Mikons: divertente strumento per la creazione di loghi e icone on line

Mikons è un simpatico strumento per la creazione di loghi ed icone on line.


This album is powered by
BubbleShare
Add to my blog

Attraverso una tavolozza virtuale, la Mikons Machine (che necessita del plugin Shockwave), si possono disegnare facilmente e rapidamente le nostre “mikons” da salvare per poi scaricare o inviare via mail.

Gli strumenti sono semplici, intuitivi e molto simili a quelli delle classiche applicazioni grafiche per disegno, si può partire da una ricca dotazione di cliparts suddivise per categorie.

C’è una nutrita community con la quale si può interagire, un blog di sostegno e dal nostro account si possono invitare amici.

Le mikons pubbliche (ce ne sono moltissime e molto carine) si possono utilizzare anche senza registrarsi al sito.

Post correlati

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


9 Risposte a “Mikons: divertente strumento per la creazione di loghi e icone on line”

  1. Pandemia dice:
    Pubblicato sabato 26 agosto 2006 alle 10:34

    Blog come Repubblica, copiare senza linkare

    Copiare testi e immagini da un sito, violando la sua licenza d’uso, è un comportamento scorretto chiunque sia il soggetto, grande giornale o piccolo blog. Giorni fa stigmatizzavo il comportamento di Repubblica, che aveva copiato una galleria fotografi…

  2. Forum per Webmaster dice:
    Pubblicato sabato 26 agosto 2006 alle 10:51

    Nuovo caso di scopiazzatura, ci facciamo sentire?

    Carissimi,

    il povero Maestro Alberto è stato due volte vittima di copioni questa settimana.

    Per sostenerlo ho pensato fosse opportuno dare ampia pubblicità all’ultimo clamoroso caso: [url]http://www…

  3. Alberto Piccini dice:
    Pubblicato sabato 26 agosto 2006 alle 10:56

    Ti ringrazio Luca per il bel post che hai scritto su Pandemia: Blog come Repubblica, copiare senza linkare.

    Spero che questo serva per ottenere in futuro comportamenti eticamente più professionali.

    Vedere anche questo mio post sul plagio.

    Alberto Piccini

  4. Vale dice:
    Pubblicato sabato 26 agosto 2006 alle 20:56

    “eticamente più professionali” ?! ma non vi pare che ci stia prendendo a tutti noi un po’ la mano? 🙂 . Era la segnalazione di un servizio online. Si ok, avranno pure copiato ma non penso che un post di pura segnalazione sia chissà quale opera di ingegno o creativa da tutelare. E lasciamo l’etica per cose più serie della “professionalità”… 🙂 o no?

  5. Alberto Piccini dice:
    Pubblicato sabato 26 agosto 2006 alle 22:46

    Certo ci sono cose più importanti di un post su un simpatico servizio web2.0 americano, sono il primo a rendermene conto.
    Tuttavia, per quanto riesca a sforzarmi, non arrivo bene a comprendere il tuo concetto di etica, né quello di professionalità. Chiamala “correttezza”, se ti sembra meno altisonante, ma il fatto nudo e crudo resta comunque.

    Grazie comunque per il tuo contributo.

  6. Googlisti.com - far sapere è più importante che far ignorare - dice:
    Pubblicato domenica 27 agosto 2006 alle 02:03

    […] IL CRIMINE Da buon apprendista-googlista, il nostro collaboratore ha scovato una bella intervista ai creatori del sito Mikons e da qui, grazie al fido motore di ricerca, è approdato all’articolo di MaestroAlberto, da cui ha effettivamente copiato delle righe di testo ed un’immagine, preoccupandosi di inviare comunque un ping al sito dell’autore, ma non una citazione diretta all’interno dell’articolo apparso su Googlisti. Da un internet point sull’isola di Hvar, i Googlisti hanno visionato (sicuramente in maniera superficiale) l’articolo, e deciso di renderlo pubblico. Da qui è nata una querelle che ci vede purtroppo sul banco degli imputati. Non che la vacanza possa essere un alibi a nostra discolpa, nè tantomeno l’aver affidato il blog ad un (tutto sommato) bravo collaboratore, tuttavia l’istantanea “messa alla gogna” mediatica ci sembra forse un tantino esagerata. Da parte nostra ci siamo sempre assicurati di rendere i giusti meriti alle fonti dei nostri articoli ed approfondimenti, cercando di creare percorsi di lettura interessanti ad alternativi al calderone di notizie citate e stra-citate in tutta la blogosfera. […]

  7. Alberto Piccini dice:
    Pubblicato domenica 27 agosto 2006 alle 09:37

    Voglio riportare il testo della mia mail di risposta alle scuse dello staff di Googlisti:

    Neanche io potevo pensare che potesse succedere tutto questo. Mi dispiace per voi e, dopo aver letto il mea culpa, credo alla vostra buona fede. E’ stato un gesto coraggioso che vi rende merito.
    Non serbo alcun rancore e spero di conservare la vostra stima. Mi auguro che possa essere l’inizio di un rapporto di collaborazione.

    Ma non tutto il male viene per nuocere, io spero infatti che questo in fondo piccolo episodio possa servire da monito a chi scopiazza vilmente in internet, senza preoccuparsi dei meriti altrui.
    Negli ultimi giorni mi è successo già 3 volte!
    Mi riservo di scrivere anch’io a mente fredda un post di chiarimento sull’accaduto.

    Alberto

  8. Googlisti dice:
    Pubblicato domenica 27 agosto 2006 alle 10:14

    I Googlisti si scusano per lo sgradevole episodio.
    Tutti i dettagli all’indirizzo http://googlisti.com/27/08/mea-culpa.html

    Grazie

  9. maestroalberto » Archivio Blog » La buona educazione del blogger contemporaneo dice:
    Pubblicato lunedì 28 agosto 2006 alle 14:16

    […] Ho pubblicato un post e mi sono accorto che una parte di esso ed una immagine da me creata (ospitata sul mio account di BubbleShare) erano state copiate da un altro blog. […]

Lascia un commento




Il tuo commento:




Seguimi su Pinterest

albertopiccini.it

Se stai cercando notizie e contenuti sul mondo della Scuola Primaria, clicca sul banner sopra.