Archivio per la tag 'google'

Jamboard: app per la lavagna interattiva di Google che funziona in qualsiasi dispositivo

Quando si parla di Jamboard si intende sia lo schermo touch prodotto e venduto da Google con la partnership di BenQ, sia l’app pensata per la suddetta lavagna ma che può essere usata da tutti e che funziona in qualsiasi dispositivo: browser internet, app Android o Apple iOS.

Jamboard, infatti, è disponibile per chiunque disponga di un account Google ed è integrata come app direttamente in Google Suite for Education.

Le sue caratteristiche sono essenziali ma molto potenti ed intuitive. Tramite l’app per tablet e smartphone si possono ottenere funzionalità aggiuntive, salvare lezioni anche su più pagine e ritrovarsele pronte sul proprio account via browser internet (vedi link sopra).

Una delle funzioni più intriganti è sicuramente il disegno automatico, vale a dire l’implementazione di un esperimento di Google che permette di trasformare schizzi in disegni veri e di cui ho parlato qui: Auto Draw.

Per il resto si può ovviamente scrivere, cancellare, inserire note, schermate, immagini, un po’ come avviene su tutte le lavagne interattive disponibili online, ed è possibile invitare persone a collaborare e condividere i lavori sia in forma privata tramite link o pubblica addirittura pubblicandoli nei social.

Le lavagne possono essere anche rinominate, rimosse o scaricate in formato immagine o PDF e saranno salvate automaticamente all’interno del proprio account Google Drive.

Sicuramente Jamboard rende al meglio su dispositivi touch, magari muniti di penna digitale e quindi anche sulle LIM scolastiche.

Sotto un video tutorial di Alessandro Bencivenni, il Prof Digitale che spiega molto bene il funzionamento dell’app di Jamboard e l’uso che gli insegnanti possono farne sia a casa per preparare lezioni, sia in classe per proporle agli studenti.

Google Chrome Canvas: applicazione per disegnare online

 

Google Chrome Canvas è una semplicissima applicazione gratuita per disegnare online.

Pensata per device che montano Chrome OS, può essere usata in tutti i sistemi operativi poiché tutto avviene via browser, serve solo una connessione a internet e accedere al link sopra. Volendo si può anche installare l’app per Chrome.

Ci sono solamente sei funzionalità di disegno: la tavolozza dei colori, la dimensione e l’opacità del tratto della matita, della penna ad inchiostro, dell’evidenziatore, del gesso e la gomma.

Lo strumento consente di correggere le azioni svolte e di esportare disegni in formato immagine PNG. Nulla di più semplice ed immediato.

È possibile anche caricare un’immagine e disegnarci sopra.

 

Naturalmente tutto funziona al meglio su dispositivi touch screen magari con una penna digitale o alla LIM di classe da usare come semplice lavagna vecchio stile.

Tutti i disegni fatti possono essere collegati e salvati in un account Google.

YDNW: strumento per creare un sito web con Google Docs

YDNW è un interessantissimo strumento per creare un sito web con Google Docs, ossia con l’applicazione web di Google che consente di editare testi in stile Microsoft Word.

Il nome stesso è tutto un programma. YDNW, infatti, indica il nome esteso del tool, You Don’t Need WordPress, ossia non c’è bisogno di WordPress.

Come si sa WorPress è la piattaforma per il blogging più completa, più famosa e più diffusa al mondo con cui è anche editato questo blog per esempio (più del 30% dei siti internet esistenti sono costruiti con questo CMS).

YDNW si rivolge a chi ha bisogno di editare un blog in modo semplice e a costo zero:. Il tool si integra facilmente con Google Drive che quindi funziona come servizio di hosting dei file online con un conseguente risparmio dei costi per acquistare uno uno spazio di archiviazione e di pubblicazione di contenuti web.

In pratica, tramite un account Google e i suoi strumenti, possiamo realizzare un sito internet completo ed immediato: basta creare un documento con Google Docs per ogni pagina del nostro blog e archiviarlo in una cartella online.

Esattamente come con Documenti di Google si possono usare gli strumenti di formattazione del testo, cambiare i colori, inserire tabelle ed elenchi e via dicendo. Ma l’aspetto più interessante è la collaborazione e la condivisione dei contenuti con altri utenti, proprio come permette di fare Google Documenti.

YDNW è uno strumento open source gratuito per tutti ma che potrebbe tornare comodo specificamente anche agli insegnanti in alternativa a Google Sites, lo strumento per la creazione di siti aziendali ed educativi o di classe incluso in Google Suite For Education.

Picular: il Google dei colori

Picular ama definire se stesso il “Google dei colori”.

Si tratta infatti di una specie di motore di ricerca di colori che si basa proprio sugli algoritmi di Google.

Notoriamente se effettuiamo una ricerca su Google e selezioniamo il tab immagini avremo una serie di figure e di foto come risultato. Picular non fa altro che rendere la palette dei colori di tali immagini con i rispettivi codici esadecimali attraverso un’esperienza utente davvero grandiosa.

Ecco un’esempio con la parola “acqua”:

E un altro esempio con la parola “bosco”:

Passando il mouse sopra l’icona in basso a destra di ciascun riquadro colorato possiamo vedere la corrispondente immagine originale da cui è stato ricavato.

Picular è gratuito e accetta ricerche in tutte le lingue dal momento che non fa altro che elaborare i risultati forniti da Google in forma visuale.

Si tratta quindi di un’ottima applicazione web, utile non solamente per webmaster, designer e appassionati di grafica digitale, ma anche in campo didattico educativo.

Si può per esempio utilizzare come suggestione per disegnare astrazioni a partire da un preciso tema utilizzando i colori ottenuti con una ricerca o utilizzarlo per spiegare come si formano i colori in campo informatico-digitale e i relativi codici che li contraddistinguono.

Song Maker: un’applicazione Google per creare musica

Chrome Music Lab Song Maker è un’applicazione Google per creare musica.

Il Music Lab fornisce una serie esperimenti creativi lanciati da Google nel 2016.

L’applicazione funziona tramite browser web dove è possibile programmare sequenze di suoni usando vari strumenti musicali.

Può essere usata con le dita su tablet e smartphone ma anche con mouse e tastiera da computer o aggiungendo una tastiera MIDI (vedi video sopra).

In pratica si “disegna” una sequenza di note che può essere riprodotta da vari strumenti (piano, chitarra, clarinetto, synth, marimba), si può stabilire il tempo delle battute, registrare la voce o altri suoni tramite un microfono e infine salvare la canzone creata.

Ad ogni lavoro corrisponderà un link da condividere nei social o dovunque si voglia, e un codice embed per inserire la canzone in una pagina web. Vedi sotto il mio esperimento minimalista:

Oltre ad essere un classico sequencer, Song Maker è un divertente progetto creativo che consente di giocare con la musica e i suoni e di apprendere alcuni concetti basilari della composizione come la melodia e il ritmo.

Lo strumento è gratuito e non richiede alcuna registrazione.

 

Flippity: trasformare facilmente fogli di calcolo, modelli e template di Google in flashcard e giochi didattici

Flippity è un sito che permette di trasformare facilmente fogli di calcolo, modelli e template di Google in flashcard e giochi didattici.

Il sito offre una serie di attività didattiche già pronte: flashcard, quiz, ruota della fortuna, memory game, parole crociate, gioco dell’impiccato, bingo, tabelloni per tornei di squadre e via dicendo.

In parole semplici un insegnante può sfruttare un modello di quelli disponibili per creare attività didattiche proprie e personalizzate.

Esiste anche un plugin Chrome per per Google Fogli (Google Sheet) disponibile qui.


Pixel Art

Pixel Art

Coding

Coding

albertopiccini.it

Se stai cercando notizie e contenuti sul mondo della Scuola Primaria, clicca sul banner sopra.

Seguimi

Fanpage: