Archivio per la tag 'curiosità'

Remove.bg: software gratuito per rimuovere lo sfondo da immagini e foto

Ho già recensito in passato Remove Image Background, un’applicazione web che permette di eliminare lo sfondo dalle foto di un ritratto o da altri tipi di immagine in pochi secondi.

Remove.bg offre ora anche un software gratuito per rimuovere lo sfondo da immagini e foto. 

Si tratta ovviamente di uno strumento più completo e funzionale rispetto alla web app.

Il programma è multi piattaforma ed è disponibile per Windows, Mac e Linux (Ubuntu, Debian).

Le principali caratteristiche dono le seguenti:

  • funzione trascina e rilascia dei file per la rimozione automatica dello sfondo
  • caricamento multiplo di immagini e cartelle
  • creazione di sfondi trasparenti o colorati
  • selezione della dimensione di output del file convertito senza background

Per funzionare il software utilizza l’API remove.bg, ossia una chiave che si può ottenere registrandosi al sito, e una connessione Internet attiva.

La chiave API offre le prime 50 conversioni gratuite in piccole dimensioni ogni mese, altrimenti bisogna passare ai piani pro a pagamento.

Remove.bg ha guadagnato rapidamente popolarità dal momento che è molto facile creare file immagine PNG con sfondi trasparenti per creare montaggi di ogni tipo.

L’aspetto più utile del software è la rimozione automatica dello sfondo in massa di una serie di immagini tramite un semplice drag&drop e la possibilità di scegliere sfondi trasparenti o colorati di background.

È dunque possibile rimuovere lo sfondo delle foto in pochissimo tempo, senza dover ricorrere a complicati software di grafica digitale alla Photoshop ed ottenere una sagoma da utilizzare in atri contesti e sfondi a piacere, per esempio per creare fotomontaggi.

Pur tuttavia Remove.bg offre anche una estensione proprio per Photoshop.

Typewrite Something: simulatore web delle vecchie macchine da scrivere meccaniche

In piena era digitale molti bambini e ragazzi di sicuro non hanno mai visto una vecchia macchina da scrivere e tanto meno conoscono il suo funzionamento.

Typewrite Something è un simulatore web delle vecchie macchine da scrivere meccaniche che, almeno parzialmente, colma questa lacuna e ricorda i vecchi tempi della celeberrima Olivetti, ormai rimasta oggetto di culto nei mercatini di modernariato.

L’interfaccia dello strumento è estremamente minimalista, c’è soltanto una pagina grigia che simula la carta e nessun altro controllo aggiuntivo.

Insomma bisogna soltanto scrivere e ascoltare i suoni meccanici caratteristici di quando si premono i tasti dei caratteri e di quando si ritorna a capo premendo il tasto invio.

L’aspetto più interessante di Typewrite Something tuttavia è che, proprio come con le vecchie macchine da scrivere, non si possono cancellare i nostri errori, al massimo si può digitare la correzione sopra senza nemmeno l’ausilio del famigerato bianchetto.

È necessario inoltre utilizzare il ritorno a capo per iniziare a scrivere su una nuova linea, una funzione che oggi è automatizzata nei moderni editor di testo.

Di certo è uno strumento più curioso che utile, serve forse solo ad alimentare il ricordo di un tempo andato.

Remove Image Background: eliminare lo sfondo dalle foto di un ritratto in pochi secondi

Remove Image Background è una fantastica applicazione web che permette di eliminare lo sfondo dalle foto di un ritratto o da altri tipi di immagine in pochi secondi nel vero senso della parola.

Si tratta di un’eccellente servizio gratuito basato sul web che permetterà di rimuovere il background con un semplice click.

Per fare questo, basta selezionare un’immagine da caricare attraverso un apposito pulsante o incollando  l’URL se si tratta di una foto disponibile su Internet.

remove.bg provvederà automaticamente in un baleno ad analizzarla e ad eliminare lo sfondo. Il tempo di elaborazione dipende dal peso dell’immagine che viene caricata e il servizio supporta una dimensione massima di 8 MB.

Funziona tutto perfettamente a patto che le persone siano in primo piano e meno bene se proviamo con oggetti di vario tipo.

È possibile rimuovere lo sfondo delle foto in meno di cinque secondi. Le immagini risultanti sono disponibili per il download in formato PNG.

La sagoma ottenuta a questo punto può essere usata in atri contesti ed inserita in altri sfondi a piacere.

Remove Image Background fornisce anche un’API per chi lo volesse integrare in applicazioni o pagine web.

Se non siete grafici professionisti o non avete tempo da perdere dimenticate Photoshop e provate questo strumento.

JS Paint: remake del vecchio Paint di Microsoft che funziona online

Se siete nostalgici del celeberrimo Paint, il famoso programma di Microsoft per disegnare incluso nelle vecchie versioni di Windows, JS Paint fa al caso vostro dal momento che si tratta di un remake del vecchio Paint che funziona direttamente online via browser web.

Per questo motivo questa versione di Paint  inventata da Isaiah Odhner, offre pure il vantaggio che può essere usata in qualsiasi sistema operativo tramite una semplice connessione ad internet ed un navigatore.

Come si evince chiaramente dal nome il software è sviluppato interamente in JavaScript e offre interfaccia grafica, menù e funzioni identiche al Paint originale

Un vero e proprio tuffo nel passato della storia dell’informatica,dunque, sebbene questa applicazione non abbia alcuna parentela commerciale con il colosso di Redmond.

JS Paint, in aggiunta, permette anche di scaricare schizzi e disegni in formato immagine PNG.

I non più giovani avranno di sicuro usato e trascorso un bel po’ di tempo su Paint e proprio per questa ragione, oltre all’aspetto nostalgico, JS Paint può essere uno strumento da mostrare ai più giovani, magari anche a scuola, per far vedere come il software, non solo in campo grafico, abbia avuto uno sviluppo imponente nel corso degli anni, adattandosi alle esigenze e alle richieste degli utenti che ne fanno uso.

JS Paint, tuttavia, è anche un programma potente e strutturato che permette di creare grafiche vere in stile retro ma anche di divertirsi a disegnare e creare un po’ di tutto.

Tutte le informazioni sul software si trovano su github

Song Maker: un’applicazione Google per creare musica

Chrome Music Lab Song Maker è un’applicazione Google per creare musica.

Il Music Lab fornisce una serie esperimenti creativi lanciati da Google nel 2016.

L’applicazione funziona tramite browser web dove è possibile programmare sequenze di suoni usando vari strumenti musicali.

Può essere usata con le dita su tablet e smartphone ma anche con mouse e tastiera da computer o aggiungendo una tastiera MIDI (vedi video sopra).

In pratica si “disegna” una sequenza di note che può essere riprodotta da vari strumenti (piano, chitarra, clarinetto, synth, marimba), si può stabilire il tempo delle battute, registrare la voce o altri suoni tramite un microfono e infine salvare la canzone creata.

Ad ogni lavoro corrisponderà un link da condividere nei social o dovunque si voglia, e un codice embed per inserire la canzone in una pagina web. Vedi sotto il mio esperimento minimalista:

Oltre ad essere un classico sequencer, Song Maker è un divertente progetto creativo che consente di giocare con la musica e i suoni e di apprendere alcuni concetti basilari della composizione come la melodia e il ritmo.

Lo strumento è gratuito e non richiede alcuna registrazione.

 

Zero Noise Classroom: ottenere il silenzio in classe con una divertente sfida

Zero Noise Classroom è un’app gratuita del browser Google Chrome che permette di ottenere il silenzio in classe con una divertente sfida.

Sfruttando i concetti di gamification e di cooperative learning, alla sua attivazione mostra un conto alla rovescia e un misuratore del rumore agli studenti che si attiva tramite il microfono del computer. L’applicazione può anche essere mostrata a schermo intero in una LIM per esempio.

E’ possibile stabilire facilmente la durata dell’intervallo di tempo da destinare al silenzio e il livello del rumore tollerato.

Una volta azionato il countdown Zero Noise Classroom calcolerà la percentuale dell’eccessivo volume e, conseguentemente, quella del silenzio ottenuto.

Gli stessi studenti potranno verificare l’esito dell’operazione in tempo reale.

In un era in cui il livello della concentrazione degli alunni si adegua ai tempi ristretti imposti dal web, dai giochi elettronici e dalla tv,  Zero Noise Classroom sfrutta proprio il concetto del trasferire lo stile del videogioco e dell’apprendimento collaborativo alle azioni da svolgere in classe.


Pixel Art

Pixel Art

Coding

Coding

albertopiccini.it

Se stai cercando notizie e contenuti sul mondo della Scuola Primaria, clicca sul banner sopra.

Seguimi

Fanpage: