eBook alla portata di tutti: come creare ePub con Google Doc

Google Doc offre ora una funzione per salvare documenti nel formato ePub, questo significa che è ora possibile creare facilmente un eBook a partire da un qualsiasi testo scritto.

L’ePub è il formato più diffuso dei libri digitali in quanto è aperto e soprattutto è responsive, vale a dire flessibile perché si adatta automaticamente a qualsiasi risoluzione dello schermo con cui è riprodotto. Questo lo fa preferire al formato PDF che è invece molto più statico.

Gli ePub si possono leggere inoltre con le applicazioni per eBook Reader e tablet più diffuse come Google Play Books (Android, iOS, Windows Mobile) e lettori famosi come Kobo Reader.

doc_epub

Per creare un ePub eBook basta accedere a Google Documenti, scrivere o caricare un documento Word esistente e tramite il menù  File, salvare nel formato ePub, nulla di più semplice per ottenere un’ottima conversione di un testo e creare tutti i libri elettronici possibili ed immaginabili.

Una volta creati i file ePub possono essere trasferiti nei nostri dispositivi mobili preferiti per la lettura oppure caricarti su Google Drive e accedervi ovunque.

I file ePub sono leggibili da iPad, iPhone e tramite Google Play Books, ovvero da tutti i dispositivi Android.

Amazon Kindle non supporta il formato ePub ma può essere facilmente convertito in Mobi (la versione compatibile per Kindle) attraverso software come Calibre.

Bunkr: sistema per creare presentazioni interattive online di contenuti web

Bunkr è un sistema per creare presentazioni di contenuti web interattive online che offre risultati di effetto e non solo.

Si tratta di una sorta di PowerPoint 2.0 simile a Office Sway che, invece di funzionare tramite software da computer, funziona in modo interattivo via browser tramite un apposito editor visivo davvero ben fatto.

Il servizio è gratuito e ci si può loggare anche  tramite Google e  Facebook.

Bunkr permette anche di caricare contenuti personali dal computer, soprattutto immagini o dai nostri servizi cloud ai quali basta connettersi: Dropbox, Google Drive, Evernote, Flickr, Facebook, Instagram.

Permette anche di caricare file di presentazioni Powerpoint  vere e proprie da migliorare o arricchire con altri contenuti  e quindi funziona anche come visualizzatore nel caso non disponessimo del software giusto per riprodurre i file. Le diapositive importate possono essere usate come in una sorta di presentazione dentro la presentazione.

Tuttavia il miglior modo di usare l’applicazione è quello di prelevare contenuti che risiedono già in internet come per esempio foto da Pinterest o Deviantart, video da Youtube o Vimeo, status da Facebook, Linkedin o Twitter, grafici da Infogram o Google Fogli, audio da Spotify o Deezer, articoli da Tumblr o WordPress, documenti da Google Documenti e PDF, mappe geografiche, mappe mentali, codici di programmazione e tanto altro ancora.

Sono disponibili una grande varietà di applicazioni web, strumenti online, social network, archivi digitali da cui prelevare e i siti che ho menzionato sopra sono soltanto alcuni esempi. Il tutto avviene semplicemente copiando e incollando il link di ciò che vogliamo inserire.

Attraverso l’editor si può scegliere lo stile del template della presentazione, includere una testata fatta di immagini o testo scritto, selezionare vari sfondi già pronti e temi predefiniti.

Il tutto avviene in modo visivo cliccando su una diapositiva e scegliendo, attraverso appositi bottoni, con cosa vogliamo riempirla.

I lavori realizzati possono essere esportati in formato PDF, condivisi nei social o tramite link, inseriti in pagine web tramite codice embed e, ovviamente, riprodotti anche a pieno schermo.

Bunkr è uno strumento duttile e già completo che con ogni probabilità sarà ancora migliorato in futuro essendo ancora un’app giovane.

In buona sostanza Bunkr può essere usato sia per creare e riprodurre presentazioni in forma convenzionale, sia per realizzare presentazioni interattive di contenuti web, sia presentazioni miste.

Può essere utile per chiunque abbia bisogno di generare presentazioni moderne e flessibili ma anche per il mondo della scuola. Con Bunkr, infatti, gli insegnati possono organizzare contenuti sotto forma di lezione in modo rapido ed accattivante prelevando contenuti che già risiedono nel web.

Sudio Vasa Blå: auricolari bluetooth lifestyle premium

sudio

Sudio è una giovane azienda svedese (appena un anno di vita) che produce auricolari eleganti, dall’aspetto minimal e con un suono di qualità.

Si tratta di un marchio che intende entrare nei vari mercati in Europa ed anche in Italia con i suoi prodotti venduti tramite lo shop del sito.

La mission di sudio è quella di promuovere il brand non solo come prodotto elettronico, ma anche come un accessorio  weareable fashion e di lifestyle.

Sudio mi ha offerto la opportunità di provare uno dei suoi auricolari ed in particolare il modello di punta Vasa Blå.

Si tratta di un modello di punta di cuffiette bluetooth wireless, ma l’azienda commercializza anche modelli più convenzionali con i fili a prezzi più convenienti e abbordabili.

vasabla_1

Già la confezione dà l’idea di un prodotto di qualità: un bell’astuccio di cartone bianco al cui interno sono alloggiate due scatole bianche. Una contiene gli auricolari, l’altra una custodia in vera pelle per conservare le cuffie, gli accessori, manuali e un certificato di garanzia simile ad una carta di credito dove è impresso il numero di serie del prodotto.

Gli accessori sono un cavetto USB per la ricarica,  una comoda spilletta metallica per fissare il filo degli auricolari agli indumenti, in caso le usassimo in mobilità o facessimo attività sportive in modo da non perderli, e una serie di gommini di tutte le misure per adattare l’auricolare a qualsiasi orecchio.

vasabla_3

Il filo è piatto, anti attorcigliamento, anche se in questo modello, considerata la cortezza del cavo è difficile capitare in questo inconveniente, ma per gli altri è un aspetto da tenere in considerazione.

Gli auricolari sono in alluminio lucido e hanno, oltre a una piccola batteria lungo il cavo, il classico cilindretto schiacciato con i comandi da remoto per il cellulare e del volume dove è inserito anche un microfono.

vasabla_2

Le cuffiette sono compatibili con tutti i dispositivi bluetooth e possono essere scelte in versione iOS o Android. L’ho testate con un tablet Android, con iPad e uno smartphone e l’accoppiamento con i vari device è avvenuto in modo davvero fulmineo. Il raggio di azione dichiarato è di 10 metri e l’azienda garantisce fino a 8 ore di autonomia.

Non sono un grande esperto ma, da appassionato di musica e da possessore di svariati modelli di auricolari,  posso dire che il suono è molto buono.

In definitiva, se siete alla ricerca di un prodotto dall’elegante design, funzionale e di qualità, gli auricolari Sudio fanno al caso vostro.

I prodotti di Sudio sono visibili sul sito ed anche sulla pagina Instagram.

Chi è interessato all’acquisto degli auricolari svedesi di Sudio può ottenere uno sconto del 15% utilizzando il codice promozionale “maestroalberto“.

Poppet: mindmapping online

 

Popplet è uno strumento per il mindmapping interamente basato sul web ma è disponibile anche come app per iPad (a pagamento).

Può essere usato in classe da studenti ed insegnanti ma anche da chiunque per il lavoro per creare mappe mentali e concettuali.

Si possono aggiungere contenuti di vario genere, organizzarli in modo semplice ed intuitivo e poi esportare i lavori sotto forma di immagine e di file pdf.

Include un comodo strumento di presentazione visuale delle mappe.

Stoodle: lavagna collaborativa online

Stoodle è un valido strumento di collaborazione basato sul web totalmente gratuito.

Si tratta di una lavagna collaborativa online che permette di condividere un ambiente di apprendimento in tempo reale tra studenti e docenti tramite internet

Oltre alla classica whitebord dove scrivere, disegnare, inserire immagini e creare pagine senza limiti come in una LIM, include una chat di voce e di testo.

Si tratta dunque di un comodo strumento per la formazione a distanza che può anche essere usato per puro svago in forma individuale per prendere note, disegnare e divertirsi.

SmallPDF: applicazione per convertire, unire, dividere, ruotare, sbloccare, proteggere PDF

smallpdf

SmallPDF è una soluzione pratica ed immediata per convertire, unire, dividere, ruotare, sbloccare, proteggere file PDF.

Si tratta di un’applicazione basata sul web che si presenta con un’interfaccia pratica ed amichevole. Presenta infatti quattordici pulsanti con cui decidere l’azione da svolgere.

Si clicca su uno di essi, si carica il file da modificare trascinandolo nella apposita finestra e si procede. Si possono importare file dal proprio computer oppure da Dropbox e Google Drive.

La conversione avviene in due direzioni: da PDF a immagine JPG, a PowerPoint PPT, a Excel e Word e viceversa.

La conversione da PDF a file Office è davvero ottima, efficace e straordinariamente utile dal momento che convertendo in DOC, per esempio, potremo tagliare copiare, incollare d editare il testo in modo più efficace modificando l’originale documento PDF, operazione altrimenti impossibile.

Una volta avvenuta la rapida modifica si può scaricare il file ottenuto, condividerlo nei social oppure salvarlo nei nostri servizi cloud: Drive e Dropbox. 

SmallPDFè uno strumento del tutto gratuito disponibile in italiano, è disponibile anche come app per Chrome e Google Drive.


albertopiccini.it

Se stai cercando notizie e contenuti sul mondo della Scuola Primaria, clicca sul banner sopra.

Seguimi

Fanpage: