Archivio per la tag 'disegno'

Sketchcast: lavagna virtuale online



Ho letto circa una decina di recensioni su Sketchcast, in inglese, spagnolo e italiano, dove l’applicazione viene definita nei modi più disparati: strumento per disegnare e fare schizzi, registratore di disegni, strumento per creare presentazioni, per inserire disegni nei blog, per condividere idee e appunti in forma grafica, screencasting creativo, lo YouTube degli schizzi.

In effetti è un po’ di tutto questo. Si tratta infatti di un’applicazione web che ci fornisce un’area, una sorta di lavagna virtuale, in cui si può disegnare e scrivere con il mouse ciò che si vuole. Tutto il nostro lavoro viene registrato e si può anche aggiungere un commento audio.

Una volta terminato lo Sketchcast, possiamo salvarlo, pubblicarlo, condividerlo, inviarlo per posta elettronica ed inserirlo in una pagina web tramite codice.

L’utente registrato (come in tutte le reti sociali degne di tale nome) può valutare e votare i lavori degli altri, lasciare commenti e sottoscrivere i vari canali personali tramite rss.

Sketchcast (disponibile anche in italiano) è munito di alcuni semplici strumenti grafici (paletta colori, testo) e di un pulsante che consente di fermare la registrazione in modo da modificare la creazione o correggere un errore.

Non è difficile immaginare un suo utilizzo anche in campo didattico, non solo per l’apprendimento a distanza, ma anche per sostituire ed integrare l’ormai generalizzato uso di PowerPoint nelle lezioni multimediali via computer o via web.

Come ho già scritto nel titolo, Sketchcast potrebbe benissimo essere usato da insegnanti, uomini d’affari e formatori di vario genere come pura e semplice lavagna virtuale in cui il mouse sostituisce i classici gessetti.

Via | Google Blogoscoped


Kerpoof: educare divertendo

kerpoof





Kerpoof è un coloratissimo sito dove bambini e adolescenti possono creare storielle, fumetti e cartoni animati e modo variegato e divertente.

L’interfaccia accogliente e amichevole consente di superare l’ostacolo della lingua inglese.

Si sceglie una delle tante scene (45) dove inserire personaggi ed oggetti vari, i quali possono essere ingranditi, rimpiccioliti, ruotati e spostarti. Si può aggiungere una nuvoletta di testo e addirittura passare da un’ambientazione diurna ad una notturna.

I nostri capolavori possono essere modificati in qualsiasi momento, salvati, stampati e condivisi via email come se fossero una cartolina elettronica. Peccato che le creazioni non possano essere trasferite ed inserite in una pagina web personale come in un blog tramite codice.

Kerpoof si pone l’obiettivo di diventare uno strumento educativo tale da essere usato anche dagli insegnanti a scuola. In effetti il sito presenta tutte le caratteristiche dell’edutainment, ci si può infatti divertire giocando in modo costruttivo e creativo.

Sperimentandolo con i bambini ho notato che essi, sotto la guida di un adulto, potrebbero rimanere indaffarati per ore. L’attività educativa si integra così molto bene con lo svago e l’insegnamento delle abilità informatiche può essere decisamente agevolato.

I bambini, inoltre, hanno la possibilità di sbizzarrire a loro creatività, inventando racconti e apprendendo le tecniche del montaggio e dell’animazione video.

In questa pagina, attraverso alcuni video, si spiega come realizzare un filmato e come animare i personaggi (vedi anche un video su YouTube).

Kerpoof è un sito gratuito ed è in continua evoluzione. Per capire esattamente cos’è bisogna necessariamente provarlo. Provateci e divertitevi, non ve ne pentirete di certo.

Via | Go2Web2.net


Scriblink: lavagna digitale per condividere idee in tempo reale

angel



Scriblink è una lavagna digitale che può essere condivisa da un gruppo di persone. Con essa si possono mostrare le nostre idee e in tempo reale con altri utenti (massimo cinque, da invitare per posta elettronica).

L’applicazione contiene strumenti di disegno e di scrittura basilari, addirittura scarni (linee, cerchi, rettangoli, griglie, un selettore del colore e della dimensione del pennello, un secchiello). La sua forza, tuttavia, sta nella possibilità della condivisione a distanza.

Con essa, per esempio, si potrebbe elaborare una bozza, un progetto con un gruppo di colleghi di lavoro, oppure utilizzarla per una spiegazione o a corredo di una lezione.

Ci si può avvalere anche di una chat, collocata sulla barra laterale, dove stabilire anche una conversazione. Le bozze possono essere salvate e riaperte all’occorrenza.

In Scriblink l’apparenza inganna, la sue estrema semplicità infatti potrebbe essere il motivo del suo successo.

Nei link di corredo al post sono recensiti altri strumenti di questo tipo.


Tuzki (兔斯基): le faccine più usate del mondo

smiley smiley smiley smiley smiley smiley
smiley smiley smiley smiley smiley smiley smiley smiley
smiley smiley smiley smiley smiley smiley



Questi smiley sono conosciute come Tuzkis e sono usatii da più di 20 milioni di utenti di MSN in Cina e da 150 milioni di persone che usano Tencent QQ, altro programma di messaggistica istantanea, il più usato nel continente asiatico.

Sono emoticon molto semplici, simpatici coniglietti in bianco e nero privi addirittura di naso e bocca, che hanno totalmente sbancato la concorrenza.

Il suo creatore si chiama Wang Momo, uno studente di Pechino, che ha cominciato ad usarli per esprimere in modo grafico e semplice i suoi stati d’animo all’interno del suo blog personale.

Poi ha avuto la brillante idea di svilupparle per il pubblico degli internauti cinesi. I Tuzki sono una quarantina e, ovviamente, stanno facendo la fortuna dell’intraprendente Momo. Il successo è stato strepitoso.

La moda dei Tuzkis in Cina è irrefrenabile e non sarebbe male, una volta tanto, che i cinesi cominciassero ad esportare un prodotto di qualità…

Vía: StartDrawing, splendido portale del disegno asiatico.


Mappa interattiva di Springfield, la città dei Simpsons

springfield



I Simpsons sono di gran moda in questo periodo. Per i fanatici c’è la mappa interattiva della città di Springfield.

La carta è divisa in nove quadranti per facilitare la navigazione. Al passaggio del mouse su un edificio, si apre un una finestrina con l’immagine e la descrizione.

Da ora in poi, impossibile perdersi nella città dei Simpsons!

Vedi anche il generatore di avatar: Simpsonizzati! e guarda come si originano le principali scene del cartone animato.


Floor Planner: progettare, disegnare, arredare una casa online

floor planner



Ieri sono andato all’Ikea con mia moglie. Pur disponendo di un monovolume molto capiente, non so come sono riuscito a caricare tutti gli acquisti.

Ho dovuto spostare il sedile in avanti, la pancia mi sbatteva sul volante e un materasso mi costringeva a stare con la testa in piegata, sembravo un bambino troppo cresciuto sugli autoscontri al luna park…

Devo sistemare la cameretta di mio figlio. Oggi ho montato mobili, scaffali e quant’altro e sta venendo fuori un arredamento molto diverso da come ce l’eravamo immaginato.

Se avessi pensato a prima Floor Planner forse avrei fatto le cose con più criterio (moglie permettendo, ovviamente… :D)

Si tratta di una applicazione online gratuita che, tramite disegni di elementi d’arredo già predisposti, permette di progettare un appartamento e di arredarlo proprio come fa un architetto.

Molto utile se dobbiamo comprare e ristrutturare casa per collocare mobilio, sanitari, impianti, infissi, elementi d’arredo a nostro piacimento e provare le varie soluzioni.

Ottimo per valutare un cambiamento interno, spostare mobili o provare a collocare nuovi acquisti.

Magari successivamente si potrebbe consultare un architetto, ma intanto con Planner Floor ci si fa un’idea.

Questo strumento permette di progettare più piani, soffitti, garage e anche spazi esterni come un giardino. Assomiglia un po’ al gioco dei Sims quando si costruiscono una casa a propria misura.

L’interfaccia grafica è piacevole, è facile da usare e gli elementi predefiniti si spostano trascinandoli con il mouse, non c’è bisogno di possedere alcuna conoscenza di progettazione, le creazioni realizzate possono essere condivise.

Per questi motivi è consigliato anche ha chi non ha la minima idea di come realizzare la sua casa e vuol provare varie tipologie di appartamento.

Non fate come me, prima di fare acquisti pensateci bene!

Per aspiranti architetti.

Via| Webware


Pixel Art

Pixel Art

Coding

Coding

albertopiccini.it

Se stai cercando notizie e contenuti sul mondo della Scuola Primaria, clicca sul banner sopra.

Seguimi

Fanpage: