Wix: creare siti web son è mai stato così facile

Mi è capitato spesso in passato su questo blog di parlare di Wix.com, un sistema per creare un sito web gratis completo, professionale ed elegante in maniera semplice ed intuitiva.

Questo servizio migliora la sua offerta di strumenti per la pubblicazione di contenuti sul web di anno in anno offrendo sempre nuove funzionalità e opzioni di produttività tagliate su misura in base alle esigenze più disparate degli utenti.

Il sito è disponibile in tutte le principali lingue e anche in Italiano, offre un ottimo editor e un’interfaccia grafica nella dashboard per la pubblicazione dei contenuti molto intuitiva ed amichevole che rende l’esperienza d’uso gradevole e chiara.

Oltre al testo scritto, anche i contenuti multimediali, le foto e i video, possono essere modificati ed ottimizzati al layout e allo sfondo scelto e ce ne sono davvero tantissimi appositamente studiati per soddisfare qualsiasi esigenza e tipologia di sito da pubblicare online, in base al gusto personale del publisher generico, del blogger inesperto o del webmaster professionale. Il tutto in modo da ottenere con semplicità risultati suggestivi ed accattivati adatti a qualsiasi tipologia d’uso.

Wix, in particolare, offre di continuo nuovi html template (molti dei quali gratuiti), solidi e ben costruiti, in modo che chiunque possa realizzare pagine web uniche e distinguibili dalle migliaia uniformi e poco personali che di solito si trovano nel web.

I temi, tuttavia, sono anche suddivisi per categorie in modo che possano essere reperiti con più immediatezza: business, negozio online, fotografia, video, musica, design, ristoranti e cibo, viaggi e turismo, eventi, portfolio e curriculum, blog e forum, salute e benessere, moda e bellezza, comunità ed educazione, arti creative, landing page (vale a dire una pagina strutturata appositamente in modo che il visitatore la possa raggiungere cliccando un link), ce n’è per tutti i gusti.

Come si può ben intuire dall’elenco precedente, la grande varietà dei temi proposti offre l’occasione di scoprire grafiche per ogni esigenza di pubblicazione, anche la più disparata e particolare.

I layout sono anche suddivisi non solo in base alla novità ma è anche possibile accedere al volo a quelli più popolari che hanno riscosso più successo tra gli utenti e a quelli vuoti da cui partire ex novo, tramite procedure guidate, nella costruzione di un sito web.

Di ogni tema è disponibile un’anteprima sia desktop, sia mobile, per rendersi bene conto del suo futuro impatto grafico quando lo utilizzeremo e per capire al meglio se è adatto alle proprie necessità.

Per iniziare a costruire un sito si può anche usare la Wix Artificial Design, l’intelligenza artificiale appositamente studiata dalla piattaforma in grado di guidare l’utente nella scelta della pubblicazione e capace di creare un sito web in pochi minuti semplicemente rispondendo a sei domande specifiche sul contenuto del sito da pubblicare: l’attività, il target e il tipo di business, la propria storia professionale, i risultati già conseguiti e la possibilità di aggiungere tasti per invitare gli utenti a svolgere una determinata azione nel sito (acquisti, iscrizioni a mailing list, appuntamenti, prenotazioni, ecc.).

Come detto, anche l’editor è un punto di forza di Wix, non solo per la sua interfaccia visuale particolarmente intuitiva, ma anche perché da esso è possibile dare sfogo alla creatività sfruttando alcune basilari conoscenze di programmazione e l’utilizzo di un po’ di codice per chi ne avesse un minimo di padronanza.

In buona sostanza con Wix si può procedere alla pubblicazione di un sito web da soli, senza ricorrere a costose agenzie o a professionisti del settore e ottenere risultati più che validi, sia da un punto di vista grafico, sia riguardo la produttività.

Tra le varie opzioni offerte da Wix ricordo anche l’inclusione di grafiche 3D, i menù e i contenuti fissi, le pagine infinite, private e protette, le gallerie di immagini di libero utilizzo prive di copyright da cui reperire immagini generiche, i tantissimi layout e modelli già pronti anche per siti di negozi di shopping online, il logo maker, la procedura guidata per la costruzione di siti web, la landing page, la funzione one page, l’ottimizzazione automatica delle pagine per dispositivi mobili, il servizio hosting con assistenza 7 giorni su 7, 24 ore su 24, la possibilità di pubblicare domini di primo livello personalizzati, le statistiche dei visitatori, la ottimizzazione SEO (ossia per i motori di ricerca), l’email marketing, l’app market, il generatore di app personali, le funzioni social integrate.

La maggior parte di questi strumenti sono offerti gratuitamente ma c’è la possibilità di aggiungere funzionalità e contenuti premium con pochi euro mensili.

In definitiva Wix fa della flessibilità il suo aspetto migliore assieme alla semplicità d’uso: non bisogna certo conoscere complicati linguaggi di programmazione per usarlo. Non si tratta di una proposta per creare siti web come ce ne sono tante in internet ma di un servizio che offre pacchetti completi, scalabili e personalizzabili in grado di soddisfare le necessità di chiunque e qualsiasi bisogno specifico.

Dal blogger alle prime esperienze al privato che necessitano di visibilità online, dall’istituzione all’azienda che vogliono promuovere le loro attività e il proprio marchio, da chi ha bisogno di una singola pagina pubblicitaria a coloro che invece generano grandi flussi di contenuti quotidianamente, Wix è in grado di accontentare tutti.

Quando parliamo di Wix, ci riferiamo a una realtà consolidata e matura a cui affidarsi, certi di non essere lasciati soli nello sviluppo dei  propri progetti web e sicuri della continua offerta di strumenti professionali sempre più maturi e innovativi.

123apps: web app gratuite per la produttività

123apps è un sito che propone una serie di web app gratuite dedicate alla produttività.

Ci sono strumenti per la gestione, l’editing e la conversione di documenti PDF, un audio cutter, uno strumento per unire file audio, un convertitore audio, un convertitore video in vari formati, un video cutter,  un registratore della voce e un estrattore di file compressi.

Come detto tutti i tool funzionano via web grazie ad un semplice browser ed a una connessione internet e quindi non è necessario installare alcun software.

Le app sono intuitive e molto semplici da utilizzare.

I servizi offerti sono gratuiti ma presentano pubblicità.

Jamboard: app per la lavagna interattiva di Google che funziona in qualsiasi dispositivo

Quando si parla di Jamboard si intende sia lo schermo touch prodotto e venduto da Google con la partnership di BenQ, sia l’app pensata per la suddetta lavagna ma che può essere usata da tutti e che funziona in qualsiasi dispositivo: browser internet, app Android o Apple iOS.

Jamboard, infatti, è disponibile per chiunque disponga di un account Google ed è integrata come app direttamente in Google Suite for Education.

Le sue caratteristiche sono essenziali ma molto potenti ed intuitive. Tramite l’app per tablet e smartphone si possono ottenere funzionalità aggiuntive, salvare lezioni anche su più pagine e ritrovarsele pronte sul proprio account via browser internet (vedi link sopra).

Una delle funzioni più intriganti è sicuramente il disegno automatico, vale a dire l’implementazione di un esperimento di Google che permette di trasformare schizzi in disegni veri e di cui ho parlato qui: Auto Draw.

Per il resto si può ovviamente scrivere, cancellare, inserire note, schermate, immagini, un po’ come avviene su tutte le lavagne interattive disponibili online, ed è possibile invitare persone a collaborare e condividere i lavori sia in forma privata tramite link o pubblica addirittura pubblicandoli nei social.

Le lavagne possono essere anche rinominate, rimosse o scaricate in formato immagine o PDF e saranno salvate automaticamente all’interno del proprio account Google Drive.

Sicuramente Jamboard rende al meglio su dispositivi touch, magari muniti di penna digitale e quindi anche sulle LIM scolastiche.

Sotto un video tutorial di Alessandro Bencivenni, il Prof Digitale che spiega molto bene il funzionamento dell’app di Jamboard e l’uso che gli insegnanti possono farne sia a casa per preparare lezioni, sia in classe per proporle agli studenti.

Typewrite Something: simulatore web delle vecchie macchine da scrivere meccaniche

In piena era digitale molti bambini e ragazzi di sicuro non hanno mai visto una vecchia macchina da scrivere e tanto meno conoscono il suo funzionamento.

Typewrite Something è un simulatore web delle vecchie macchine da scrivere meccaniche che, almeno parzialmente, colma questa lacuna e ricorda i vecchi tempi della celeberrima Olivetti, ormai rimasta oggetto di culto nei mercatini di modernariato.

L’interfaccia dello strumento è estremamente minimalista, c’è soltanto una pagina grigia che simula la carta e nessun altro controllo aggiuntivo.

Insomma bisogna soltanto scrivere e ascoltare i suoni meccanici caratteristici di quando si premono i tasti dei caratteri e di quando si ritorna a capo premendo il tasto invio.

L’aspetto più interessante di Typewrite Something tuttavia è che, proprio come con le vecchie macchine da scrivere, non si possono cancellare i nostri errori, al massimo si può digitare la correzione sopra senza nemmeno l’ausilio del famigerato bianchetto.

È necessario inoltre utilizzare il ritorno a capo per iniziare a scrivere su una nuova linea, una funzione che oggi è automatizzata nei moderni editor di testo.

Di certo è uno strumento più curioso che utile, serve forse solo ad alimentare il ricordo di un tempo andato.

Personas: un generatore di avatar molto semplice da usare

Personas è un generatore di avatar molto semplice da usare.

Si tratta di un progetto open source curato da Drafbit, una  piattaforma per lo sviluppo di applicazioni mobili, che offre anche questa applicazione web.

Si tratta di un’app molto intuitiva con cui chiunque può creare il proprio avatar da utilizzare nelle reti sociali ma anche in contesti e progetti diversi.

Per esempio per realizzare le figure del profilo degli studenti di una classe mantenendo la loro privacy senza pubblicare foto personali e via dicendo.

Lo strumento fornisce otto diverse funzionalità per creare l’avatar personalizzato: pelle, capelli, viso, corpo, occhi, bocca, naso e colore di sfondo dell’immagine della nostra reincarnazione immaginaria.

Una volta terminata la scelta di ciascun elemento e siamo soddisfatti del risultato, possiamo scaricare l’avatar in formato immagine PNG per utilizzarlo nei nostri progetti, nei social o in qualsiasi altro modo in cui abbiamo bisogno.

Molto comoda è la funzione randomize che permette di generare avatar a caso.

Su Github è anche possibile scaricare il codice per utilizzarlo all’interno di un sito web.

Come colorare foto in bianco e nero automaticamente

Chi di noi non conserva qualche vecchia foto in bianco e nero e non ha mai provato la curiosità di vedere come potrebbe essere stata a colori? Magari foto di famiglia e le classiche foto di classe di tanti anni fa.

Fortunatamente ci sono alcune semplicissime applicazioni web che permettono di farlo, trasformando foto in bianco e nero a colori automaticamente, senza il bisogno di usare complicati software di foto editing.

Le migliori che ho provato sono AlgorithmiaColorize.

Colorize è un’applicazione web molto semplice dove basta caricare l’immagine in bianco e nero che vogliamo colorare, oppure inserire il link se è già disponibile nel web.

Una volta che la fotografia è stata caricata possiamo fornire il nostro indirizzo email e attendere che il sistema elabori il colore dell’immagine: Il tempo necessario alla conversione dipenderà dalla qualità e dal contenuto del file inviato.

Una volta che l’immagine è stata elaborata, la riceveremo direttamente nella nostra casella di posta elettronica.

Algorithmia si comporta praticamente allo stesso modo: si carica una foto (o se ne indica l’URL) e si attende il processo di conversione per poi procedere al download.

È possibile scaricare non solo l’immagine colorata ma anche la comparazione tra la foto in bianco e nero e quella a colori (vedi sopra).

Algorithmia offre tutta una serie di altri tool, soprattutto dedicati alla grafica digitale, accessibili dalla sua homepage.

Non sempre i risultati delle due app sono ottimali e in base ad alcuni miei test la seconda spesso si fa preferire alla prima.

Entrambi i servizi sono gratuiti e di libero utilizzo e forniscono API per gli sviluppatori che li vogliono implementare. 


Pixel Art

Pixel Art

Coding

Coding

albertopiccini.it

Se stai cercando notizie e contenuti sul mondo della Scuola Primaria, clicca sul banner sopra.

Seguimi

Fanpage: