Archivio per la tag 'campagna'

Cercasi Bianca disperatamente


Cerca Bianca una campagna pubblicitaria per Fujitsu Siemens Computers molto particolare.

Si tratta di un noir interattivo realizzato in soggettiva: l’utente è invitato a cercare Bianca, la protagonista della storia, vestendo i panni di un investigatore privato.

Una spy story che non solo arriverà ad un epilogo inaspettato ma che consentirà di scoprire le caratteristiche principali del nuovo notebook Amilo Serie 3000.

Il gioco interattivo è collegato ad un concorso dove vincere (fino a dicembre) ogni due settimane i premi messi in palio da Fujitsu Siemens e partecipare all’estrazione del premio finale, un Amilo Pi 3540.

L’aspetto divertente è che Bianca nascondendosi lascia tracce della sua presenza nella reti sociali: Facebook , MySpace, YouTube, Flickr…

Insomma, un divertente passatempo online dove trasformarsi in un detective.

Un’idea intelligente di fare pubblicità. Buona caccia.

Sopra il video del trailer.


StopTheManga: un sito contro Face Your Manga


stopthemanga

C’è chi non sopporta proprio più FaceYourManga, il sito per creare avatar online in stile manga vista l’invasione delle faccine nei social network, Twitter in particolare.

Nasce così StopTheManga, un gruppo di guardie anti FaceYourManga per andare contro quella che, secondo loro, è una brutta tendenza e cercando di convincere gli utenti a non usare gli avatar.

Dissento. A me Face Your Manga piace.


YouBama: YouTube+Digg+Obama, campagna elettorale generata dal basso

youbama



YouBama è uno dei tanti esempi di citizen journalism (giornalismo partecipativo) all’americana.

Concepito da due studenti della Stanford University, è un sito che permette ai sostenitori del popolare candidato democratico Barak Obama di caricare video in cui spiegano perché sostenerlo. Essi possono essere votati in stile Digg.

Si tratta dunque di una video campagna elettorale generata dal basso.

In sostanza YouBama aggrega filmati già presenti nei servizi di video sharing. Molti sono di personaggi famosi dello star system statunitense, molti altri di gente comune, persino di bambini.



Rappresenta fedelmente la YouTube generation americana e non a caso Obama ha molti sostenitori tra le giovani generazioni.

Mi chiedo, è possibile trasportare un modello simile anche in Italia? Valutando il fenomeno Grillo parrebbe di sì.

Ma come si potrebbero chiamare i canali dei politici italiani? Qui nasce il problema: Veltrube, Tuberlu, ProTube, FinTube, MasTube, CasiTube…

Credo che con l’aria che si respira nel Bel Paese in questi giorni avrebbero il loro bel da fare nel moderare gli insulti…

Non so se esiste anche un BlackTube, ma RedTube è sicuramente un canale luci rosse!

Sbizzarrite la vostra fantasia, inventatevi un nome decente, si accettano volentieri segnalazioni.

Via | TechCrunch


Partecipa alla campagna pubblicitaria di Adobe “Sono qui per merito suo” con un video



L’architetto Stefano Ricci di Elmanco mi segnala una nuova campagna pubblicitaria di Adobe per il lancio di un nuovo prodotto.

Con parole sue:

Adobe ha creato una campagna pubblicitaria che presumibilmente fa da preludio al lancio di un nuovo prodotto.

Questo video mostra tanti personaggi diversi che hanno in comune il fatto di essere qui per merito “suo”, e rimanda al sito sonoquipermeritosuo: un video wall formato da 100 caselle in cui è possibile caricare un proprio messaggio audio-video.

Nello spot è indicata una data, il 28 gennaio, ma il sito non fornisce molte altre spiegazioni se non l’invito a diventare uno dei 100. Di spazi vuoti ce ne sono ancora tanti, ma il 28 non è lontano, quindi se la cosa ti incuriosisce ti consiglio di affrettarti!



Auguri di Natale? No, grazie!

Piantala



I ragazzi di studioKmzero sono promotori di questa simpatica ed ironica iniziativa contro i “finti” auguri di Natale.

Hanno lanciato un piccolo biglietto virale e l’hanno chiamato “Piantala!” (sottile gioco di parole tra i due significati di “piantare” e “smettere” ).

In sostanza si può piantare un albero di Natale virtuale e modificarlo cambiando pianta, puntale, decorazioni, gadget, regali e lasciando un messaggio personale “anti auguri”.

Conclusa l’operazione sarà rilasciato un link alla propria creazione, questo il mio albero

Bravi, aggiudicato il premio ironia 2007!


Noi non le dimentichiamo: campagna sulla violenza contro donne

La Fondazione Pangea Onlus, in occasione del 25 novembre, Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, lancia un’importante campagna sociale chiamata “Noi non le dimentichiamo”.

Essa si articola su tutti i media classici (stampa, video e radio), ma punta molto sul web, grazie a un cartoon e a un minisito opera del sito d’arte indipendente e di strategie virali Gordo.it.

Ovviamente la campagna merita tutta la mia attenzione per il suo valore sociale ma anche per l’ottica web 2.0 del sito che la promuove all’insegna dell’interattività.

L’aspetto “virale” della diffusione dei contenuti risalta in una pagina specifica dove è possibile prelevare il video (vedi sopra), lo spot audio e i banner da inserire in una pagina web tramite i relativi codici embed.

Un’iniziativa da dieci e lode, pensata per la diffusione via web. Invito dunque gli amici blogger più sensibili verso certe tematiche sociali a contribuire alla sua promozione. Gli elementi per innescare una campagna virale ci sono tutti.


Pixel Art

Pixel Art

Coding

Coding

albertopiccini.it

Se stai cercando notizie e contenuti sul mondo della Scuola Primaria, clicca sul banner sopra.

Seguimi

Fanpage: