Stress da blog: i blogger rischiano la morte?


burnout

“Internet, la morte arriva col blog”, questo è il titolo dell’inquietante articolo pubblicato da ANSA. La Causa? Lo stress.

…lo stress di tener aggiornato 24 ore su 24 un ‘diario on line’ combinato con l’assenza di esercizio fisico e di sonno e con una dieta irregolare e malsana, sono un cocktail potenzialmente letale che ha cominciato a mietere vittime nel mondo del web…

Si citano casi di blogger morti o colpiti da infarto, si parla dell’enorme pressione a cui i blogger professionisti (soprattutto americani) sono sottoposti, si riporta il caso di Michael Arrington, fondatore e direttore di TechCrunch, che è ingrassato di 15 chili in tre anni e che ha attribuito allo stress da blog il fatto che ora soffre gravemente di insonnia.

In effetti un blog di successo può certamente incanalarti in un circuito vizioso dove ci si sente quasi obbligati a sfornare post quotidiani e quindi a reperire continuamente informazioni, filtrarle e proporle con un tuo stile personale.

Non solo, c’è anche la gestione tecnica del blog, il rapporto con i lettori, con gli altri blogger, tutta la rete sociale di relazioni che nel tempo si creano e che a volte ci sopraffanno.

Certo se si eccede, se ci si siede 14 ore al giorno di filata davanti al pc, se si comincia a consumare i pasti davanti allo schermo, qualche problemino salterà sicuramente fuori.

In ogni caso nell’articolo si parla soprattutto di blogger professionisti, specie che in Italia non esiste perché anche chi campa di internet nel nostro Paese non è soltanto un blogger ma spesso anche giornalista o editore di piccole o grandi testate online.

Io, nel mio piccolo, ho pensato bene di dare più importanza alla mia salute e, anche se talvolta mi sento un rimbecillito con l’ansia da post, questo fine settimana ho spento il computer e ho pensato bene di stendere le mie stanche membra al sole. Per tre giorni ho chiuso con i blog, con la solita confusa e noiosa blogorrea quotidiana.

Mi sono connesso via laptop (e N95) soltanto qualche ora sopratutto per leggere la posta.

Il tempo è stato bello, l’odore del mare era forte e non c’era ancora nessuno…


Post correlati

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


9 Risposte a “Stress da blog: i blogger rischiano la morte?”

  1. luigi bertuzzi dice:
    Pubblicato martedì 8 aprile 2008 alle 08:31

    Si potrebbe anche parlare dello stress di .. star dietro agli aggiornamenti dei Blog .. 😉

    Se qualcuno avesse l’ambizione di dire la propria opinione, su un tema specifico, gli basterebbe selezionare (via feed RSS) qualcuno dei Blogger che quel tema lo indirizzano .. insieme naturalmente a tutti i possibili altri temi annessi e connessi .. e poi mettersi in ascolto .. per cercare il momentino buono d’interloquire. Col cavolo che ci si riesce .. i post sono come e ciliege .. uno tira l’altro!

    Il problema – una specie di chiodo scaccia chiodo – può dipendere anche dall’idea di Blog come “diario online”. Diario di che cosa? Che senso ha un diario “omnicomprensivo”. Non lo si potrebbe pensare .. il diario .. come un “diario di bordo”?? Ci sarebbe una destinazione .. ci sarebbero dei passeggeri interessati ad arrivarci insieme!

    Potrebbe fare la sua bella differenza .. no?

    Personalmente, vorrei specializzarmi in un diario “da nonno” .. che ha l’ambizione di stabilire un rapporto comunicativo con i nipotini che vivono a 15000 Km di distanza .. che a 6 e 8 (quasi) anni possono già parlare tre lingue e rischiano di non imparare i dialetti (bolognese, eporediese e veneto) dei luoghi di provenienza e residenza dei nonni .. che hanno genitori ben piantati nella “real life” .. cioè uso del Web limitato al tanto quanto basta (anzi … meno) ..

    Continua … (spero)

  2. Silviakittys dice:
    Pubblicato martedì 8 aprile 2008 alle 10:01

    Capisco questa sensazione, mi stava prendendo, poi sono rimasta senza adsl per 10 giorni e come per magia tutto si è rilassato,così ho deciso di non farmi più prendere dallo stress da post(chissà se ci riuscirò) 🙂

  3. Alberto dice:
    Pubblicato martedì 8 aprile 2008 alle 10:14

    E’ capitato anche a me tempo fa, soltanto che dopo 15 giorni senza adsl ho cominciato a suonare ai campanelli degli amici…

  4. maurrr dice:
    Pubblicato martedì 8 aprile 2008 alle 13:38

    Penso proprio che sia vero.Proprio perche’ il blog di solito e’ sotto la responsabilita’ di una persona.Quindi,o sei tu che lo aggiorni o nessuno lo fara’ per te…
    Sembra incredibile con un mezzo potenziale di comunicazione come internet,che si formino delle “isole single” di persone che comunicano ….
    Secondo me,un alternativa sarebbe un blog “sociale” cioe’ con l’intervento a piu’ mani,in modo da
    ridurre lo stress
    aumentare il divertimento
    evitare tanti blog fotocopia uno dell’altro ( maestro Alberto NON e’ tra questi)
    Che ne pensate?
    Poi,anche se il wimax sara’ una realta,invece di stare chiusi nelle pareti di casa,bastera’ un piccolo computer ,tuta da ginnastica,e una vita sociale normale per ridurre ogni rischio…
    Io msto ODIANDO il computer da casa.Mi fa viviere come un galeotto,anche se ne riduco l’esposizione…e lo utilizzo acceso per ASCOLTARE in altre stanze musica da radio online…
    voi come lo utilizzate il computer?
    🙂 😀

  5. Sbronzo di Riace dice:
    Pubblicato martedì 8 aprile 2008 alle 15:11

    intanto io mi sono già cautelato, ho trovato la bara che si intona con il mio nickname

    🙂

    http://altagradazione.blogspot.com/2008/04/la-bara-che-vorrei.html

  6. Alessandro dice:
    Pubblicato martedì 8 aprile 2008 alle 19:02

    Secondo me maestro un pò di quotidiana ansia da post la puoi avere tranquillamente, e mi sembra normale. In fondo scrivi di argomenti precisi cercando di essere il pù possibile dettagliato presentando nel più breve spazio possibile tutte le peculiarità e i difetti di utility varie, e la gente ti legge trovandoti molto interessante. Di conseguenza ti senti lusingato da ciò (suppongo) e il rischio di deludere le aspettative di chi ti segue produce inevitabilmente voglia di confermarti come interessante 🙂 …Credo sia questo in fondo il meccanismo, e funziona anche per chi di visite ne ha 15 in tutto al giorno… (almeno, con me lo fa)

  7. Alberto dice:
    Pubblicato martedì 8 aprile 2008 alle 19:10

    Sì è vero, anche se in questo post, più che parlare di me stesso trattavo l’argomento in generale.

    🙂

  8. ilnikita dice:
    Pubblicato sabato 2 agosto 2008 alle 02:26

    Beh nel caso io ci sono, anche se non mi è mai capitato di doverne portare

  9. Oscuri presagi | Il Blog del Gigante dice:
    Pubblicato venerdì 6 settembre 2013 alle 19:58

    […] che afferma che lo stress da blog miete sempre più vittime. La notizia viene ripresa da Maestro Alberto, da cui la riprendo […]

Lascia un commento




Il tuo commento:




Seguimi su Pinterest

albertopiccini.it

Se stai cercando notizie e contenuti sul mondo della Scuola Primaria, clicca sul banner sopra.