Mloovi: tradurre un feed RSS in 24 lingue


mloovi

Mloovi è uno strumento web che permette di tradurre un feed RSS in 24 lingue diverse.

Tutto questo tramite Google Translate.

S’inserisce l’URL del feed, si sceglie la lingua originale e quella di destinazione e Mloovi genera la traduzione del feed da aggiungere al nostro lettore preferito.

La traduzione, ovviamente, non è perfetta e le immagini vengono rimosse. Inoltre è posta una piccola pubblicità che può essere rimossa acquistando un piano a pagamento.

Il servizio fornisce anche un widget da personalizzare e da inserire in un blog in modo da offrire ai visitatori la possibilità di sottoscrivere la lettura degli articoli nella loro lingua preferita (provalo sotto).


Via | TechCrunch


Post correlati

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


8 Risposte a “Mloovi: tradurre un feed RSS in 24 lingue”

  1. Leonardo dice:
    Pubblicato giovedì 7 agosto 2008 alle 10:32

    Mmm…se usa google translate siamo sicuri che si alzerà al massimo il livello di ciofecaggine 🙂

    Essendo un traduttore/localizzatore software, potrei esser accusato di tiromulinismo 🙂 (ovvero tirar l’acqua al mio mulino…); ma google translate, come altri traduttori automatici in circolazione d’altronde, non è assolutamente da consigliare altrimenti possono succedere cose del genere:

    http://preview.tinyurl.com/leonardomusumeci-net-20

    http://www.andreabeggi.net/2008/08/05/complimenti-al-traduttore/

  2. Alberto dice:
    Pubblicato giovedì 7 agosto 2008 alle 10:35

    Non mi sembra ci sia molto di meglio, i traduttori automatici si sa hanno tutti dei limiti

  3. Mloovi: Tradurre il proprio Feed RSS in 24 lingue | JuliusDesign dice:
    Pubblicato giovedì 7 agosto 2008 alle 12:17

    […] Mloovi è un servizio web 2.0 che permette in modo semplice e intuitivo di tradurre in 24 lingue il nostro Feed RSS […]

  4. Leonardo dice:
    Pubblicato giovedì 7 agosto 2008 alle 13:35

    Appunto perché hanno dei limiti, non mi è chiaro ancora perché molti blog e siti validi (te e Julius compresi, visto che ho appena visto che ha inserito il trackback 🙂 …) s’accaniscano ad utilizzarli…

    Se si vede dalle statistiche che ci sono molti visitatori stranieri, s’investe qualcosa in un traduttore madrelingua o in chi sappia bene una lingua straniera (o la lingua straniera che interessa…) e si fanno post in due o più lingue; sicuramente i visitatori stranieri gradiranno la cosa, invece di farsi soltanto grasse risate a legger sfondoni dei traduttori automatici 🙂 …

  5. Alberto dice:
    Pubblicato giovedì 7 agosto 2008 alle 13:59

    Non esagerare, un traduttore se lo possono permettere solo i siti commerciali che guadagnano bene

  6. Leonardo dice:
    Pubblicato giovedì 7 agosto 2008 alle 20:31

    Se non si può/vuole investire in un traduttore madrelingua, basterebbe anche qualcuno che avesse trascorso almeno un anno all’estero, avrebbe una buona conoscenza della lingua straniera e sicuramente i lettori stranieri leggerebbero volentieri il blog…

    Mettere link ai traduttori automatici, con l’illusione di attrarre lettori stranieri, è assolutamente inutile (ed anche controproducente: se fossi nel lettore straniero, penserei che l’autore del blog voglia “ammollare” questi link tanto per dare lo zuccherino al cavallo straniero 🙂 e quindi non ci tenga più di tanto…)

    Noi lettori italiani leggeremmo volentieri un blog scritto in un italiano approssimativo? Non credo, dopo 5 secondi passeremmo oltre…

  7. Alberto dice:
    Pubblicato giovedì 7 agosto 2008 alle 21:17

    Non è la stessa cosa, io parlo correttamente lo Spagnolo e me la cavo più che bene in Inglese.

    Se dovessi pensare alla traduzione scriverei un quarto dei post che scrivo.

    Il traduttore lo usa soltanto chi non conosce le lingue.

  8.   I Migliori Tutorial e Guide per iniziare con WordPress | JuliusDesign dice:
    Pubblicato giovedì 21 maggio 2009 alle 10:24

    […] Mloovi: tradurre un feed RSS in 24 lingue […]

Lascia un commento




Il tuo commento:




Seguimi su Pinterest

albertopiccini.it

Se stai cercando notizie e contenuti sul mondo della Scuola Primaria, clicca sul banner sopra.