Omnidrive: la perfezione dello storage online

ominidrive

Finalmente, dopo mesi di tests e una lunga attesa, Omnidrive è stato aperto al pubblico e mi è stato inviato un codice d’ingresso. Michael Arrington di Techcrunch lo ha definito la perfezione dello storage online.

Ho appena testato il servizio australiano e devo dire che è davvero ottimo. Attraverso un software da installare, Omnidrive consente di sincronizzare un drive virtuale sul proprio computer, perfettamente gestibile tramite esplora risorse.

Vi si può caricare files attraverso un semplice drag and drop, si possono creare, rinominare, eliminare cartelle e files, decidere quali condividere e quali rendere privati. Insomma si può gestire i nostri documenti proprio come si fa nel nostro computer.

Quello che mi ha stupito è la rapidità dell’upload, che avviene tramite l’interfaccia web o attraverso il software che ho descritto sopra.

omidrive

Ci sono altre caratterische, molte in fase di lancio, che si possono conoscere dalle FAQ . Eccellente la gestione e il funzionamento della condivisione e dei documenti, mentre ho incontrato qualche difficoltà nel caricare la pagina personale che il servizio crea e attraverso cui si può condividere i propri files via web (ci sono ancora problemi con il server).

Il costo non è ancora ben definito, nelle faq si parla di 40$ l’anno per 10 giga. Nel mio account free, invece, ho a disposizione il solito giga.

Per chi vuol provare Omnidrive il codice d’invito è WEB2CON.

Da provare anche Fabrik.

Post correlati

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


4 Risposte a “Omnidrive: la perfezione dello storage online”

  1. Gabriele dice:
    Pubblicato lunedì 13 novembre 2006 alle 14:27

    Ma tu l’hai provato? Io avevo ricevuto un invito per la beta privata, ho provato ad uploadare i miei mp3 con il client ma non sono riuscito a caricare neanche il primo file, allora c’ho dato su (non lascio molte seconde chanche soprattutto quando l’offerta di alternative e’ vasta).
    Comunque anche l’interfaccia web non mi sembrava niente di che’. Secondo me Omnidrive e’ un tipico caso di “all hype”, comunque gli ridaro’ un’occhiata.

  2. Alberto Piccini dice:
    Pubblicato lunedì 13 novembre 2006 alle 15:07

    Io l’ho provato e devo dire che funziona piuttosto bene, anche se c’è ancora molto da fare.
    Sono riuscito a caricare vari tipi di files. Ci sono ancora molti problemi invece nella sincronizzazione e per quanto riguarda la pagina personale degli utenti: non sono ancora riuscito ad aprila!

    E’ vero che le offerte sono molte, ma poche di buon livello. Io mi trovo bene con Mediafire e con Esnips. Tu?

  3. Gabriele dice:
    Pubblicato lunedì 13 novembre 2006 alle 18:59

    Io sono un utente di Mediamax da piu’ di un anno, ma ho provato anche eSnips, che mi e’ parso ottimo anche se 1GB e’ ormai un po’ troppo poco.
    Mediamax invece dopo la migrazione degli utenti da Streamload e’ peggiorato notevolmente sia nelle prestazioni sia nelle funzionalita’, visto che hanno tolto la possibilita’ di convertire il bitrate dei file mp3 direttamente dal server, una funzionalita’ per cui lo avevo elogiato e che indubbiamente lo differenziava dalla concorrenza. Per questo ho contattato il servizio clienti, che pure e’ diventato lento nelle risposte, e mi hanno detto che c’erano dei problemi dovuti ad un aumento (imprevisto?) del numero di utenti ma che in futuro contavano di ripristinare tutte le funzionalita’ di Streamload e di aggiungerne altre. Finora non ho visto miglioramenti significativi e per me il servizio e’ rimasto inutilizzabile per un buon periodo (chi riceveva i link per scaricare i file che gli inviavo non riusciva a scaricarli neanche dopo numerosi tentivi). Gentilmente mi hanno offerto di prolungare la durata della mia iscrizione per due mesi gratuitamente. Vedremo se ci saranno dei miglioramenti.
    Per quanto riguarda Omnidrive devo dire che anch’io ho avuto problemi con la sincronizzazione che si e’ bloccata praticamente subito. Comunque penso che riprovero’ ad usarlo.

  4. Alberto Piccini dice:
    Pubblicato lunedì 13 novembre 2006 alle 20:41

    Innanzitutto ti ringrazio Gabriele per il tuo contributo davvero esaustivo e competente.

    Purtroppo il servizio di hosting perfetto non esiste e forse mai esisterà. A me basterebbe un hard disk virtuale da gestire proprio come un drive del computer che offra la possibilità di effettuare downloads diretti, senza filtri, in modo da caricare files da proporre in download tramite un link diretto nelle pagine di un blog come questo per esempio.

    L’ultimo uscito, Files Upload, sembra presentare buone caratteristiche, ma purtroppo ha un grande difetto: i files vengono eliminati dopo 6 mesi di inutilizzo.

    Come vedi la perfezione non esiste: o ci si accontenta di quello che passa il convento, o si acquista uno spazio web presso un hosting provider e ce lo gestiamo come vogliamo.

    🙂

Lascia un commento




Il tuo commento:




Seguimi su Pinterest

albertopiccini.it

Se stai cercando notizie e contenuti sul mondo della Scuola Primaria, clicca sul banner sopra.