notizie e contenuti sul mondo della Scuola Primaria, clicca sul banner sopra.

Seguimi

Fanpage: